Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il lampionaio di Edimburgo

Di

Editore: Mondolibri su licenza Nord

3.0
(199)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 368 | Formato: Copertina rigida

Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roldano Romanelli

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il lampionaio di Edimburgo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Nel 1878 una serie di orrendi delitti sta terrorizzando Edimburgo: prima viene scoperto il cadavere di uno stimato professore universitario, poi quelli di un losco impresario e del guardiano del faro. La polizia brancola nel buio, ma una coppia di investigatori improvvisati - Thomas McKnight, un ...continua

    Nel 1878 una serie di orrendi delitti sta terrorizzando Edimburgo: prima viene scoperto il cadavere di uno stimato professore universitario, poi quelli di un losco impresario e del guardiano del faro. La polizia brancola nel buio, ma una coppia di investigatori improvvisati - Thomas McKnight, un disilluso professore di logica e metafisica, e Joseph Canavan, un becchino chiuso e asociale - scopre che quei crimini sono in qualche modo legati a una ragazza, Evelyn, un'orfana da poco tornata in città dopo che, quando era ancora una bambina, un misterioso signore l'aveva prelevata dall'istituto dove viveva. Evelyn sostiene di sognare i delitti prima che avvengano e dichiara che l'assassino è un lampionaio. Ma chi è questo lampionaio? Esiste davvero?

    ha scritto il 

  • 4

    un thriller di buon livello

    Edimburgo, piena Rivoluzione Industriale, l'uomo doma la macchina, ma le Sue paure piu' recondite restano sempre in agguato; al calar delle tenebre il sonno...genera mostri!

    ha scritto il 

  • 1

    Era tempo che non mi imbattevo in un libro cosi noioso e brutto.
    Bastavano poche pagine di lettura per farmi cadere in un profondo sonno comatoso...se avete difficoltà ad addormentarvi questo libro può essere d'aiuto,altrimenti evitatelo.

    ha scritto il 

  • 3

    Devo dire bello, ma sul finale si fa una discesa dantesca di cui non si sentiva davvero la necessità. Diciamo che di 350 pagine ne sarebbero bastate 250... come dire che la storia si fa leggere ma poteva dare di più

    ha scritto il 

  • 1

    Quanto spreco

    L'idea , il contesto , i personaggi sono eccellenti.
    Si parte non bene ma benissimo.
    Purtroppo pero' il libro delude tantissimo nel suo insieme perche' il racconto viene gestito di male in peggio , con un finale orribile nelle viscere della terra ed una lotta all'ultimo sangue contro ...continua

    L'idea , il contesto , i personaggi sono eccellenti.
    Si parte non bene ma benissimo.
    Purtroppo pero' il libro delude tantissimo nel suo insieme perche' il racconto viene gestito di male in peggio , con un finale orribile nelle viscere della terra ed una lotta all'ultimo sangue contro tutte le forze dell'inferno , in un caos narrativo imbarazzante.
    E' stato una faticaccia finirlo.

    ha scritto il 

  • 2

    Incubo vittoriano

    Edimburgo, 1860. La piccola Evelyn passa le lunghe giornate della casa per orfani in cui vive incantando le sue compagne con racconti fantastici. Dice che glieli suggerisce l’uomo che ogni sera accende il lampione di fronte alla sua finestra. Improvvisamente, però, un individuo che sostiene di ...continua

    Edimburgo, 1860. La piccola Evelyn passa le lunghe giornate della casa per orfani in cui vive incantando le sue compagne con racconti fantastici. Dice che glieli suggerisce l’uomo che ogni sera accende il lampione di fronte alla sua finestra. Improvvisamente, però, un individuo che sostiene di essere suo padre la porta via.
    Edimburgo, 1878. Una serie di efferati delitti insanguina la città. Qualcuno, o qualcosa, sembra aver voluto infierire sulle vittime, lasciando poi accanto ai cadaveri un messaggio enigmatico. Tutto ciò accade dopo che Evelyn, ormai giovane donna, è ricomparsa. Ma qual è il legame tra le vittime? E perché Evelyn accusa un misterioso Lampionaio? La polizia non le crede, ma qualcuno è disposto ad ascoltarla: un professore di filosofia e il custode di un cimitero, due atipici investigatori che riusciranno ad avvicinarsi alla soluzione dell’enigma. Il Lampionaio non è un semplice assassino: è un abisso di misteri…

    Quasi pronto è ormai il tè
    e il sole più non c'è;
    la finestra andrò a sbirciare
    per veder Lerrie passare;
    ch'ogni dì, verso merenda
    pria che noi il tè si prenda,
    col lume e la scaletta
    per la strada ognor s'affretta.

    Tom un cocchiee vuol diventare,
    Maria pel mare sogna d'andandare
    e quel banchiere del mio papà
    di tanti soldi che mai ne farà?
    Io però, quando grande divento
    e potrò fare a mio piacimento,
    di sera, Leerie, con te verrò
    e tanti lumi accenderò.

    Poiché la sorte, a noi ben disposta,
    davanti all'uscio ci die' un bel lampione
    e Leerie pure quello ad accender fa sosta
    come ne accende un altro milione.
    Prima d'antarsene in tutta fretta
    con la tua scala e il tuo lumicio,
    saluta, mio Leerie, chi sempre ti aspetta
    alzando lo sguardo su questo bambino!

    "Il lampionario" Robert Luis Stevenson

    IL GIOCO DELL'OSA Casella 39: Leggi un libro il cui titolo contenga il nome di un luogo (reale o immaginario) http://i56.tinypic.com/hwy4ud.jpg Voto: 5/6

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Noioso

    Difficilmente mi ritrovo a sbadigliare mentre sono immersa nella lettura, anche se di libri che non mi prendono, ma con questo è successo spesso.La trama sarebbe anche fantasiosa, ma sembra tutto un lento interrogatorio dell'ispettore Groves alla povera Evelyn, per capire cosa si annida dentro di ...continua

    Difficilmente mi ritrovo a sbadigliare mentre sono immersa nella lettura, anche se di libri che non mi prendono, ma con questo è successo spesso.La trama sarebbe anche fantasiosa, ma sembra tutto un lento interrogatorio dell'ispettore Groves alla povera Evelyn, per capire cosa si annida dentro di lei. Dei due personaggi inventati, poi, non viene approfondito nulla, tranne che uno è un filosofo con diverse personalità (che non sa nenanche lui) e, l'altro... (veramente io non ho capito chi è: un angelo custode, un santo, Gesù...). Si riprende a malapena con la discesa negli inferi (brutta copia dell'Inferno dantesco); Lucifero mi è sembrato un po' troppo ("aveva occhi di coccodrillo,orecchie di cinghiale,corna di bue,denti di tigre,orecchini da pirata???,narici da selvaggio,barba da artista dilettante,pelle di toro,fianchi di cervo,zoccoli di capra, ali di pippistrello,artigli d'aquila,coda di scorpione,fisico spropositato da gigante e vesti da faraone???)e che diamine non bastava il solito caprone con coda appuntita?!?
    Ma alla fine sto lampionaio (male assoluto=Satana), che fine fa? Sinceramente, non l'ho capito...
    Assolutamente non consigliato, almeno che poi non me lo possiate/vogliate spiegare (magari in mp)

    ha scritto il 

Ordina per