Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il male assoluto

Nel cuore del romanzo dell'Ottocento

By Pietro Citati

(124)

| Others | 9788804498827

Like Il male assoluto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un viaggio nel romanzo dell'Ottocento, alla scoperta degli autori e deipersonaggi che popolano le loro opere. E poco importa se si tratta di uominiin carne ed ossa, come Dickens e Manzoni, o di creature dell'immaginazione,come Stavrogin o Emma Bovary Continue

Un viaggio nel romanzo dell'Ottocento, alla scoperta degli autori e deipersonaggi che popolano le loro opere. E poco importa se si tratta di uominiin carne ed ossa, come Dickens e Manzoni, o di creature dell'immaginazione,come Stavrogin o Emma Bovary. Tutti sono ugualmente attratti da un'immagine,quella del Male assoluto. Citati evoca i romanzieri del passato facendorivivere per il lettore un'epoca irripetibile nella storia della letteratura.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Meraviglioso e sincero. Le pagine su Poe, Dostoevsky e Carroll sono da prendere e infilare sotto pelle.

    Is this helpful?

    mementomihi said on May 2, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Quel birbante di Citati!

    Questo è un libri da crisi. E’ talmente bravo nel rievocare il mondo interiore degli autori e come questo mondo lo si ritrovi tra le righe dei loro libri che sono stata indecisa se mollarlo e rileggermi, se non tutto, qualco ...(continue)

    Quel birbante di Citati!

    Questo è un libri da crisi. E’ talmente bravo nel rievocare il mondo interiore degli autori e come questo mondo lo si ritrovi tra le righe dei loro libri che sono stata indecisa se mollarlo e rileggermi, se non tutto, qualcosa degli autori analizzati, o continuare e stare con l’acquolina in bocca.

    Il bello è che anche la sua scrittura si adegua. Lieve, una ragnatela dell’anima, per la Austen; frastornante e sovraccarica per Balzac; abissale e inquieta per Poe; celata, understatement e un tantino repressa per Hawthorne; borghese, ma con angoli edipici, pregna di cristianesimo tra Provvidernza/Caso e nevrosi quella di Manzoni.

    Certo, sul Manzoni c’è un intero capitolo. E penso a tutti i poveri ragazzini che l’hanno dovuto studiare, inginocchiati sui ceci e con le bacchettate sulle nocche delle mani se non ricordavano Addio monti o Scendeva dalla soglia d’uno di quegli usci!

    Dickens la cui mente funzionava solo alimentata dalla Londra imperiale, ma quella degli angoli sordidi e bui che producono mostri. Quella dell’Oliver Twist di Lean, un bianco e nero gotico, umido, soffocante, dove tutto è in bilico. Che fatica produrre la luce! Kafka che compare tra le righe nel giudizio rimandato e inappellabile della Cancelleria in Casa desolata, e, spesso, il Dostoevskij di Delitto e castigo (l’ossessiva ripetizione mentale del crimine in Il nostro comune amico).

    Ovviamente Dostoevskij, il grande maestro degli abissi e dei demoni, del Male e del Vuoto, dei sottosuoli della società e del cuore degli uomini.
    Flaubert e la sua ossessioni per la sciocchezza, sovrana abitante del mondo ed anche dell’autore.
    Lewis Carroll, mai cresciuto, chiuso nel suo college, che non vuole nulla cambi, un eterno picnic sull’erba ombrosa vicino ad un placido lago, tra armadi pieni di tutti i giochi possibili, e il suo tentativo di fermare per sempre il tempo nelle immagini delle sue bambine ché non crescano mai perdendo l’innocenza e lo stupore del mondo.
    L’inspiegabile miracolo della produzione di Pinocchio, opera inaspettata di un improbabile autore.
    La Russia popolare e contadina di Leskov (e qui confesso la mia ignoranza: non lo conoscevo), amata con tale passione da giocargli la simpatie dei progressisti.
    La perenne domanda di Tolstoj sul mondo dei morti e sull’aldilà, tipica del credente, che affronta in un famoso racconto in cui il protagonista non gli è neppure simpatico. E forse è una difesa dell’autore prendere così le distanze da un evento misterioso dove Dio è assente.
    Quale misteriosa ispirazione permise ad un uomo non particolarmente intelligente, senza una vera cultura letteraria, frequentatore di bar e biliardi, di produrre I Malavoglia (con un artificio di scrittura assolutamente nuovo in Europa) e Mastro Don Gesualdo?
    Salgàri, innocente mitomane, che arredava lussuosamente i rifugi di Sandokan e del Corsaro Nero, con lo sfarzo che non avrebbe mai conosciuto, che profumava le lenzuola nel tentativo di ricreare i profumi d’Oriente, autentico scrittore che ricostruì un mondo da esprimere pur senza appartenere ad un’intellighenzia letteraria.
    Stevenson e la sua infanzia trascorsa nel “paese del copriletto”, tra letture accanite e malattie varie, la continua idea di fuga, il vagabondaggio per i sentieri di Scozia, affascinante, disponibile e che utilizzò il suo talento naturale per scrivere il proprio wild.
    James, l’oggetto misterioso, il fanciullo che guardava il mondo e assorbiva tutto come una spugna. L’uomo che non c’era, almeno al di fuori dei suoi libri e delle loro atmosfere eleganti, rarefatte, celate dietro i paraventi delle parole.

    In conclusione è il caso di porsi una domanda: siamo in grado di cogliere ciò che sta dietro, o attraverso, la semplice trama di un testo? O questa finisce per coprire la tela sottostante e noi crediamo sia tutto lì? Perché un classico è tale, al di là del fatto che nel tempo si continui a leggerlo?
    Per conoscere un buon vino, bisogna bere bene. O per giocare bene a tennis ci vuol un buon maestro. Forse per leggere bene buoni libri, bisogna leggere buoni libri.

    Is this helpful?

    Anina e "gambette di pollo" said on Oct 21, 2013 | 7 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Proprio bello. Chiudi quel libro e vorresti leggere tutti i libri che gli autori citati nel libro hanno scritto.

    Is this helpful?

    Fermacartetommy said on Dec 8, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lettura interessante e molto colta, ma al contempo per nulla pesante.
    Molto istruttivo, fa venire voglia di leggere.

    Is this helpful?

    Mauricarbone said on May 11, 2010 | Add your feedback

  • 9 people find this helpful

    Ho imparato più da Citati che da tutti i miei professori di letteratura messi insieme.
    Per chi vuole capire l' Ottocento e i suoi protagonisti.

    Is this helpful?

    Sidner said on Sep 8, 2008 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Tomo un poco pesante ma di certo gustoso, per chi ama la lettura, per chi vuole capirne i meccanismi e conoscere le storie del "Male" nel romanzo dell'ottocento.
    Un testo indispensabile per chiunque voglia studiare, per piacere o necessità la st ...(continue)

    Tomo un poco pesante ma di certo gustoso, per chi ama la lettura, per chi vuole capirne i meccanismi e conoscere le storie del "Male" nel romanzo dell'ottocento.
    Un testo indispensabile per chiunque voglia studiare, per piacere o necessità la storia del romanzo.

    Is this helpful?

    The Fallen said on May 3, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (124)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 511 Pages
  • ISBN-10: 880449882X
  • ISBN-13: 9788804498827
  • Publisher: Mondadori
  • Publish date: 2001-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover
Improve_data of this book