Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il lichene cinese

Urania 618

By John Wyndham

(121)

| Others

Like Il lichene cinese ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ✰✰ così così

    Se Wyndham fosse un autore di oggi avrebbe sviluppato la storia su 549 pagine almeno. Perché, volendo, c’era materia da mettere sotto i denti.

    L’idea di per sé è antica quanto il mondo: una sostanza in grado di prolungare la vita.

    C’è un amore ines ...(continue)

    Se Wyndham fosse un autore di oggi avrebbe sviluppato la storia su 549 pagine almeno. Perché, volendo, c’era materia da mettere sotto i denti.

    L’idea di per sé è antica quanto il mondo: una sostanza in grado di prolungare la vita.

    C’è un amore inespresso, un fidanzamento e un matrimonio del piffero.
    A livello amore saremmo a posto.

    C’è la curiosità della stampa, l’intervento di criminali al soldo di società potenti, l’interesse da parte di alcuni di mantenere segreto il trattamento, le inevitabili reazioni politiche all’interno del Regno Unito, ma anche fuori, la presa di posizione dei sindacati e quella della associazioni religiose.
    C’è che la protagonista è una donna.
    C’è l’idea di questa donna di utilizzare istituti di bellezza costosissimi per allungare la vita a donne potenti o potentemente maritate, in una specie di upper class femminista.

    Data la carne al fuoco che potrebbe essere cucinata, si nota ancor più la stringatezza nel raccontare tutto in due righe. Un hamburger al posto di un asado argentino. In pratica, un riassunto.

    Per leggere Wyndham è meglio farlo con altri suoi libri: Il giorno dei trifidi o I figli dell’invasione.
    Non è uno scrittore di “effetto” o di avventura, è sempre molto pacato.
    Dai suoi libri molti film: il più bello, per me, è Il villaggio dei dannati versione 1960.

    Chocky mi incuriosisce, ma non l’ho ancora trovato.

    15.5.1973 - 05.05.2014

    Is this helpful?

    Anina e "gambette di pollo" said on May 9, 2014 | 5 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Trouble with Lichen, 1960.

    Questa volta non ci siamo.Altro che SF sembra un giallo su spionaggio industriale.

    Is this helpful?

    assatourian said on Sep 19, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    UN LICHENE ALLUNGA LA VITA

    E adesso dopo un libro da 800 pagine mi leggo un bell’Urania, tanto per riposare un po’ il cervello prima di qualche altro bel mattoncino.
    Dunque..questo no che altrimenti leggo solo apocalittici (o presentati come tali), questo no che sta copertina ...(continue)

    E adesso dopo un libro da 800 pagine mi leggo un bell’Urania, tanto per riposare un po’ il cervello prima di qualche altro bel mattoncino.
    Dunque..questo no che altrimenti leggo solo apocalittici (o presentati come tali), questo no che sta copertina già mi fa venir il voltastomaco, questo no che sembra horror (ma quello là che legge Urania da una vita non mi aveva detto che “Una volta Urania pubblicava solo fantascienza..blablabla..le copertine di Thole..blablabla..non è più l’Urania di una volta..blablabla..rosso di sera bel tempo si spera..blablabla...vado a vedere cosa stanno combinando in quel cantiere in corso quei giovani incompetenti..blablabla”), questo no perché voglio andare un poco più sul sicuro dopo l’ultima fantacaccola…eccolo!
    John Wyndham!
    Il suo “Il risveglio dell’abisso” era bello mi pare: ben scritto, avvincente, con una buona idea (anche se non completamente originale) e anche ben tradotto, non era un’edizione Urania ovvio!
    Qui si parla di femminismo, mah, proviamo. Peggio dei marsuini spadaccini non può essere!
    Forse.

    Alla fine dei conti “Il lichene cinese” non è stato peggio di “Dove sparivano le navi”.
    Certo ci sarebbe voluto tanto impegno da parte di Wyndham e tanta sfiga nella mia ponderatissima scelta dell’Urania, ma dopo anni ho imparato a non sorprendermi più di nulla, neanche vedere un mito della fantascienza metter su carta un libricino sostanzialmente inutile mi fa più effetto.
    Perché Il lichene cinese in sostanza non è altro che un miniromanzetto di 140 pagine (le restanti 10 sono occupate da un raccontino di Pohl e Kornbluth decisamente più interessante e meglio scritto) senza alcuna pretesa che non sia quella di finire sull’allora quattordicinale Urania da lire 350, presentato addirittura con la dicitura “I capolavori”, dovuta palesemente solo al nome dell’autore.
    Sia chiaro: so bene che Wyndham molto probabilmente non sapeva nemmeno dell’esistenza di Urania, dei suoi tagli editoriali, delle sue traduzioni fatte da scimmie ammaestrate e del suo mitico copertinista Karel Thole (per questo titolo per una volta non lo critico), ma questo è il classico titolo scritto (neanche tanto bene) per batter un po’ cassa in giro per il mondo grazie alle riviste simil Urania che allora tiravano più di oggi.
    “Trouble with Lichen” (per una volta la traduzione non è nemmeno troppo azzardata) ha un unico grande, enorme, gigantesco problema: è un libro senza alcuna idea.
    Non una brutta idea, mal sfruttata, mal digerita, malamente portata avanti.
    Semplicemente Wyndham pensa alla scoperta di un lichene in grado di allungare la vita dell’uomo e poi si lancia in brevissimi excursus sociologici che non dicono assolutamente niente di niente.
    Non si parla di chissà quale rivoluzione femminista, non si parla dei protagonisti, non si parla della società (tolti alcuni accenni assolutamente irrilevanti a scioperi o chissà che altro) e non si parla nemmeno del lichene.
    Il Lichene cinese non parla di niente.

    Un uomo scopre per un errore di una donna un lichene in grado di allungare la vita degli uomini. La donna lo sfrutta per allungare la vita delle sue pazienti in una casa di bellezza.
    FINE

    La prossima volta che nasco negli anni ’50 provo a spedirlo ad Urania per vedere se anche a me scrivono capolavoro di fianco al nome.

    DIFETTI: Tutto e niente.
    Il libro di Wyndham si fa leggere senza troppa fatica, non è tradotto pessimamente per una volta e vanta persino una copertina azzeccata. È la storia che manca. E qualcuno più famoso di me lo dice sempre: “È la storia, non colui che la racconta”.

    Is this helpful?

    Deneil said on Jul 22, 2012 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Libro leggero che si legge in fretta. L'idea è molto originale, così come lo sviluppo della trama. Una volta terminato lo si dimentica facilmente, ma durante la lettura diverte parecchio.

    Is this helpful?

    Daniele said on Oct 4, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Interessante

    Il soggetto del libro è molto interessante, anche gli sviluppi lo sono, soprattutto le reazioni della società civile.

    Is this helpful?

    Andrea Lorenzini said on Sep 7, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    un pò fuori genere e per una volta niente invasione

    la scienziata grazie al lichene prolungherà la vita dei suoi clienti; gradevolissime atmosfere, e un romanzo che scorre via liscio, per chi vuole rilassarsi leggendo: con Wyndam si riesce a fare anche questo, perchè era un grande; lo consiglio (ma no ...(continue)

    la scienziata grazie al lichene prolungherà la vita dei suoi clienti; gradevolissime atmosfere, e un romanzo che scorre via liscio, per chi vuole rilassarsi leggendo: con Wyndam si riesce a fare anche questo, perchè era un grande; lo consiglio (ma non a chi vuole la fantascienza dura e pura, non è il caso).

    Is this helpful?

    Luckyfer said on May 7, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book