Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il libro degli abbracci

Di

Editore: Sperling & Kupfer

4.3
(279)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 267 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8882748146 | Isbn-13: 9788882748142 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Ciabatti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Self Help

Ti piace Il libro degli abbracci?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gli abbracci del titolo non sono addii, ma incontri. Ogni pagina di questolibro è infatti un incontro con la magia della vita, con le cose meraviglioseche possono accadere alle persone capaci di guardare e ascoltare la realtà, ununiverso immensamente più ricco e favoloso della fantasia. Le brevi storie cheGaleano ha scelto per questo volume - che nascono ora dall'esperienza, ora dalricordo, ora dal sogno - legano insieme piccoli avvenimenti che vale la penadividere con altri, e che si intrecciano come fili colorati nella trama di untessuto, grazie a una scrittura piena di profondità e di grazia. E propriocome quelli, esse danno origine, tutte insieme, a un disegno che è un'immaginevivida del nostro mondo e lascia indovinare i suoi misteri.
Ordina per
  • 4

    Me ha gustado, aunque no he entendido al 100% el libro, supongo que al no estar al día de lo que sucedió en los lugares de los que habla el libro (mis nociones de Latinoamérica son bastante escasas.)
    Pero hay algunas historias en las que me ha sacado la sonrisa a la cara, y otras en las que ...continua

    Me ha gustado, aunque no he entendido al 100% el libro, supongo que al no estar al día de lo que sucedió en los lugares de los que habla el libro (mis nociones de Latinoamérica son bastante escasas.)
    Pero hay algunas historias en las que me ha sacado la sonrisa a la cara, y otras en las que he pensado: "qué gran verdad..."
    Un buen descubrimiento, seguramente lea más cosas de él.

    ha scritto il 

  • 5

    Este libro es un compendio de pequeñas historias y relatos cortos o reflexiones del autor. Pero merece la pena leerlo, es un libro para releer y releer y siempre descubrir algo nuevo.
    Muy recomendable.

    ha scritto il 

  • 5

    «il bisnonno è felice perché ha perduto la memoria. il bisnipote è felice perché, per il momento, non ne ha alcuna.
    ecco, mi dico, la perfetta letizia. a me non interessa.»

    ha scritto il 

  • 0

    Il commento è lo stesso de Le labbra del tempo.
    Brevi aforismi su vari argomenti, naturali, quotidiani, sociali.
    Brevi descrizioni di "concetti" che hanno la struttura del romanzo sudamericano, dove però la parte centrale viene contratta fino all'essenziale (o annullata). Una s ...continua

    Il commento è lo stesso de Le labbra del tempo.
    Brevi aforismi su vari argomenti, naturali, quotidiani, sociali.
    Brevi descrizioni di "concetti" che hanno la struttura del romanzo sudamericano, dove però la parte centrale viene contratta fino all'essenziale (o annullata). Una storia strutturata, ingresso e scioglimento. Lo scioglimento avviene o con ammirazione velata nei confronti di ciò che è buono, o con l'effetto di denuncia, di sconcerto per ciò che è male. Con un linguaggio nostalgico o pieno di pathos, nello stile tagliente e contratto di Galeano.
    Storie che raccontano i drammi della sua terra, storie che raccontano la diversità degli uomini e delle culture. Orrori, ma anche gioie e prospettive per un futuro.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro abrazador

    Hace años escuché decir a Claudia Gaete que El libro de los abrazos era una obra "de cajón" para los promotores de lectura. Ahora lo confirmo. En relatos breves, llenos de poesía, sentido del humor, inteligencia y denuncia, Eduardo Galeano (Montevideo, septiembre 3 de 1940), celebra lo mismo la p ...continua

    Hace años escuché decir a Claudia Gaete que El libro de los abrazos era una obra "de cajón" para los promotores de lectura. Ahora lo confirmo. En relatos breves, llenos de poesía, sentido del humor, inteligencia y denuncia, Eduardo Galeano (Montevideo, septiembre 3 de 1940), celebra lo mismo la palabra que el silencio, el arte desde la visión infantil hasta la irracionalidad jodidez burocrática.

