Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il grande silenzio

Intervista sugli intellettuali

By Alberto Asor Rosa

(147)

| Paperback | 9788842089865

Like Il grande silenzio ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ci sono epoche buie in cui gli intellettuali si nascondono, si mimetizzano e sembrano non esistere. un piccolo testo da tenere in libreria, per ricordare il vero significato dei libri...

    Is this helpful?

    Pensieri said on Jan 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    pensiero forte, pensiero critico, valori

    da leggere il Capitolo VIII - A OGNUNO PUZZA QUESTO BARBARO DOMINIO

    Is this helpful?

    Raff Paradiso said on Oct 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Grazie a questo libro-intervista di Alberto Asor Rosa con Simonetta Fiori, vengo finalmente a sapere quale sia l'origine dello strano cognome del critico letterario: credevo sinora che se lo fosse inventato lui; al contrario, esso risale all'Ottocent ...(continue)

    Grazie a questo libro-intervista di Alberto Asor Rosa con Simonetta Fiori, vengo finalmente a sapere quale sia l'origine dello strano cognome del critico letterario: credevo sinora che se lo fosse inventato lui; al contrario, esso risale all'Ottocento e, secondo quanto si tramanda in famiglia, fu escogitato da un antenato bolognese per distinguere dalla famiglia legittima la famiglia parallela "di fatto" che il diritto dello Stato Pontificio l'obbligava in qualche modo a riconoscere.
    Si tratta d'un saggio del tipo proliferante in questo periodo di smarrimento culturale che l'Italia sta attraversando, sicché legittimamente non ci si potrebbero attendere chi sa quali originalità, soprattutto se, com'è il mio caso, negli ultimi anni si è un po' seguita anche la produzione giornalistica di Asor Rosa, ovviamente spesso echeggiata nelle sue risposte. Viceversa, rispetto ad altri autori di libelli analoghi, Asor Rosa è sempre molto più interessante, anche grazie alle domande che gli pone Simonetta Fiori, perché non si limita a criticare (doverosamente) i guasti della telecrazia e del berlusconismo, ma passa ad analizzare il ruolo degl'intellettuali nella vita pubblica italiana dal Risorgimento ad oggi, ravvisando proprio nella loro debolezza, nello scetticismo e nell'acquiescenza che ne hanno spesso attraversato il ceto una delle fonti di responsabilità sia del fascismo sia della decadenza civile degli ultimi anni. La situazione odierna è a suo avviso particolarmente grave perché l'attuale classe dirigente, a differenza anche di quella fascista, s'è culturalmente distaccata da qualsiasi riferimento storico alla nostra identità nazionale: sicché è evidente l'importanza enorme che gli uomini di cultura, la scuola e l'università, quali ne siano le colpe passate che possano aver favorito tale deriva, posseggono quali punti di resistenza e di riferimento, pur in un mondo in cui s'è nettamente ridotto il compito di guida che l'intellettuale all'interno della società esercitava fin dai tempi dell'Illuminismo. Direi anzi che l'esame della figura e della storia degl'intellettuali costituisce tra le parti più interessanti del testo.
    Da tutto ciò emerge la necessità di preservare con forza l'educazione storico-letteraria dei giovani: e l'autore non manca di criticare certe riforme scolastiche introdotte negli ultimi anni da governi di vario colore.
    Esemplari anche le sue osservazioni sulla politica e la storia della sinistra italiana; n'esce l'ennesima conferma che spesso, se i politici ascoltassero un po' gl'intellettuali anziché fare di testa propria, ne guadagneremmo un po' tutti; e che l'antiintellettualismo della classe dirigente italiana è uno dei principali fattori della sua mediocrità e arretratezza.

    Is this helpful?

    Asclepiade said on Nov 22, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Il grande silenzio 2009

    Alberto Asor Rosa, 2009. Editori Laterza, prima edizione Saggi Tascabili, luglio 2009. A cura di Simonetta Fiori.

    Is this helpful?

    Lalla said on Jul 10, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Se l’autore voleva spiegare a me, ventiduenne che gli intellettuali in Italia li ho visti solo nelle barzellette, per quale motivo questi sono spariti dalle discussioni importanti che riguardano il paese beh… ha fallito miseramente… esame non super ...(continue)

    Se l’autore voleva spiegare a me, ventiduenne che gli intellettuali in Italia li ho visti solo nelle barzellette, per quale motivo questi sono spariti dalle discussioni importanti che riguardano il paese beh… ha fallito miseramente… esame non superato caro professore!!! (perdonate, ma da studente rimandato agli esami è divertente vendicarsi con la categoria!!!!)
    L’autore mette in scena il raccontino della sua storia e delle sue partecipazioni politiche condite dei suoi amici o colleghi intellettuali della sinistra italiana. Nessun riferimento agli intellettuali della destra, che quindi deduco non ci siano mai stati, ma allora il titolo dovrebbe parlare della scomparsa degli intellettuali di sinistra, non di tutti gli intellettuali dalla politica.
    Pazienza, se il libro delude le aspettative rimane comunque una lettura passabile, almeno per la lunghezza che si ferma a circa 170 pag.
    Ma se avete di meglio da leggere…… rifilatelo a qualcun altro.

    Is this helpful?

    Libero 87 said on Jul 10, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il libro è molto interessante poichè traccia la storia intensa tra politica e cultura, tra prospettive politche e maitre a penser.
    sembra scritto da un giovane studioso, ma Asor Rosa è un decano della lettaratura italiana. La freschezza delle idee, d ...(continue)

    Il libro è molto interessante poichè traccia la storia intensa tra politica e cultura, tra prospettive politche e maitre a penser.
    sembra scritto da un giovane studioso, ma Asor Rosa è un decano della lettaratura italiana. La freschezza delle idee, delle analisi lascia senza parole.

    Interessantissimo l'ultimo capito dedicato alla scuola e all'università, sopratutto perchè c'è ancora qualcuno che parla di questi istituti fondamentali per lo sviluppo di una nazione.
    buona lettura

    Is this helpful?

    Mariannabonghi said on Jun 28, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (147)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 181 Pages
  • ISBN-10: 8842089869
  • ISBN-13: 9788842089865
  • Publisher: Laterza
  • Publish date: xxxx-xx-xx
Improve_data of this book