Il mago di Oz

Di

Editore: Fabbri

4.1
(4228)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Greco , Catalano , Olandese , Svedese , Giapponese , Portoghese

Isbn-10: 8845125009 | Isbn-13: 9788845125003 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , CD audio

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il mago di Oz?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dorothy e il suo cagnolino non riescono a trovare riparo nel rifugio quandoil tornado si avventa sulla loro casetta che decolla e vola, vola, vola finoa schiantarsi in un paese sconosciuto travolgendo la malvagia Stregadell'Est. Accolta come un'eroina dal popolo che ha liberato, per tornare acasa Dorothy dovrà affrontare mille avventure insieme ai suoi compagni distrada, l'Omino di latta, il Leone codardo e lo Spaventapasseri, persfidare infine il malefico mago di Oz, un concentrato di perfidia chesi rivelerà un impostore.
Ordina per
  • 4

    Semplicemente magico

    Ho amato questo libro, ho amato accompagnare la piccola Dorothy e i suoi amici attraverso il loro viaggio. In apparenza è un libro per bambini, ma leggendolo da adulti si può interpretare in modo più ...continua

    Ho amato questo libro, ho amato accompagnare la piccola Dorothy e i suoi amici attraverso il loro viaggio. In apparenza è un libro per bambini, ma leggendolo da adulti si può interpretare in modo più profondo. Il viaggio fisico dei protagonisti è una metafora del viaggio alla riscoperta di noi stessi. A volte intraprendiamo un viaggio interiore di proporzioni epiche, tristi e infelici perché desideriamo qualcosa che non abbiamo, per comprendere infine che il necessario per renderci felici lo avevamo già dall'inizio.
    Morale della favola: La cosa importante non è la meta, ma il viaggio che hai affrontato per raggiungerla. :)
    E' davvero un libro meraviglioso

    ha scritto il 

  • 5

    Una fiaba ben scritta e, oramai, famosissima, in grado tutt'ora, nonostante abbia più di un secolo di vita, di emozionare e far sognare anche i più grandi. La trama oramai è entrata prepotentemente ne ...continua

    Una fiaba ben scritta e, oramai, famosissima, in grado tutt'ora, nonostante abbia più di un secolo di vita, di emozionare e far sognare anche i più grandi. La trama oramai è entrata prepotentemente nella cultura di ognuno di noi, i suoi personaggi sono diventati icone negli anni, anche grazie alla nota trasposizione cinematografica. Insomma, nonostante la trama lineare e la brevità del romanzo, rimane consigliatissimo a grandi e piccini.

    ha scritto il 

  • 4

    Sono rimasta molto sorpresa. Conoscevo la storia vagamente ed è valsa la pena di leggerla. Lo stile è molto semplice, a volte banale: non so se è un'edizione Penguin semplificata oppure semplicemente ...continua

    Sono rimasta molto sorpresa. Conoscevo la storia vagamente ed è valsa la pena di leggerla. Lo stile è molto semplice, a volte banale: non so se è un'edizione Penguin semplificata oppure semplicemente è un libro rivolto ad un pubblico di bambini e magari dovrebbe essere letto in quell'età. Ma anche da cresciutella, ho trovato un certo piacere nel leggerlo.

    ha scritto il 

  • 3

    Dorothy, il Mago, il Leone, il Boscaiolo..."

    Non l'avevo mai letto in vita mia.
    Non ci credete?
    Credeteci.

    A 30 anni suonati (e anche un po' spinta da una serie tv che seguo da un bel pezzo e che ha introdotto il personaggio di Dorothy adulta) ...continua

    Non l'avevo mai letto in vita mia.
    Non ci credete?
    Credeteci.

    A 30 anni suonati (e anche un po' spinta da una serie tv che seguo da un bel pezzo e che ha introdotto il personaggio di Dorothy adulta) ho deciso di riprendere questo piccolo classico.

    La storia è più che nota: Dorothy vive con la zia Em e lo zio Henry in una fattoria, nelle sconfinate praterie del Kansas. Quando un ciclone si porta via la casa, Dorothy e il suo inseparabile cane Toto si ritrovano ad Oz, un mondo magico, abitato da streghe, scimmie alate e altri strani personaggi, che l'accompagneranno nel suo viaggio verso la Città di Smeraldo, dove risiede il potente Mago di Oz, l'unico in grado di aiutarla a tornare a casa.

    Non posso dire che la storia sia invecchiata benissimo, però è una di quelle storie che, in qualche modo, resteranno sempre nel nostro immaginario; forse leggerlo da bambini può fare un effetto diverso, ma è comunque un racconto che intrattiene, piacevole e divertente, che nasconde fra le righe messaggi importanti, nonché, secondo storici ed esperti, anche una feroce critica politica all'America di fine '800, ovvero l'America che affronta che la deflazione, con i prezzi che crollano e gli agricoltori che perdono il loro potere d'acquisto.

    ha scritto il 

  • 4

    Per la serie: "Meglio tardi che mai" .
    Tuttora non riesco a capacitarmi di aver aspettato così tanto per leggere uno dei grandi classici della letteratura per ragazzi, ma sono entusiasta di avergli c ...continua

    Per la serie: "Meglio tardi che mai" .
    Tuttora non riesco a capacitarmi di aver aspettato così tanto per leggere uno dei grandi classici della letteratura per ragazzi, ma sono entusiasta di avergli concesso questa chance.
    Si legge in poco tempo vista la sua scorrevolezza e non risulta per niente impegnativo, presenta una struttura simil-fiabesca che cela dietro alla sua apparente semplicità riflessioni di una certa rilevanza.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo carino, scrittura semplice, scorrevole, un poco ripetitiva, ma la cosa si giustifica perché il libro è pensato per i bambini. L'impressione è quella di una serie di episodi legati insieme da u ...continua

    Romanzo carino, scrittura semplice, scorrevole, un poco ripetitiva, ma la cosa si giustifica perché il libro è pensato per i bambini. L'impressione è quella di una serie di episodi legati insieme da una trama esile. Lettura comunque consigliata.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per