Il libro delle parabole

Voto medio di 47
| 35 contributi totali di cui 27 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 30/06/16
Romanzo tortuoso, come da marchio di fabbrica di Enquist: in un paio di capitoli questo tratto distintivo dell'Autore svedese sfugge un po' troppo dalla sua penna tanto che il lettore si perde un po' troppo, e credo sia per questo che forse il ...Continua
Ha scritto il 06/12/15
"[...] chiaro: l'amore è una forza inaudita. Si può sempre sperare. E immaginare. La donna della fattoria dei Larsson in fondo ci era riuscita, a volerla vedere così. E perchè non si dovrebbe? Perchè si dovrebbe togliere alla vita anche questo? ...Continua
Ha scritto il 13/09/15
Mi è sembrato un gioco autoriflessivo, da cui come lettore mi sentivo escluso. Enquist parla ad un interlocutore che non sono io, non so chi sia, ma non sono io. Per qualche momento ho provato con umiltà ad ascoltarlo, mi sono sentito inadeguato e ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 08/09/15
una pletora di punti esclamativi. e nonostante ciò l'unica esclamazione che mi sgorga dai precordi è "cheppalle!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!".
  • 5 mi piace
  • 3 commenti
Ha scritto il 15/08/15
Difficile appiccicare un'etichetta a questo libro: non è un romanzo, non sono racconti e nemmeno apologhi, forse pensieri sparsi, frammenti. Parabole. Parabole per orientarsi nella nebbia della vita, per provare a capire perché si è vissuto, ...Continua

Ha scritto il Apr 03, 2015, 15:10
In realtà anche l'amore faceva parte della sporcizia della vita.
Pag. 21
Ha scritto il Nov 20, 2014, 09:24
Che c'è da ridere? Non fatelo, altrimenti forse smetterà di parlare, si ride di una battuta, non si ride del desiderio, è lui che guida, è come la nostalgia del mare, quello infinito, più grande del lago di Hornavan, che è il più grande di ...Continua
Ha scritto il Sep 14, 2014, 15:43
Forse ci incontreremo, forse troveremo il modo di far fiorire il mondo.
Pag. 226
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 14, 2014, 15:42
A cosa serve un Dio, se non ci si può raggomitolare nell'incavo del suo gomito, sistemarsi comodi e addormentarsi e morire?
Pag. 206
Ha scritto il Sep 14, 2014, 15:41
Fuori soffia la tempesta, dell'estate chiude la porta, per chiedere e cercare è tardi ormai. Forse amo meno di un tempo, ma sempre più di quanto saprai mai.
Pag. 188
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi