Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il libro degli animali

Di

Editore: Einaudi (Einaudi tascabili, 885)

3.9
(165)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806133837 | Isbn-13: 9788806133832 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Pets

Ti piace Il libro degli animali?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il bosco come universo narrativo e i suoi animali come protagonisti. Questa è la chiave dei racconti di Rigoni Stern, una chiave che può aprire le porte di etologie minime come quelle di aspre epopee. Sono storie di caprioli sperduti, di cani "dai segreti amori", di misteriosi gufi delle nevi, di ghiri e lepri in fuga, di api il cui operare quotidiano ha realmente qualcosa di epico. Sono storie a volte commoventi a volte un po' barbare, ma la violenza che vi alberga, lo stesso senso di morte che sovente le domina, si saldano ai meccanismi millenari della natura e perdono ogni significato angoscioso. Perché il male, sembra dire Rigoni Stern, è solo dell'uomo, quando dimentica o disprezza o distrugge gli equilibri del bosco.
Ordina per
  • 3

    Raccolta di storie brevi sul bosco e gli animali che lo abitano per bambini dai 9 anni in avanti. Ben scritto e scorrevole. Forse risulta essere più interessante per un adulto.

    ha scritto il 

  • 3

    Avevo letto "Il sergente nella neve" e non mi aveva preso subito, non avevo subito afferrato il sentimento, la passione contenuti da una scrittura asciutta, esatta, a volte apparentemente arida. Ma poi mi ci sono in parte ritrovato e ho ripreso in mano questa raccolta di racconti che avevo interr ...continua

    Avevo letto "Il sergente nella neve" e non mi aveva preso subito, non avevo subito afferrato il sentimento, la passione contenuti da una scrittura asciutta, esatta, a volte apparentemente arida. Ma poi mi ci sono in parte ritrovato e ho ripreso in mano questa raccolta di racconti che avevo interrotto tempo addietro.
    Non si tratta nemmeno sempre di racconti, spesso sono evocazioni di un mondo, il bosco alpino, governato da leggi naturali che configurano anche un'etica fatta di lealtà, rispetto dei ritmi della natura che è generosa con chi non la violenta, frugalità, costanza nei sentimenti. A volte sono semplici descrizioni di animali osservati e ritrovati con amore, a volte brevi squarci di vita, con una vena ironica nei confronti dei "cittadini", degli "esperti" che sentenziano sulla montagna e i suoi abitanti senza capirla.
    La montagna di Rigoni Stern è la montagna di chi la abita, non di chi la visita, è la montagna dei boscaioli e dei cacciatori, dei pastori e dei contadini, di chi insomma trae da essa anche il suo sostentamento e ne rispetta quindi i ritmi, in quel rapporto di competizione, lotta e amore che ha una sua arcaica origine e una sua dura bellezza.
    Intenso il racconto d'apertura sul cane Marte e i suoi segreti amori, la sua innata libertà che gli fa frequentare gli uomini senza mai legarsi. Racchiude forse tutto il significato di questo piccolo libro che non assume mai un ampio respiro narrativo ma come le "myricae", i tamerischi, di Virgilio e Pascoli, dà voce e senso alle piccole cose e ai più piccoli esseri del mondo vivente e su di essi si china con reverente rispetto.

    ha scritto il 

  • 5

    Racconti brevi e descrittivi ma non noiosi perché scritti con uno stile garbato, essenziale e con una certa vena di lirismo.
    Animali, natura, cacciatori amanti e rispettosi degli animali, situazioni quotidiane ed episodi memorabili.
    A ritmi molto lenti ma interessante.

    ha scritto il 

  • 3

    (Einaudi Ragazzi #4) Questo non e' un libro di Disney. Da qui animale muoiono, uccidono, andare a cacciare e diventano ferite, ma questa e' vita reale. Qualche volta le storie diventano un po' noioso e un po' lento. Veramente sono felice di aver finito.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro delicato ma deciso nella restituzione di un mondo. Gli animali del titolo sono (anche) un pretesto per raccontare di un mondo a contatto con la natura, con un pizzico di nostalgia. L'ho letto ai miei figli di 10 anni, l'apprezzamento è anche il loro.

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro che avrei voluto studiare a scuola

    Un libro sull'amore per la natura, gli animali, gli uccelli e quanto altro. Un libro che coi suoi racconti, oltre che ad emozionarci, ci insegna meglio di qualsiasi altro manuale in tema. Da far leggere nelle scuole elementari per poi farlo rileggere alle medie. Stern si conferma il grande uomo c ...continua

    Un libro sull'amore per la natura, gli animali, gli uccelli e quanto altro. Un libro che coi suoi racconti, oltre che ad emozionarci, ci insegna meglio di qualsiasi altro manuale in tema. Da far leggere nelle scuole elementari per poi farlo rileggere alle medie. Stern si conferma il grande uomo che è stato e che continua vivere nei suoi scritti.

    ha scritto il 

  • 4

    Premetto che odio la caccia. Ma è' bello, questo libro. La narrazione è lieve,ma ha la profondità e la precisione che si addice alla trattazione di cose senza tempo.
    Leggere questo libro è un tuffo nel passato, che permette di sentire gli odori e i sapori, di vedere i colori di un mondo che ...continua

    Premetto che odio la caccia. Ma è' bello, questo libro. La narrazione è lieve,ma ha la profondità e la precisione che si addice alla trattazione di cose senza tempo.
    Leggere questo libro è un tuffo nel passato, che permette di sentire gli odori e i sapori, di vedere i colori di un mondo che ci apparteneva, se siamo stati fortunati, da bambini.La voce di Rigorni Stern ci parla di cose passate comunque eterne, e di un rapporto con la Natura a cui non siamo più abituati. Gli animali, protagonisti di queste storie, commuovono e nello stesso tempo mettono in scena la forza potente e straordinaria della Purezza della Natura.

    ha scritto il 

  • 4

    A parte che la copertina è bellissima è un libro che ho letto davvero volentieri: non certo impegnativo lo definirei piuttosto affettuoso. Sono storie di animali... e questo si capiva anche senza il mio aiuto... ma, e questo non si capiva, storie di animali che non sono mai umanizzati. Sono stori ...continua

    A parte che la copertina è bellissima è un libro che ho letto davvero volentieri: non certo impegnativo lo definirei piuttosto affettuoso. Sono storie di animali... e questo si capiva anche senza il mio aiuto... ma, e questo non si capiva, storie di animali che non sono mai umanizzati. Sono storie a volte crudeli ma più spesso affettuose. Si racconta di animali "speciali" con personalità... un po' come se ciascuno di noi raccontasse il proprio animale, guardando a pregi e difetti della sua animalità: c'è il cane bravissimo cacciatore ma ladro, ci sono le api, la (anzi IL) lepre che sempre gli è scappata, il piccolo cerbiatto che è stato graziato... e tutto il relativo contorno umano. Ho scperto che l'urogallo non è un animale mitico :-)

    ha scritto il 

  • 5

    "Stai attento ai gufi, ma se ti dovessero inseguire e se hai voglia di leggere un libro vieni pure a rifugiarti a casa mia".


    Con questa frase termina il capitolo dedicato ai gufi. Stern "parla" a un pipistrello che si era rifugiato in casa sua, e per la precisione si era appeso a un libro, ...continua

    "Stai attento ai gufi, ma se ti dovessero inseguire e se hai voglia di leggere un libro vieni pure a rifugiarti a casa mia".

    Con questa frase termina il capitolo dedicato ai gufi. Stern "parla" a un pipistrello che si era rifugiato in casa sua, e per la precisione si era appeso a un libro, a testa in giù!

    ha scritto il