Il giudizio degli altri

I classici del pensiero libero, 28

Voto medio di 132
| 27 contributi totali di cui 13 recensioni , 14 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Schopenhauer è il filosofo più "alla moda" nella Germania del secondo Ottocento, l'ispiratore di Wagner e del giovane Nietzsche.Dalla prefazione di Paola Capriolo
Ajeje Brazov
Ha scritto il 23/03/17
"A causa di una particolare debolezza della natura umana si attribuisce, in genere, soverchia importanza a ciò che uno rappresenta, vale a dire a ciò che noi siamo nell'opinione altrui; anche se, per poco che riflettessimo, comprenderemmo che ciò non...Continua
Lizy 90
Ha scritto il 11/03/17
SPOILER ALERT
Pg. 24. Dobbiamo renderci per tempo - e ciò contribuirà alla nostra felicità - di una semplice verità: ciascuno vive, prima di tutto dentro la propia pele, e non già nell'altrui opinione. Pg. 25. Vanità, vanitas, a significare il vuoto, la vacuità d...Continua
Free style
Ha scritto il 31/03/16
Geniale

Incredibile come un libro scritto nell'800 possa essere così terribilmente attuale. Non voglio dire se sia un male o sia un bene, ma sembra che quello che pensava la gente prima è proprio uguale a quello che pensa la gente ora. Apparenza!

LeoNick85
Ha scritto il 24/05/14
Brillante estratto del lavoro di Schopenhauer, apprezzabile soprattutto per la sua attualità nonostante i molti anni passati. In particolare la parte centrale, che si focalizza sulle storture dell'onore cavalleresco, si rivela molto interessante se a...Continua
Vale Coccio 90
Ha scritto il 14/09/12

Anche Schopenhauer sapeva il fatto suo. Molto riflessivo come libro. Da dedicarci un paio di giorni :)


bluish
Ha scritto il May 18, 2013, 14:03
Se, invece, la cosa più importante fosse l'ammirazione in sé, ciò che ne fosse oggetto non ne sarebbe degno; ed è veramente così nel caso di una fama falsa, vale a dire immeritata.
Pag. 70
bluish
Ha scritto il May 18, 2013, 13:56
Se, poi, la fama si spegne veramente, se chi la possedeva le sopravvive, vuol dire che era falsa, cioè immeritata, dovuta a una momentanea sopravvalutazione, quando non si trattava di una fama come quella di Hegel, una fama cioè come quella di cui Li...Continua
Pag. 66
bluish
Ha scritto il May 18, 2013, 13:53
Socrate [...] quando uno gli disse: "Ma quello lì non ti insulta? non ti offende?" rispose: "No; ciò che dice non si adatta a me".
Pag. 44
bluish
Ha scritto il May 18, 2013, 13:51
Mario, una volta, fu sfidato a duello da un capo teutone; l'eroe gli fece rispondere che, se era stufo della vita, si impiccasse; gli offrì, tuttavia un gladiatore ormai fuori servizio, con cui avvrebbe potuto azzuffarsi a suo piacimento.
Pag. 43
bluish
Ha scritto il May 18, 2013, 13:48
[...] sesso maschile - che, grazie alla superiorità fisica e intellettuale, possiede per natura tutti i beni terreni - [...]
Pag. 31

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi