Il matrimonio di mio fratello

Voto medio di 196
| 38 contributi totali di cui 36 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Teo ha trentanove anni, un lavoro sicuro, una macchina aziendale e una ragazza diversa ogni weekend. Sta bene, per il momento la vita gli piace abbastanza. Non come suo fratello Max, più grande di tre anni, che è sempre stato radicale in ogni ... Continua
Ha scritto il 13/08/17
IL MATRIMONIO DI MIO FRATELLO di Enrico Brizzi
Avevo abbandonato Enrico Brizzi col suo Jack Frusciante molto tempo fa e sono tornato a leggerlo dopo la bellezza di vent’anni. Premetto che Jack Frusciante mi era piaciuto parecchio con il suo modo molto originale (per allora) di piegare la ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 25/07/17
Max... è uscito dal gruppo
Una lunga (lunghissima) narrazione di una costellazione familiare, con personaggi paralleli minori ma talvolta più interessanti dei protagonisti. I due centrali, Max e Teo, sono fratelli e qui si racconta la loro storia, la loro crescita, il loro ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 09/07/17
Quarant'anni di storia. Fa sfondo al racconto di una famiglia borghese e del legame fra due fratelli l'analisi del rapido cambiamento della nostra società negli anni 60 (dal boom economico a Facebook). Un libro piuttosto corposo ma con uno stile ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 30/06/17
SPOILER ALERT
Bella lettura
Un libro che si legge volentieri, "scorre" come si dice, ben scritto... soprattutto la prima metà diciamo mi ha molto coinvolta ed entusiasmata, con tratti di grande divertimento e ilarità, sarà l'effetto revival che altri lettori evidenziavano ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 30/04/17
si è trattato di un romanzo interessante, piacevole da leggere, leggero e fluido, narrato con leggerezza e con un linguaggio colloquiale.Partendo dalla vicenda, la scomparsa del fratello Max con i figli, Teo, la voce narrante, ripercorre tutta la ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Apr 20, 2016, 13:56
Perché i fratelli, queste creature che crescono nel palmo della stessa mano, possono continuare a volersi bene anche da grandi, ma viene il giorno in cui ognuno di loro è chiamato dal proprio destino, e lungo quel sentiero deve incamminarsi da solo.
Pag. 219
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 20, 2016, 13:51
Tornare a casa avrebbe significato arrendersi e, se c'era qualcosa che il ragazzo sentiva di aver imparato, era che ogni resa porta con sé un rimpianto: era quello il veleno capace di intossicare l'anima e trasformare le persone libere in schiavi, ... Continua...
Pag. 196
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi