Il marchio del diavolo

Di

Editore: Nord (Narrativa Nord)

3.4
(1358)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 416 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8842916722 | Isbn-13: 9788842916727 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: F. Frulla , R. Cristofani

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il marchio del diavolo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Roma, 1139. Un uomo volge lo sguardo al cielo, in attesa. Seguendo le indicazioni dei suoi predecessori, è arrivato nella Città Eterna per assistere all'eclissi lunare che mostrerà un allineamento astrale unico. All'ora stabilita, la luna a poco a poco si dissolve nell'oscurità, lasciando il posto a 112 stelle. E' il segno che l'uomo aspettava: ancora 112 papi, poi, sulle rovine della Chiesa, sorgerà un nuovo mondo...
Roma, 2000. Incredula, una giovane archeologa fissa il cielo. Poche ore prima, il Vaticano le ha ordinato d'interrompere gli scavi nelle catacombe di San Callisto, mettendo così fine alla sua carriera accademica. E adesso lei giace sull'asfalto, in una pozza di sangue. Tuttavia, nell'istante in cui l'aggressore le ha conficcato il pugnale nel petto, Elisabetta ha notato un dettaglio agghiacciante. Un dettaglio impossibile da dimenticare.
Roma, oggi. Una serie di scheletri rinvenuti in un columbarium del I secolo d.C., una successione enigmatica di simboli astrologici, un libro maledetto: sono gli indizi che, mettendo a rischio la propria vita e quella dei suoi cari...
Ordina per
  • 4

    Bello

    Bel romanzo, parecchio di fantasia, com'è solito per Cooper. Interessante il soggetto, sviluppato in lungo e in largo con parti di fantasia straripante. Attraverso un avvilupparsi della storia e svolg ...continua

    Bel romanzo, parecchio di fantasia, com'è solito per Cooper. Interessante il soggetto, sviluppato in lungo e in largo con parti di fantasia straripante. Attraverso un avvilupparsi della storia e svolgersi in quattro sezioni diverse, storiche e attuale, con frequenti flash-back, riesce a tenere la tensione alta fino al finale, che non è poi un finale definitivo com'è solito fare.

    ha scritto il 

  • 4

    Sicuramente più carino della Mappa del destino perchè parla di argomenti più vicini a noi italiani (Roma e Vaticano). L'ambientazione in tre periodi storici che si intrecciano è sempre presente, ma in ...continua

    Sicuramente più carino della Mappa del destino perchè parla di argomenti più vicini a noi italiani (Roma e Vaticano). L'ambientazione in tre periodi storici che si intrecciano è sempre presente, ma in questo romanzo prevale prepotentemente la storia contemporanea, che sicuramente è la più intrigante. Nel complesso un libro scorrevole e con una trama sapientemente complessa.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Sulla falsa riga di Angeli e demoni...ma con una valanga di imprecisioni!La maggior parte delle vicende si svolgono in Italia, a Roma e alcuni particolari potevano essere molto più curati (o almeno re ...continua

    Sulla falsa riga di Angeli e demoni...ma con una valanga di imprecisioni!La maggior parte delle vicende si svolgono in Italia, a Roma e alcuni particolari potevano essere molto più curati (o almeno revisionati da parte di qualcuno che conosca l'Italia). Cito qualche esempio:
    - Già nelle primissime pagine si parla di tetti in ardesia...ardesia??a Roma?
    - Quando l'assassino cerca di introdursi nella camera di Elisabetta apre il chiavistello della finestra...chiavistello?? Mai visti chiavistelli alle finestre, tanto più che in Italia non mancano mai gli scuri, o le veneziane, o le serrande...
    - Si evince che la madre e il padre di Elisabetta dormono in letti separati, situazione forse più comune negli USA ma decisamente rara in Italia.
    - Moquette in casa...ma quando mai??
    - In fine, bagno in camera, non vivo a Roma dubito che sia comune trovare, in un appartamento qualsiasi un bagno in camera (altro particolare molto più comune negli USA).
    Nel complesso comunque la trama è avvincente, anche se un po' banale il finale.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo dalla trama interessante, ambientato in tre differenti periodi storici. Temevo una vaccata galattica e invece mi ha stupito per essere perfino credibile. Peccato per il finale un po' troppo ...continua

    Un romanzo dalla trama interessante, ambientato in tre differenti periodi storici. Temevo una vaccata galattica e invece mi ha stupito per essere perfino credibile. Peccato per il finale un po' troppo prevedibile e telefonato. Godibile.

    ha scritto il 

  • 2

    Devo dire che anche Cooper sta diventando ripetitivo per i miei gusti. Ormai gli intrighi e le società segrete ruotano sempre intorno alle stesse cose, nonostante qui si siano tirati in ballo Nerone,M ...continua

    Devo dire che anche Cooper sta diventando ripetitivo per i miei gusti. Ormai gli intrighi e le società segrete ruotano sempre intorno alle stesse cose, nonostante qui si siano tirati in ballo Nerone,Marlowe e la regina Elisabetta I. Oltretutto il finale del libro, senza voler anticipare niente a nessuno, sembra copiato pari pari da un libro di Dan Brown. Insomma abbastanza deludente.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Così così

    inizialmente sembrava una storia che aveva tutti i requisiti per essere una storia di avventura, intrigo, colpi di scena e via discorrendo. Il problema e che poi, dopo la metà sembra che la storia deb ...continua

    inizialmente sembrava una storia che aveva tutti i requisiti per essere una storia di avventura, intrigo, colpi di scena e via discorrendo. Il problema e che poi, dopo la metà sembra che la storia debba essere terminata in "fretta e furia" dove l'eroina, da timida e ingenua suora, riesce a sventare da sola un intrigo internazionale e ad eliminare il cattivone di turno. Il finale, oltre ad essere inverosimile, sembra scritto più frettolosamente dell'inizio e "il colpo di scena" finale quando lo leggi ha un sapore di "me lo aspettavo". Un passatempo per il fine settimana e niente più. Il libro "La Biblioteca dei Morti" era (ahimè!) ben altra cosa ...

    ha scritto il 

  • 2

    Poca cosa

    Quando ho voglia di una lettura defaticante, con una bella idea di base sviluppata in modo poco impegnativo, leggo Cooper. Stavolta non c'era nemmeno la bella idea, perchè la setta di cattivoni che vi ...continua

    Quando ho voglia di una lettura defaticante, con una bella idea di base sviluppata in modo poco impegnativo, leggo Cooper. Stavolta non c'era nemmeno la bella idea, perchè la setta di cattivoni che viene sconfitta da un piccolo manipolo di buoni senza un mezzo difetto, non è proprio un'idea folgorante. Apprezzabili ma leggeri i tentativi storici, forse Marlowe è l'unico personaggio degno di nota dell'intero romanzo.

    ha scritto il 

Ordina per