Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il guardiano degli innocenti

Di

Editore: Nord (Narrativa, 404)

3.8
(707)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 370 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Polacco

Isbn-10: 8842916595 | Isbn-13: 9788842916598 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Raffaella Belletti

Disponibile anche come: Altri

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il guardiano degli innocenti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Geralt è uno strigo, un individuo più forte e resistente di qualsiasi essere umano, e si guadagna da vivere quelle creature che sgomentano anche i più audaci: demoni, orchi, elfi malvagi... Strappato alla sua famiglia quand'era soltanto un bambino, Geralt è stato sottoposto a un durissimo addestramento, durante il quale gli sono state somministrate erbe e pozioni che lo hanno mutato profondamente. Non esiste guerriero capace di batterlo e le stesse persone che lo assoldano hanno paura di lui. Lo considerano un male necessario, un mercenario da pagare per i suoi servigi e di cui sbarazzarsi il più in fretta possibile. Anche Geralt, però, ha imparato a non fidarsi degli uomini: molti di loro nascondono decisioni spietate sotto la menzogan del bene comune o diffondono ignobili superstizioni per giustificare i loro misfatti. Spesso si rivelano peggiori dei mostri ai quali lui dà la caccia. Proprio come i cavalieri che adesso sono dulle sue tracce: hanno scoperto che Geralt è gravemente ferito e non vogliono perdere l'occasione di eliminarlo una volta per tutte. Per questo lui ha chiesto asilo a Nenneke, sacerdotessa del tempio della dea Melitele e guaritrice eccezionale, nonché l'unica persona che può aiutarlo a ritrovare Yennefer, la bellissima e misteriosa maga che gli ha rubato il cuore...
Ordina per
  • 3

    L'ho trovato frammentario e, a tratti, un po' noioso. Ma è colpa mia: l'ho letto come un romanzo, ma ho scoperto poi che in raltà è una raccolta di racconti travestita da romanzo.

    ha scritto il 

  • 0

    Il Guardiano degli innocenti

    Prima lettura (3 Stelle)


    Ho comprato questo libro attratto dalla copertina e anche per la curiosità di leggere un romanzo dedicato a questo personaggio che ho conosciuto tramite il videogioco per Pc. L'ho iniziato tre giorni fa e, devo dire, inizialmente mi aveva fatto storcere il naso per ...continua

    Prima lettura (3 Stelle)

    Ho comprato questo libro attratto dalla copertina e anche per la curiosità di leggere un romanzo dedicato a questo personaggio che ho conosciuto tramite il videogioco per Pc. L'ho iniziato tre giorni fa e, devo dire, inizialmente mi aveva fatto storcere il naso per la quantità elevata (forse troppo) di dialoghi. Dialoghi che, comunque, sono ben gestiti e mai banali o incoerenti; per la scarsa quantità di descrizioni, infatti, inizialmente, le ambientazioni nelle quali "naviga" il protagonista non vengono descritte, così come i mostri che, nei dialoghi, vengono accennati. Andando avanti con la narrazione, però, questi difetti vengono in parte colmati, per fortuna: le descrizioni si fanno via via più chiare e dettagliate, senza, però, esagerare. Sia chiaro, non cercavo descrizioni dettagliatissime, anche perchè questo libro non fa parte della saga vera e propria, ma è una serie di racconti. Questi li ho trovati molto interessanti e ben diversificati. I personaggi che agiscono nelle varie storie sono abbastanza carismatici e la quantità e l'originalità delle creature è ampia. Il protagonista è quello descritto meglio e ha un carisma impressionante.

    Insomma, è un libro, questo, veloce e carino, ma non è un capolavoro. E' una lettura veloce. La consiglio a coloro che cercano una lettura poco impegnativa.

    Rilettura. (4 stelle)

    Vista la mia decisione di leggere la saga nel suo insieme, ho dovuto riprendere in mano il libro che avevo già letto tempo addietro e che all'epoca avevo valutato come discreto. Oggi, a rilettura finita, penso che si meriti una bella stella in più. Non so, forse la prima volta non era quella giusta... Continuerò con l'autore, perché a parte le descrizioni dei luoghi, ridotte purtroppo all'osso, i dialoghi e i personaggi meritano di essere conosciuti e apprezzati.

    ha scritto il 

  • 4

    Una piacevole scoperta

    Premetto che ho conosciuto il personaggio Geralt di Rivia tramite i videogiochi. Quindi probabilmente sono facilitato nel comprendere la sua psicologia e i suoi atteggiamenti. In ogni caso sono rimasto piacevolmente colpito da questo testo. Non è un romanzo ma una serie di racconti, ma ho trovato ...continua

    Premetto che ho conosciuto il personaggio Geralt di Rivia tramite i videogiochi. Quindi probabilmente sono facilitato nel comprendere la sua psicologia e i suoi atteggiamenti. In ogni caso sono rimasto piacevolmente colpito da questo testo. Non è un romanzo ma una serie di racconti, ma ho trovato così affascinante il protagonista che mi sono reso conto di non sentire la necessità di avere un filo narrativo continuo, ma di potermi godere le sue avventure anche se slegate tra loro. Non vado assolutamente forte con le catalogazioni, ma potrei farlo rientrare in una specie di "grim dark heroic fantasy"... ben scritto, appassionante, fluido nella lettura. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Le fiabe, che passione!