    La memoria puesta en juego, pero condimentada con poesía hacen de este libro de relatos breves un manjar para leer poco a poco. Consumirlo como píldora y regresar por más dosis, y recibir con cada lectura uno de los abrazos destinados al lector.

    Las voces de los muros en distintas geografías latinoamericanas nos llevan de la risa a la reflexión. Estos espacios, siempre propicios para escritos irreverentes, no pasan de largo para el registro de Galeano. O aquel relato donde un pequeño le pide le regale su bolígrafo y termina por encontrarse con un chiquillo dueño de una extraordinaria imaginación.

    Esta obra es muy recomendable para jóvenes y adultos que se inician en el mundo de la lectura o de mediadores que deseen contagiar esta práctica.

    ha scritto il 

  • 5

    Storie brevissime, sogni, pensieri. Sembra quasi fatto di piccole fotografie questo libro, che getta dei sassolini nell'acqua della nostra coscienza e commuove parlando del dolore e della povertà, ma ancor più dell'amicizia, della memoria, dell'amore per l'umanità.

    ha scritto il 

  • 5

    un libro per il cuore e per la pelle

    un libro che mi ha accompagnato..che non mi ha lasciato sola..ci siamo conosciuti pagina dopo pagina tra le rughe dei suoi personaggi..tra le virgole delle loro brevi storie tra la magia dei colori..
    alcuni abbracci li porterò sempre con me..mi aiuteranno ad impedire che il mio fuoco si sp ...continua

    un libro che mi ha accompagnato..che non mi ha lasciato sola..ci siamo conosciuti pagina dopo pagina tra le rughe dei suoi personaggi..tra le virgole delle loro brevi storie tra la magia dei colori..
    alcuni abbracci li porterò sempre con me..mi aiuteranno ad impedire che il mio fuoco si spenga..

    ha scritto il 

  • 4

    'E io ho pensato: se l'uva è fatta di vino, forse noi siamo le parole che raccontano quello che siamo'

    Particolari e richiami ('la prima aria del mattino chiama gli odori della città che si sveglia, l'aroma dorato del pane caldo, del caffè appena macinato, e gli aromi penetrano nell'aria e dell'aria s'impadroniscono'), frasi sbocconcellate, piccoli ricordi, sogni ('un signore si aggirava in cerca ...continua

    Particolari e richiami ('la prima aria del mattino chiama gli odori della città che si sveglia, l'aroma dorato del pane caldo, del caffè appena macinato, e gli aromi penetrano nell'aria e dell'aria s'impadroniscono'), frasi sbocconcellate, piccoli ricordi, sogni ('un signore si aggirava in cerca dei pezzetti del suo sogno: si era rotto per colpa di qualcuno che lo aveva urtato. Lui raccoglieva i pezzi e li appiccicava, e ne faceva una bandiera di tutti i colori') o forse deliri, riflessioni sull'inutilità della televisione ('nei nostri paesi la televisione fa vedere quello che lei vuole che accada. E non accade niente, se la televisione non lo mostra' 'fuori del video, il mondo è un'ombra che non merita di esser creduta' 'il pianeta intero è un'enorme periferia di Dallas. Noi mangiamo emozioni importate come si mangiano salsicce in scatola, mentre i giovani figli della televisione, addestrati a guardare la vita invece che a farla, scuotono le spalle'), sull'iniquità di questa società che spesso fa finta di dimenticare 'i nulla: figli di nulla, padroni di nulla. I nessuno: i niente, gli annientati, i senza fiato, morti di vita, fottuti, fottutissimi' 'il prossimo non è tuo fratello, né il tuo amante. Il prossimo è un concorrente, un nemico, un ostacolo da scavalcare o una cosa da usare. Il metodo, che non dà da mangiare, dà ancor meno da amare: ne condanna molti alla fame di pane, molti di più alla fame di abbracci'... e piano piano ti fai abbracciare da questi racconti corti quanto ricchi di immagini, sensazioni, odori...

    ha scritto il 

Ordina per