Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il lungo silenzio

Urania Collezione 104

By Wilson Tucker

(150)

| Paperback

Like Il lungo silenzio ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Gary scivolava nell'oscurità lungo la riva e aspettava il rumore dell'esplosione, il colpo penetrante di una carabina. Che insensata quella vecchia a pensare di poter sgattaiolare attraverso il ponte, l'altra estremità era sorvegliata dalle truppe c Continue

"Gary scivolava nell'oscurità lungo la riva e aspettava il rumore dell'esplosione, il colpo penetrante di una carabina. Che insensata quella vecchia a pensare di poter sgattaiolare attraverso il ponte, l'altra estremità era sorvegliata dalle truppe con i fari a raggi infrarossi e i cannocchiali montati sulle carabine."
È l'inizio della spaventosa cronaca di guerra futura di cui è protagonista il soldato Russell Gary: un uomo che ha la sola colpa di essersi ubriacato prima che si scatenasse l'inferno. Per di più sulla riva "sbagliata" del fiume. The Long Loud Silence è il romanzo più celebre di Wilson Tucker. Lo presentiamo nella versione appositamente ampliata e aggiornata dall'autore e con la prima stesura inedita della conclusione, mai apparsa nelle edizioni americane.

17 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    UN ROMANZO KATTIVO

    Sarebbe da quattro stelle, ma l'idea che l'incubo cominci dopo una sbronza colossale da parte del protagonista è davvero ridicola...

    Is this helpful?

    Jacopo Dino said on Apr 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Cosi cosi....

    Un romanzo ucronico che alla fine della lettura mi ha lasciato come alla fine di una cena macrobiotica:senza nessun sapore.

    Se da una parte la storia, per quanto non una novità assoluta sia anche carina la trama si rivela ben presto un po troppo lin ...(continue)

    Un romanzo ucronico che alla fine della lettura mi ha lasciato come alla fine di una cena macrobiotica:senza nessun sapore.

    Se da una parte la storia, per quanto non una novità assoluta sia anche carina la trama si rivela ben presto un po troppo lineare e telefonata;anche il finale, visto il carattere "carogna" del protagonista non mi ha sorpreso più di tanto, decisamente più indicato sarebbe stato per me il finale alternativo che l'autore include come "bonus".
    Alla fine del libro non mi è rimasto impresso nessun "insegnamento", non mi ha lasciato alcunché, cosa piuttosto grave per un'opera di questo genere.....

    Is this helpful?

    H. P. Lovecraft said on Aug 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una lettura affilata

    Ottimo romanzo.
    Preciso. Conciso ed affilato come un rasoio.
    Tucker ha una prosa molto diretta. Non usa giri di parole e racconta le storie così come dovrebbero accadere. I personaggi che escono dalla sua penna non possono essere definiti eroi. Sono ...(continue)

    Ottimo romanzo.
    Preciso. Conciso ed affilato come un rasoio.
    Tucker ha una prosa molto diretta. Non usa giri di parole e racconta le storie così come dovrebbero accadere. I personaggi che escono dalla sua penna non possono essere definiti eroi. Sono cinici, spietati, disperati ed egoisti. E non si ha affatto voglia di immedesimarsi con gli stessi. Assolutamente no.
    In questo romanzo, il protagonista è Gary, un soldato americano che si risveglia una mattina post bombardamento... sulla riva sbagliata del fiume.
    Sarà costretto a restare in una zona del paese da cui è impossibile uscire. Dovrà fare i conti con altri sopravvissuti come lui, tutti impegnati a contendersi le scarse risorse di cibo.
    Un linguaggio molto asciutto - come detto - rende perfettamente l'idea della catastrofe e del clima spiccatamente claustrofobico che si respira all'interno del romanzo.
    Nella versione "Urania Collezione" è presente in appendice anche il finale originariamente scritto dall'autore e poi modificato perchè troppo crudo e macabro.
    Consiglio vivamente la lettura, a me - come tematica - ha ricordato molto (anche se ovviamente questo libro è stato scritto molto prima) i romanzi post apocalittici alla King, su tutti L'Ombra dello Scorpione.

    Is this helpful?

    Fabio-74 said on Apr 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Meglio il finale originale.

    Is this helpful?

    Letz said on Nov 29, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    The Long Loud Silence, 1952.

    Più che al genere SF post-apocalittica appartiene ai romanzi di sopravvivenza .Non è un pugno nello stomaco come "La Strada" ma ci si avvicina.Per gli appassionati del genere è di averlo assolutamente.

    Is this helpful?

    assatourian said on Nov 10, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    il caporale gary si risveglia il giorno del suo 30° compleanno e scopre che gli stati uniti sono stati attaccati con armi atomiche e biologiche. rimasto solo, vaga per le città devastate e scopre anche che è stato stabilito un confine ideale, delimit ...(continue)

    il caporale gary si risveglia il giorno del suo 30° compleanno e scopre che gli stati uniti sono stati attaccati con armi atomiche e biologiche. rimasto solo, vaga per le città devastate e scopre anche che è stato stabilito un confine ideale, delimitato dal fiume missisipi, che divide in due gli USA: la parte infetta e quella ancora integra. cercherà quindi con ogni mezzo di tornare nella "civiltà", ma l'impresa non è facile, visto che nelle zone attaccate si è instaurato un feroce regime di sopravvivenza tutti-contro-tutti.

    un resoconto estremamente realistico di un possible scenario di guerra futura. per tre quarti del libro assistiamo ai tentativi del caporale di trovare un modo di attraversare il fiume, ma quando ci riesce siamo comunque lontani dall'happy ending. altri personaggi entrano ed escono dalla storia, a seconda dell'utilità che rivestono per il protagonista. lo stile è asciutto, e si adatta bene alla spietatezza del racconto.

    Is this helpful?

    Piscu said on Sep 29, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book