Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il grande amico

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Oscar classici moderni, 54)

3.7
(787)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 223 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Olandese , Catalano

Isbn-10: 8804358424 | Isbn-13: 9788804358428 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Anna Banti

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Rilegato in pelle , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Foreign Language Study , Teens

Ti piace Il grande amico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    “La nostra avventura è terminata. L’inverno di quest’anno è morto come la tomba. Forse quando moriremo, forse la morte sola potrà darci la chiave e il seguito e la fine di questa avventura mancata.”

    Augustin Meaulnes appare una fredda mattina di Novembre. Ha appena diciassette anni ma già una vita difficile alle spalle, un padre defunto, una madre con gravi problemi finanziari.
    E’ un ribelle Augustin, come di solito lo si è a quell’età, è alto, ha i capelli rasati, è forte, è carismat ...continua

    Augustin Meaulnes appare una fredda mattina di Novembre. Ha appena diciassette anni ma già una vita difficile alle spalle, un padre defunto, una madre con gravi problemi finanziari.
    E’ un ribelle Augustin, come di solito lo si è a quell’età, è alto, ha i capelli rasati, è forte, è carismatico, si intuisce subito che è un ragazzo in gamba, un ragazzo in grado di sfidare il mondo e di andare oltre quelli che sono i propri limiti.
    Giunge in un paesino denominato Sainte-Agathe, nella pensione dei genitori di Francois Seurel, quindicenne timido e impacciato che rimane subito colpito dal carattere di questo ragazzo.
    Tra Francois e Augustin nasce una profonda amicizia, un amicizia fatta di scorribande, di sogni che si fondano con la realtà, di notti insonni, di piccoli traguardi e di sconfitte, di passioni e di ribellioni, di amori impossibili e di profonda amicizia., un’amicizia destinata a durare nel tempo, anche quando le circostanze della vita sembrano volerli allontanare per sempre.
    Un finale malinconico chiude la storia, malinconico come tutta l’esistenza di Meaulnes, come il suo amore impossibile per una giovane donna che, anche se incontrata solo per un brevissimo tempo, ha riempito di luce e di senso tutta la sua esistenza.
    Alain Fournier morì nel pieno della sua giovinezza durante il primo conflitto mondiale e questo suo romanzo d’esordio lo si può considerare l’epilogo della sua intera opera narrativa, un romanzo che a me ha ricordato molto altri due capolavori della letteratura, “l’amico ritrovato” di Ulhman e “I ragazzi della via Pal” di Molnar, un romanzo che è l’elegia della purezza, della bellezza e della follia dell’adolescenza e della prima gioventù, quando ti senti spavaldo, quando credi che tutto il mondo sia ai tuoi piedi, quando ti senti il padrone dell’universo intero.
    E’ la storia di una profonda amicizia tra due ragazzi di una provincia francese che ormai non esiste più, è un libro di amori che nascono come se fossero il frutto di un incantesimo e vengono trascinati via dallo scorrere inesorabile del tempo, un romanzo che custodisce dentro di sé l’inquietudine e la malinconia che a volte accompagna la prima giovinezza, un romanzo sincero, semplice, appassionato come il giovane Meaulnes e il suo difficile percorso per entrare nel mondo degli adulti.
    Arrivati alla fine ci si domanda se esista davvero la felicità o se sia soltanto un’utopia…la risposta la si può trovare nello spirito di questo ragazzo che volge sempre lo sguardo verso l’orizzonte, nella speranza di cogliere, anche solo per un breve e misero istante, un briciolo di quella felicità.

    ha scritto il 

  • 0

    Coevo di Proust

    Coevo ai primi libri della Recherche di Proust (La strada di Swann ), uscito nel 1914, questo è ancora un romanzo ottocentesco, sia nella struttura, sia nel disegno dei personaggi. Anzi, questo autore mi riporta più al romanzo russo che a quello francese della stagione del naturalismo. Ciò detto ...continua