    Adoro le fiabe in tutte le salse, e questi racconti che hanno per protagonista lo strigo Geralt di Rivia e sono uniti l'uno all'altro solo da un'esile trama, le rivisitano in modo davvero originale!Ho iniziato ogni racconto con la curiosità di scoprire quale fiaba vi sarebbe stata rivisitata, e a ...continua

    Adoro le fiabe in tutte le salse, e questi racconti che hanno per protagonista lo strigo Geralt di Rivia e sono uniti l'uno all'altro solo da un'esile trama, le rivisitano in modo davvero originale!Ho iniziato ogni racconto con la curiosità di scoprire quale fiaba vi sarebbe stata rivisitata, e alcune (come quella della Bella e la bestia) mi hanno davvero colpita per le trovate geniali dell'autore. Non stento a credere che ne abbiano tratto un videogioco bellissimo, mi piacerebbe giocarci *_* Leggerò di sicuro anche la seconda raccolta.

    ha scritto il 

  • 4

    Scrivo questo commento un paio di giorni dopo la fine della lettura del libro in questione. Parto subito dal giudizio finale (personale ovviamente): le quattro stelle se le merita tutte. Ora le premesse: non è un fantasy nel termine stretto. La descrizione del mondo è praticamente assente. Sono p ...continua

    Scrivo questo commento un paio di giorni dopo la fine della lettura del libro in questione. Parto subito dal giudizio finale (personale ovviamente): le quattro stelle se le merita tutte. Ora le premesse: non è un fantasy nel termine stretto. La descrizione del mondo è praticamente assente. Sono presenti umani, maghi, streghe, mostri etc" ma non sono "approfonditi". La magia è presente ma è giusto un "contorno". Tutti questi aspetti che normalmente li vedrei come punti a sfavore in un libro FANTASY, sono il punto forte del libro :). Tutte le 400 pagine sono avventura e azione pura con ottimi dialoghi tra una azione e la successiva. Il libro è una serie di racconti legati da un altro racconto "sparso" nel libro con lo scopo di "introdurre" il personaggio. Scelte morali "dubbie". Il protagonista è dotato di molto carisma. Tutte queste cose sono note a chi ha giocato il gioco "the witcher" e sicuramente se vi è piaciuto il gioco dovete assolutamente leggere questo libro. Per gli altri: beh, se vi piace una lettura scorrevole con tematiche adulte (e non mi riferisco al sesso come spesso accade ) e vi piace l'avventura e l'ambientazione fantasy, e volete (ri)leggere dei classici delle fiabe (la bella e la bestia, biancaneve etc ) scritte da un altro punto di vista, allora prendete seriamente in considerazione questo libro . Per tutti gli altri: lasciatelo perdere :) E' fuori luogo dire che un libro è brutto solo perchè non è il vostro genere ;)

    ha scritto il 

  • 3

    Una raccolta di storielle, (si storielle perchè alcune definirle racconti sarebbe fargli un complimento troppo grande) che ci prensentano Geralt di Rivia, lo strigo... e questo è quasi tutto perchè più che dirci che mestiere fa e qualche altra cosina di più l'autore non aggiunge.

    ha scritto il 

  • 4

    Diversamente Fantasy

    Un fantasy leggermente diverso dal solito, dove per esempio non è detto che gli elfi siano saggi e belli e che il protagonista sia la quinta essenza della rettitudine.
    La trama è interessante, ben costruita. L'alternarsi delle vicende del passato e del presente non crea confusione come spesso ac ...continua

    Un fantasy leggermente diverso dal solito, dove per esempio non è detto che gli elfi siano saggi e belli e che il protagonista sia la quinta essenza della rettitudine. La trama è interessante, ben costruita. L'alternarsi delle vicende del passato e del presente non crea confusione come spesso accade, i periodi sono ben distinti e legati tra loro da un filo logico facilmente percorribile. Non ha un vero e proprio finale, molte cose rimangono in sospeso, ma solo per far correre il lettore a procurarsi il seguito. Unica pecca, è che nei dialoghi ogni tanto ci si perde tra giri di parole e frasi un pò troppo "addobbate".

    ha scritto il 

  • 4

    Di solito la formula di dividere un libro in diversi racconti non mi convince mai molto, in questo caso è una soluzione che funziona molto bene. Mi ha lasciato un po' spiazzato il cambio di stile che si riscontra in alcune storie, nelle quali si perde un po' l'alone di "serietà" e si rimane un po ...continua

    Di solito la formula di dividere un libro in diversi racconti non mi convince mai molto, in questo caso è una soluzione che funziona molto bene. Mi ha lasciato un po' spiazzato il cambio di stile che si riscontra in alcune storie, nelle quali si perde un po' l'alone di "serietà" e si rimane un po' nel limbo. Per il resto credo proprio che proseguirò e approfondirò la mia conoscenza di questo autore.

    ha scritto il 

Ordina per