Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il libro segreto di Dante

Il codice nascosto della Divina Commedia

Di

Editore: Newton Compton

2.7
(675)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 255 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 885413225X | Isbn-13: 9788854132252 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Il libro segreto di Dante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un'indagine per fare chiarezza sull'accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l'opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffinati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell'Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l'annuncio dell'arrivo di un enigmatico vendicatore... Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.
Ordina per
  • 1

    Abbandonato praticamente subito..non sono riuscita ad entrare per niente nella storia, ambientato del 1300 ma scritto con un linguaggio e un modo che fa sembrare che la storia sia ambientata ai giorni ...continua

    Abbandonato praticamente subito..non sono riuscita ad entrare per niente nella storia, ambientato del 1300 ma scritto con un linguaggio e un modo che fa sembrare che la storia sia ambientata ai giorni nostri. Delusa da un libro che dalla quarta di copertina mi aveva invogliata fin troppo nella lettura! Sonsigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 2

    Ma che idiozia!

    Una scemenza colossale. L'ho letto solo perché mi è capitato in casa per caso, passatemi il bisticcio, ma sapevo a cosa sarei andata incontro... Le due stelle sono motivate dalla nota conclusiva (pre- ...continua

    Una scemenza colossale. L'ho letto solo perché mi è capitato in casa per caso, passatemi il bisticcio, ma sapevo a cosa sarei andata incontro... Le due stelle sono motivate dalla nota conclusiva (pre-, postfazioni e ringraziamenti sono un mio tallone d'Achille, devo ammetterlo), in cui Fioretti si dimostra "sincero", nelle sue intenzioni, senza alcuna velleità di verità rivelata, perché il racconto in sé è in discesa, ma veramente: la parte conclusiva è davvero pessima. Tant'è, ci sono cose su cui è quasi impossibile ricamar su con successo, e Dante e la Commedia ne fanno parte.

    ha scritto il 

  • 4

    Dante, come non l’avevate mai studiato

    Premetto, io adoro la Divina Commedia e quando ho visto tra gli scaffali della libreria questo libro sono corsa ad acciuffarlo senza nemmeno leggere di cosa si trattava.

    Fioretti, l’autore, è un vero ...continua

    Premetto, io adoro la Divina Commedia e quando ho visto tra gli scaffali della libreria questo libro sono corsa ad acciuffarlo senza nemmeno leggere di cosa si trattava.

    Fioretti, l’autore, è un vero e proprio studioso della Divina Commedia e per questo romanzo ha utilizzato il suo sapere e la sua fantasia per sviluppare un libro con uno stile molto curato e ricco di citazioni dantesche.

    La storia è ambientata nel XIV secolo, in Italia ed il poeta Dante è morto da poco.
    Però la sua scomparsa desta dei sospetti, si crede sia stato avvelenato.

    Mancano dei canti del Paradiso e tre personaggi si mettono alla ricerca per fare in modo che l’opera sia completa. Questi tre personaggi sono: la figlia di Dante, Giovanni da Lucca e Bernard.
    Successivamente questi ultimi si chiederanno chi voleva che l’opera rimanesse incompiuta ed il perché gli ultimi canti siano stati occultati.

    Si tratta di un thriller storico che rivela delle “chicche” sulla famiglia del sommo poeta.

    La scrittura è antica e molto appropriata al periodo storico narrato.

    Nello sfondo della trama aleggia la crisi del Trecento.

    Si tratta di un libro ricco di mistero, con fitti intrecci e grossi interrogativi.

    Finito di leggere sicuramente il lettore si chiede “e se non tutti i segreti della Commedia sono stati svelati?”.

    Per me è stato un libro davvero intrigante anche se i pareri sono discordanti ed il finale è andato un po’ a perdere di interesse in confronto all’inizio.

    Comunque consiglio la lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    La presunta storia familiare di Dante...