    Coevo ai primi libri della Recherche di Proust (La strada di Swann ), uscito nel 1914, questo è ancora un romanzo ottocentesco, sia nella struttura, sia nel disegno dei personaggi. Anzi, questo autore mi riporta più al romanzo russo che a quello francese della stagione del naturalismo. Ciò detto, il libro, dopo un inizio piuttosto farraginoso, decolla non solo e non tanto nell'intreccio, quanto per l'indubbia capacità dell'autore nel creare atmosfere magiche pur rimanendo aderente alla cura minuziosa del dettaglio. Per contro trovo che la figura del protagonista, con il suo desiderio inappagato di avere altro, di essere altrove, di fuggire e rincorrere sempre qualcosa di nuovo, con il rimpianto del mancato raggiungimento dell'obiettivo antico, sia potente e non banale, e sia forse più moderna e novecentesca dello stile un po' datato dell'autore

    ha scritto il 

  • 4

    Il grande Meaulnes

    “Ma ora lo so: quando scopersi il Dominio senza nome ero in uno stato così alto di perfezione e di purezza che non toccherò mai più. Solo nella morte, te l’ho scritto un giorno, ricordi?, ritroverò forse la bellezza di allora…”

    ha scritto il 

  • 3

    Libro erede dei romanzi di formazione, in cui la classica domanda: che cosa vuol dire crescere? si trasforma in 'che cosa vuol dire non crescere'? non cresce Moulnes, sempre convinto che la felicità stia da un'altra parte rispetto a dove sta lui, non cresce Francois, incapace di vivere una propri ...continua

    Libro erede dei romanzi di formazione, in cui la classica domanda: che cosa vuol dire crescere? si trasforma in 'che cosa vuol dire non crescere'? non cresce Moulnes, sempre convinto che la felicità stia da un'altra parte rispetto a dove sta lui, non cresce Francois, incapace di vivere una propria vita, che passa il tempo a rosicchiare le briciole di felicità che gli procura l'amico. Romanzo moderno, pieno di tensioni, irrisolto.
    Traduzione orribile.

    ha scritto il 

  • 5

    Il Pierrot che cade

    Un libro bellissimo. L'inizio non è niente di speciale, anzi potrebbe dare l'idea di una storia un po' d'altri tempi, come d'altri tempi sembra per buona parte la trama. Ma nel romanzo c'è qualcosa di bellissimo che è soprattutto l'atmosfera, il mistero, la stranezza di certe situazioni, l'inaffe ...continua

    Un libro bellissimo. L'inizio non è niente di speciale, anzi potrebbe dare l'idea di una storia un po' d'altri tempi, come d'altri tempi sembra per buona parte la trama. Ma nel romanzo c'è qualcosa di bellissimo che è soprattutto l'atmosfera, il mistero, la stranezza di certe situazioni, l'inafferrabilità. Un ragazzino, il protagonista della storia, il grande Maulnes, si ritrova per puro caso a partecipare a una festa dove conosce una ragazza e se ne innamora subito. Il castello in rovina, l'eccentricità della situazione, gli zingari, la recita, il non conoscere nessuno, gli oggetti. Ogni cosa crea un'atmosfera particolare, qualcosa che il grande Maulnes continuerà a rimpiangere e che prende di volta in volta sembianze diverse. All'inizio è la ragazza che crede di amare immensamente. Poi è la ragazza dell'amico che deve salvare dalla rovina e che forse ama. Il suo cuore cerca sempre qualcosa d'inafferrabile, d'ideale, l'avventura. Gli zingari, i loro spettacoli, il loro modo di vivere sono descritti con quel pizzico di desiderio per una vita piena di inquietudine da una persona piena di inquietudine. L'autore si sdoppia in questa storia. Cioè il racconto è fatto in prima persona dal migliore amico di Maulnes, (anche lui innamorato delle sue avventure e della sua donna). L'incontro con la ragazza che ha ispirato il romanzo è una storia capitata davvero all'autore e questo è il suo unico incredibile romanzo. Perciò chi scrive è al tempo stesso l'innamorato e l'amico e con questa duplice faccia parla alla donna che ama nell'unico modo a lui possibile. Anche il finale è molto bello. E' bello il fatto che Maulnes desideri sempre qualcosa che non è più alla sua portata, che la vita non sia mai appagante ma una continua rincorsa a qualcosa che non è più lì ad aspettare.

    ha scritto il 

  • 5

    È un libro bellissimo e molto triste. Passata la magia che era il Dominio e le feste e la ragazza eterea e misteriosa tutto declina in un susseguirsi di angosce che si protraggono fino al termine del racconto. Ma è proprio quando la narrazione si fa ansiogena che ci si accorge di essersi affezion ...continua

    È un libro bellissimo e molto triste. Passata la magia che era il Dominio e le feste e la ragazza eterea e misteriosa tutto declina in un susseguirsi di angosce che si protraggono fino al termine del racconto. Ma è proprio quando la narrazione si fa ansiogena che ci si accorge di essersi affezionati a Meaulnes e François, tanto da desiderare che il libro finisca e con esso tutte le loro vicissitudini. Purtroppo questo non succede e nemmeno la fine concede un po’ di serenità, anzi, lascia quasi una sensazione di incompiuto e sospeso molto sgradevole ma nonostante tutto, mi pare, saziante.

