Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il libro dei libri perduti

Storia dei capolavori della letteratura che non leggerete mai

Di

Editore: Rizzoli

3.5
(133)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 396 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8817011800 | Isbn-13: 9788817011808 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roberta Zuppet

Genere: History , Home & Gardening , Non-fiction

Ti piace Il libro dei libri perduti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'unica raccolta completa delle tragedie di Eschilo andò bruciata con il resto della biblioteca di Alessandria nel 640, a causa di un califfo che riteneva blasfeme le opere in contrasto con la Parola di Allah e superflue le altre. In preda a un delirio religioso, Gogol' bruciò di propria mano il seguito delle"Anime morte". Le memorie di Lord Byron furono invece distrutte dal suo editore, spaventato dallo scandalo che avrebbero suscitato. La storia della letteratura è fatta anche di libri perduti per sempre. In questo volume, Stuart Kelly racconta le decine di modi, tragici o bizzarri, in cui un capolavoro può scomparire. Sotto un certo aspetto - afferma - un libro perduto diventa molto più intrigante, perché vive nell'unica dimensione in cui un'opera può essere perfetta: quella dell'immaginazione.
Ordina per
  • 4

    Le poesie di Saffo si sono sbriciolate nel tempo. L'unica collezione completa delle opere di Eschilo (mai copiata per renderla più preziosa!) andò incenerita con la biblioteca di Alessandria (me ne compiaccio un pochino, odiavo tradurre Eschilo). Le memorie di Byron così come l'ultimo romanzo di ...continua

    Le poesie di Saffo si sono sbriciolate nel tempo. L'unica collezione completa delle opere di Eschilo (mai copiata per renderla più preziosa!) andò incenerita con la biblioteca di Alessandria (me ne compiaccio un pochino, odiavo tradurre Eschilo). Le memorie di Byron così come l'ultimo romanzo di Sylvia Plath furono distrutti da consorti spaventati/indignati/scandalizzati. Questa raccolta di fantasmi letterari elenca inoltre una serie di scrittori che conosco poco o niente (John Donne, Laurence Sterne, Robert Fergusson), pertanto il rimpianto per la loro perdita è nullo. E' la conclusione di questo libro che, alla fine, conta: "Il papiro e il cd, il codice e la pagina web: l'ingenuità umana si sforza, non solo di trovare un supporto permanente per la sua cultura, ma anche di recuperare quanto è stato fissato su materiali più fragini. E' una battaglia che non possiamo vincere. [...] La perdita non è un'anomalia, una deviazione, un'eccezione. E' la norma." La seconda legge della termodinamica non perdona.

    ha scritto il 

  • 4

    dal blog Giramenti

    Edito da Rizzoli e uscito in Italia nel 2006 – con traduzione di Roberta Zuppet –, reperirlo non è stato semplice. Il volume l’ho acquistato nuovo – nonostante la mia nota preferenza per i testi usati –, ma Ibs si è presa un certo agio per scovarmelo e spedirmelo. Cosa che, a dire il vero, ha aum ...continua

    Edito da Rizzoli e uscito in Italia nel 2006 – con traduzione di Roberta Zuppet –, reperirlo non è stato semplice. Il volume l’ho acquistato nuovo – nonostante la mia nota preferenza per i testi usati –, ma Ibs si è presa un certo agio per scovarmelo e spedirmelo. Cosa che, a dire il vero, ha aumentato la mia smania di leggerlo.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2013/04/01/il-libro-dei-libri-perduti-di-stuart-kelly/

    ha scritto il 

  • 0

    Una summa di ciò che è andato perso nella letteratura mondiale, dai manoscritti volutamente bruciati fino alle opere trafugate, perse in incendi, terremoti o semplici deliri della mente. Dal classicissimo omero fino a poeti e scrittori dei giorni nostri, "Il libro dei libri perduti" ci fa venire ...continua

    Una summa di ciò che è andato perso nella letteratura mondiale, dai manoscritti volutamente bruciati fino alle opere trafugate, perse in incendi, terremoti o semplici deliri della mente. Dal classicissimo omero fino a poeti e scrittori dei giorni nostri, "Il libro dei libri perduti" ci fa venire l'acquolina in bocca per libri che non leggeremo mai (alcuni perché non furono mai scritti) e che forse avrebbero potuto cambiare le sorti della letteratura o almeno di qualche scrittore. Consigliato a tutti i bibliofili.

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo averci impiegato un'eternità a finire questo libro, posso dire che mi è piaciuto. A metà tra una storia della letteratura universale e una storia della letteratura come poteva essere, l'autore ci racconta di libri andati persi o mai scritti.

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro dei libri perduti

    Una rassegna di alcuni romanzi che, per fortuna o sfortuna (ma quello lo decide il lettore), non leggeremo mai.
    Si inizia con l'incendio alla Biblioteca di Alessandria che ha bruciato probabilmente la maggior parte della cultura classica dell'antichità per finire con i giorni nostri, dove Gogol h ...continua

    Una rassegna di alcuni romanzi che, per fortuna o sfortuna (ma quello lo decide il lettore), non leggeremo mai. Si inizia con l'incendio alla Biblioteca di Alessandria che ha bruciato probabilmente la maggior parte della cultura classica dell'antichità per finire con i giorni nostri, dove Gogol ha addirittura bruciato le sue opere...

    ha scritto il 

  • 1

    Già il sottotitolo avrebbe dovuto mettermi in guardia: "Storia dei capolavori della letteratura che non leggerete mai"; ma come si possono considerare dei libri come capolavori, a prescindere da tutto e specialmente dal fatto certo non indifferente che sono andati perduti?!
    Comunque tra tanti lib ...continua

    Già il sottotitolo avrebbe dovuto mettermi in guardia: "Storia dei capolavori della letteratura che non leggerete mai"; ma come si possono considerare dei libri come capolavori, a prescindere da tutto e specialmente dal fatto certo non indifferente che sono andati perduti?! Comunque tra tanti libri perduti, è un vero peccato che non sia andato perso anche questo che di affascinante ha solo il titolo!

    ha scritto il 

  • 4

    Leggendo i primi capitoli di questo libro sono stata catapultata indietro nel tempo, fino ai primi anni del liceo classico, quando iniziavo a studiare greco e latino e la relativa letteratura. Ed è stato un viaggio davvero piacevole! (anche perchè credere di avere di nuovo 16 anni non è niente ma ...continua

    Leggendo i primi capitoli di questo libro sono stata catapultata indietro nel tempo, fino ai primi anni del liceo classico, quando iniziavo a studiare greco e latino e la relativa letteratura. Ed è stato un viaggio davvero piacevole! (anche perchè credere di avere di nuovo 16 anni non è niente male =P) Nel complesso, dicevo, è davvero un libro interessante che racconta di quei capolavori della letteratura che, per diversi motivi, sono spariti per sempre. O forse sono solo impolverati in qualche antro, nell'attesa che qualcuno li riscopra...

    ha scritto il 

Ordina per