    Si tratta di una storia insolita e interessante...
    Posso dire di aver letto questo libro in una settimana, pungolata anche dal mio personale interesse sulla famiglia del sommo poeta; del resto quando ...continua

    Si tratta di una storia insolita e interessante...
    Posso dire di aver letto questo libro in una settimana, pungolata anche dal mio personale interesse sulla famiglia del sommo poeta; del resto quando si legge la biografia di Dante Alighieri si possono assimilare notizie sulla sua vita pubblica, del fatto che è stato ingiustamente esiliato da Firenze per la vittoria dei Ghibellini e che ha composto il capolavoro della Divina Commedia..
    Nulla o quasi nulla si dice quindi della sua vita familiare che rimane come un mistero sepolto nelle nebbie del tempo...
    Il romanzo parla invece della moglie di Dante Alighieri e dei suoi figli che erano tre leggittimi e uno illegittimo al quale aveva dato il suo nome per consentirgli di sposarsi.
    Dante Alighieri viene presentato all'inizio del romanzo come un uomo su cui pesa il sospetto che sia stato avvelenato dai suoi nemici e non sarà che non è morto di malaria come la storia ci racconta? E i suoi figli due maschi e una femmina, Antonia che si era fatta suora perchè nessuno voleva sposare la figlia di un esiliato? Ed ecco che emerge la figura di Dante nella sua indifesa umanità, un uomo con le sue debolezze, le sue fragilità...i suoi errori di valutazione che pare abbiano portato la famiglia al collasso economico e sociale...
    Un colosso con i piedi di argilla,quindi, circondato da una schiera di nemici potenti, da intrighi politici e religiosi...
    L'autore immagina che nelle quartine della sua Commedia sia nascosto un mistero esoterico e dei numeri di cui non si afferra ancora il senso...
    Improbabili ipotesi di un autore che ha voluto ricamare e amplificare la storia di Dante per renderla più interessante ai suoi lettori?
    Il mistero rimane comunque come un anelito a rivedere la storia con un occhio più attento e disincantato.
    Consiglio questo libro a tutti coloro che amano i romanzi storici e a coloro che sono appassionati di misteri..
    Saluti.
    Ginseng666

    ha scritto il 

  • 1

    Irritante

    Ho abbandonato la lettura dopo le prime 90 pagine (praticamente alla fine della prima parte). Noioso, lento, con dialoghi piatti, freddi, assurdi e assolutamente inadatti al periodo storico in cui è a ...continua

    Ho abbandonato la lettura dopo le prime 90 pagine (praticamente alla fine della prima parte). Noioso, lento, con dialoghi piatti, freddi, assurdi e assolutamente inadatti al periodo storico in cui è ambientata la vicenda. Non c'è suspance, non suscita interesse, è banale: l'autore sarà anche un professore e studioso di Dante (che poi, le stesse nozioni si trovano facilmente anche su Wikipedia...), ma ritengo questo libro in insulto a chi Dante e la Divina Commedia li ha studiati o li studia per davvero. Probabilmente uno dei suoi studenti sarebbe riuscito a fare molto meglio di così. Acquisto sconsigliatissimo, soldi buttati.

    ha scritto il 

  • 4

    C'è subito da dire che se la tua conoscenza riguardo Dante, la Divina Commedia e il periodo storico è lacunosa, non ti consiglio di leggerlo; capiresti soltanto 1/8 (forse!!)
    Oltre questo primo strato ...continua

    C'è subito da dire che se la tua conoscenza riguardo Dante, la Divina Commedia e il periodo storico è lacunosa, non ti consiglio di leggerlo; capiresti soltanto 1/8 (forse!!)
    Oltre questo primo strato di cultura c'è anche tutta quella che appartiene ai Templari,all'astronomia e agli eventi (storici-economici-sociali) del periodo (1200-1300).
    Se da una parte questo può rappresentare un aspetto negativo (per via della poca comprensione) non possiamo non tener conto di quanto studio, dedizione, lavoro e passione ci sia dietro questo libro. Aggiungo una stellina proprio per questo. La trama, i colpii di scena e i personaggi sono accattivanti e ben fatti. Nel complesso un bel libro ma di difficile comprensione per chi (come me) è diciamo "ignorante" in tutte queste materie.

    ha scritto il 

  • 2

    sinceramente...io questo libro l'ho capito molto poco.

    le aspettative erano elevatissime in quanto mi aspettavo niente di più e niente di meno che un romanzo scorrevole e "divertente" visto che qualcu ...continua

    sinceramente...io questo libro l'ho capito molto poco.

    le aspettative erano elevatissime in quanto mi aspettavo niente di più e niente di meno che un romanzo scorrevole e "divertente" visto che qualcuno lo ha paragonato al codice da vinci...

    chi poteva aspettarsi questo mattone che mi ha riportato alla memoria i bei tempi in cui a scuola c'era l'ora di italiano dedicata alla divina commedia e tutti sospiravamo "oh che palle!"

    deludentissimo.

    ha scritto il 

Ordina per