    Alain-Fournier, ''Lettera a Jacques Riviere'', 4 aprile 1910
    Il grande Meaulnes, l'eroe del mio libro, è un uomo la cui infanzia fu troppo bella. Durante tutta la sua adolescenza se la trascina dietro. Di tanto in tanto pare che tutto quel paradiso immaginario che fu il mondo della sua infanzia stia per sbocciare al culmine delle sue avventure o per alzarsi su uno dei suoi gesti. Ma sa già che questo paradiso non può esistere di nuovo. Ha rinunciato alla felicità. Vive nel mondo come qualcuno che sia sul punto di andarsene. È questo il segreto della sua crudeltà.

    ha scritto il 

  • 4

    i Classici

    non sono mai stata una grande appassionata di Classici e quando mi trovo a leggerne uno non lo trovo mai bello e appassionante, ma quasi noioso. quando ho iniziato a leggere questo libro dello scrittore francese Alain Fournier non avevo grandi aspettative, già pregustavo una lettura che si sarebb ...continua

    non sono mai stata una grande appassionata di Classici e quando mi trovo a leggerne uno non lo trovo mai bello e appassionante, ma quasi noioso. quando ho iniziato a leggere questo libro dello scrittore francese Alain Fournier non avevo grandi aspettative, già pregustavo una lettura che si sarebbe trascinata avanti a fatica. due giorni dopo l'inizio del libro invece mi sono ritrovata alla fine di esso. sono rimasta stupita dalla semplicità della scrittura, ma allo steso tempo dalla complessità dei pensieri che invece sono presentati sotto forma semplice e quasi banale. fin dall'inizio ho notato che sarebbe stato un libro strano e diverso dalle altre letture. il libro è diviso in 3 parti , ma i grandi cambiamenti sono 2. Durante la prima parte del libro i sogni fanciulleschi e le avventure surreali che diventano quasi del tutto vere accompagnano il lettore nel mondo di un ragazzino che non vede l'ora di vivere nuove avventure ed esperienze. durante la seconda parte di esso invece il mondo dei bambini viene improvvisamente distrutto e sostituito da quello duro e monotono degli adulti, pur sempre col pensiero di tornare a vivere le dolcezze del mondo fanciullesco. un romanzo di formazione decisamente affascinante.

    ha scritto il 

  • 3

    -Il grande Meaulnes- di Giulia Pintossi

    Il grande Meaulnes, un libro di Alain-Fournier.
    Ambientato nella Francia del 1800, questo libro è stato il primo e ultimo libro scritto da Alain, prima di morire sul fronte prematuramente, all’età di ventotto anni. Tutto iniziò nella vecchia casa della Sainte-Agathe ,quando un giorno Franç ...continua

    Il grande Meaulnes, un libro di Alain-Fournier.
    Ambientato nella Francia del 1800, questo libro è stato il primo e ultimo libro scritto da Alain, prima di morire sul fronte prematuramente, all’età di ventotto anni. Tutto iniziò nella vecchia casa della Sainte-Agathe ,quando un giorno François , tornando a casa, vede una vecchia signora con i capelli grigi, che guarda dentro le sue finestre, come se fosse alla ricerca di qualcuno. E fu’ proprio poco più tardi che conobbe Augustin Meaulnes, conosciuto però con il nome del ‘’ Grande Meaulnes’’… François e Augustin fanno subito amicizia, anche se in Augustin c’è qualcosa di strano, è alla continua ricerca della felicità. Fino a che non incontra la bellissima Yvonne, e si vedrà come la maggior parte del romanzo ruota intorno a lei. Mi è piaciuta maggiormente la figura di Meaulnes, mi dava l’idea di un tipo misterioso, tutto da scoprire, e anche imprevedibile. Questo libro è una vera e propria perla, che ci mostra come l’amicizia e l’amore vincono su tutto. Un romanzo auto-biografico, nella quale racconta un po’ la sua storia. Merita di essere letto, non troppo impegnativo e ricco di insegnamenti.

    ha scritto il 

Ordina per