Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il meglio dei racconti di Dino Buzzati

Di

Editore: Mondadori Oscar

4.3
(194)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 356 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8804319909 | Isbn-13: 9788804319900 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Federico Roncoroni

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il meglio dei racconti di Dino Buzzati?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Scoperto per puro caso, questo libretto mi ha davvero stupita. Non mi aspettavo racconti così intriganti né idee tanto forti risolte in così poche pagine. Buzzati gode senza dubbio del dono della sintesi. A distanza di giorni dalla lettura, mi sorprendo, in alcune occasioni, a ripensare ai raccon ...continua

    Scoperto per puro caso, questo libretto mi ha davvero stupita. Non mi aspettavo racconti così intriganti né idee tanto forti risolte in così poche pagine. Buzzati gode senza dubbio del dono della sintesi. A distanza di giorni dalla lettura, mi sorprendo, in alcune occasioni, a ripensare ai racconti letti in questo libro e a trarne insegnamenti utili per la vita quotidiana. Lo consiglio a chiunque, dai 15 anni in poi.

    ha scritto il 

  • 4

    Inviti superflui

    Ho letto questa raccolta molti anni fa. Un solo racconto però mi è rimasto impresso: "Inviiti superflui" tratto da "Paura alla scala".
    Il protagonista ,che racconta i suoi pensieri attraverso un monologo, ripensa a una donna del passato che ancora ama. La stessa donna che lui stesso confess ...continua

    Ho letto questa raccolta molti anni fa. Un solo racconto però mi è rimasto impresso: "Inviiti superflui" tratto da "Paura alla scala".
    Il protagonista ,che racconta i suoi pensieri attraverso un monologo, ripensa a una donna del passato che ancora ama. La stessa donna che lui stesso confessa vorrebbe ancora al suo fianco nonostante sia una persona superficiale e incapace di amarlo allo stesso modo.

    "Avrò pazienza se non capirai ciò che ti dico, se parlerai di fatti a me strani, se ti lamenterai dei vestiti vecchi e dei soldi. Non ci saranno la cosidetta poesia, le comuni speranze, le mestizie così amiche dell'amore. Ma io ti avrò vicina"

    ha scritto il 

  • 5

    In assoluto il miglior scrittore di racconti italiano contemporaneo e uno dei più grandi in utta la storia della letteratura. Scrittore molto amato dai lettori e poco dalla critica, che pur di non lodarlo prese a dire che era una sorta di kafka italiano. Dimostrazione di come non avessero capito ...continua

    In assoluto il miglior scrittore di racconti italiano contemporaneo e uno dei più grandi in utta la storia della letteratura. Scrittore molto amato dai lettori e poco dalla critica, che pur di non lodarlo prese a dire che era una sorta di kafka italiano. Dimostrazione di come non avessero capito né kafka né Buzzati. Il fatto di essere autore di opere di genere definito fantastico non lo aiutò, men che mai il fatto di scrivere racconti, considerata un'arte minore. Magia e inquietudine in tutti i racconti.

    ha scritto il 

  • 4

    La migliore spiegazione del perché è così affascinante la scrittura metafisica e fantastica di Buzzati la dà lui stesso nel racconto "Una goccia", quando a proposito di una goccia d'acqua che misteriosamente tende a risalire le scale commenta:


    Sarebbe per caso una allegoria? Si vorrebb ...continua

    La migliore spiegazione del perché è così affascinante la scrittura metafisica e fantastica di Buzzati la dà lui stesso nel racconto "Una goccia", quando a proposito di una goccia d'acqua che misteriosamente tende a risalire le scale commenta:

    Sarebbe per caso una allegoria? Si vorrebbe, per così dire, simboleggiare la morte? o qualche pericolo? o gli anni che passano? Niente affatto, signori: è semplicemente una goccia, solo che viene su per le scale [...] Ma no, vi dico, non è uno scherzo, non ci sono doppi sensi, trattasi ahimè proprio di una goccia d'acqua, a quanto è dato presumere, che di notte viene su per le scale. Tic, tic, misteriosamente, di gradino in gradino. E perciò si ha paura.

    Nel complesso, grandissimi racconti intervallati da alcuni un po' scialbi (quelli fiabeschi allegorici rompono le scatole velocemente). I migliori, a mio parere: "Qualcosa era successo", "Il crollo della Baliverna", "Schiavo", "Ragazza che precipita". Uno invece è sorprendentemente la più bella lettera d'amore che abbia mai letto, "Inviti superflui".

    ha scritto il 

  • 5

    I libri "Il colombre", "La boutique del mistero" e, naturalmente, "Il meglio dei racconti" sono delle raccolte di racconti.
    Buzzati è uno dei pochi scrittori capaci di narrare una storia anche in una sola facciata lasciandoti poi a meditare per giorni e giorni.
    In questi libri troviamo ...continua

    I libri "Il colombre", "La boutique del mistero" e, naturalmente, "Il meglio dei racconti" sono delle raccolte di racconti.
    Buzzati è uno dei pochi scrittori capaci di narrare una storia anche in una sola facciata lasciandoti poi a meditare per giorni e giorni.
    In questi libri troviamo una serie di piccole storie che ti toccano nell'intimo, che ti fanno pensare ma che soprattutto ti fanno sorgere spontanea la domanda: "ed io, in quel contesto, come mi sarei comportato?".
    Un altro aspetto fondamentale di queste opere è che sono adatte per tutte le età. Anzi, a mio giudizio andrebbero rilette col passare degli anni per riconfrontarsi alla luce della maturità raggiunta e delle esperienze di vita vissute.

    ha scritto il 

  • 4

    Per qualche strano motivo il nostro paese non ama i racconti.
    Molti leggono i racconti con lo stesso "occhio" con cui affrontano i romanzi e restano regolarmente delusi dal non riuscire a "immergersi" nella storia.
    Invece il racconto è un piccolo mondo compiuto.
    E' come un dolcetto ...continua

    Per qualche strano motivo il nostro paese non ama i racconti.
    Molti leggono i racconti con lo stesso "occhio" con cui affrontano i romanzi e restano regolarmente delusi dal non riuscire a "immergersi" nella storia.
    Invece il racconto è un piccolo mondo compiuto.
    E' come un dolcetto che va assaporato in un sol boccone. Un piccolo piacere compiuto in se stesso.
    I racconti di Dino Buzzati rappresentano probabilmente, insieme a quelli di Calvino, il vertice della produzione di storie brevi in Italia.
    L'unico altro autore dello stesso livello che mi viene in mente è, in campo comico, Stefano Benni.
    Buzzati ha, più di Calvino, la capacità di inquietare.
    Il suo racconto sulla clinica a 7 piani è semplicemente magistrale!

    ha scritto il