Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il leone

Di

Editore: Mondadori

3.8
(21)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 414 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804611510 | Isbn-13: 9788804611516 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Il leone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono passati tre anni dall'ultima volta in cui John Corey, ex poliziotto ora membro dell'Anti-Terrorist Task Force, ha avuto a che fare con lo spietato terrorista libico Asad Kalil, detto "il Leone". Ora il Leone e' tornato per portare a termine la sua missione: la vendetta e' il suo unico scopo. La scia di sangue che lascia dietro di se' sembra non esaurirsi. Ma come fa a muoversi cosi' agevolmente sul suolo americano? Chi sono i suoi complici? In un clima di sospetti e paure, le ipotesi piu' inquietanti prendono corpo nella mente di Corey. E' il seguito de "L'ora del leone".
Ordina per
  • 2

    Tenente Drebin vs. Al-Zarqawi

    Come da titolo, dalle prime pagine sembra di avere in mano un libro comico, dove il nostro DeMille ha messo in campo J. Corey, cow-boy spiritosone dalle battute salaci (alcune riescono a strappare un ...continua

    Come da titolo, dalle prime pagine sembra di avere in mano un libro comico, dove il nostro DeMille ha messo in campo J. Corey, cow-boy spiritosone dalle battute salaci (alcune riescono a strappare un sorriso) contro il ributtante e sanguinario terrorista islamico detto "il Leone", un tipaccio che ogni persona di buon senso lo vorrebbe vedere sulla sedia elettrica seduta stante.

    Non è un romanzo dei migliori prodotti dalla mente Demilliana, molte pagine sono puro cazzeggio (lo dico fuori dai denti), man mano che ci si addentra verso la conclusione non ci sono sorprese di sorta, è un puro esercizio onanistico per mettere in mostra le notevoli qualità cabarettistiche del protagonista.

    Ci sono dei paragrafi che sono un concentrato di pedanteria, dove certi personaggi (compreso il Corey) si sentono in dovere di dare un sfilza di incarichi da scaricare sul groppone al sottoposto o simile - tale da rendere piacevole pure una lista della spesa da fare, ci si perde la trebisonda.

    Probabilmente DeMille ha dovuto mettere un romanzo sui due piedi dopo ben 11 anni dal buon romanzo de L'ora del leone, magari pressato da qualcuno desideroso di un seguito che, come da discorso fatto sopra, non ha raggiunto la sufficienza, pur avendo il sottoscritto apprezzato gli ottimi romanzi dell'ottimo Nelson DeMille.

    Il voto è due stelle, solo perchè non esiste una via di mezzo tra il voto "deludente" e il "così-così", cosa che avrei fatto, quindi avrei voluto mettere due stelle e mezzo.

    ha scritto il 

  • 3

    IMHO c'è un errore madornale nelle ultimissime pagine... non guasta la lettura ma... ! è sufficiente a togliere la IV stella. Il caro De Mille ha scritto molto ma molto di meglio.

    ha scritto il