Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mercante di Venezia

Di

Editore: Newton & Compton

4.3
(2212)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 100 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Giapponese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese

Isbn-10: 8879839241 | Isbn-13: 9788879839242 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Paola Ojetti

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Foreign Language Study , History

Ti piace Il mercante di Venezia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Il migliore.

    Fino ad oggi è il miglior testo di Shakespeare che io abbia letto. Lo so, farò rabbrividire chi lo ammira soprattutto per Amleto, Otello o Macbeth, ma quella corda che si trova nel mio cuore, Il Maestro è riuscita a toccarla con quest'opera, che ho apprezzato moltissimo. Bella bella bella, forse ...continua

    Fino ad oggi è il miglior testo di Shakespeare che io abbia letto. Lo so, farò rabbrividire chi lo ammira soprattutto per Amleto, Otello o Macbeth, ma quella corda che si trova nel mio cuore, Il Maestro è riuscita a toccarla con quest'opera, che ho apprezzato moltissimo. Bella bella bella, forse dovrei leggere più commedie :)

    ha scritto il 

  • 5

    Shakespeare ci parla e sembra ridere dei nostri affanni, sono passati i secoli, ma noi non cambiamo mai.

    Shakespeare è incredibile, continua a stupirci per la sua profondità, attualità, sensibilità. Nei suoi libri c’è tutta la vita: il valore dell’amicizia, l’amore, i conflitti genitori-figli, l’importanza del denaro e c'è il pregiudizio, ma anche l’antidoto al pregiudizio, pensiamo al monologo p ...continua

    Shakespeare è incredibile, continua a stupirci per la sua profondità, attualità, sensibilità. Nei suoi libri c’è tutta la vita: il valore dell’amicizia, l’amore, i conflitti genitori-figli, l’importanza del denaro e c'è il pregiudizio, ma anche l’antidoto al pregiudizio, pensiamo al monologo più famoso di questa opera:

    Ma non ha occhi un ebreo? Non ha un ebreo mani, organi, membra, sensi, affetti, passioni? Non si nutre degli stessi cibi, non è ferito dalle stesse armi, non è soggetto alle stesse malattie, non si cura con gli stessi rimedi, non è riscaldato e agghiacciato dallo stesso inverno e dalla stessa estate come lo è un cristiano? Se ci pungete, non facciamo sangue? Se ci fate il solletico, non ridiamo? Se ci avvelenate, non moriamo?

    ha scritto il 

  • 3

    A pesar de contar con el maravilloso estilo de escritura que ha hecho famoso a su autor, me ha resultado un tanto tediosa. El tema del racismo, de tan evidente actualidad hoy como hace siglos, está magníficamente retratado, aunque evidentemente es demasiado partidista por lo que Shakespeare intro ...continua

    A pesar de contar con el maravilloso estilo de escritura que ha hecho famoso a su autor, me ha resultado un tanto tediosa. El tema del racismo, de tan evidente actualidad hoy como hace siglos, está magníficamente retratado, aunque evidentemente es demasiado partidista por lo que Shakespeare introduce el elemento romántico para suavizar el conjunto. No obstante y aunque los personajes estén excesivamente estereotipados en cuanto a sus gustos y acciones (los buenos son tan buenos que parecen tontos y los malos son tan malos que son demonios en la tierra) es una buena obra para pasar el rato, pero que carece de "garra" en los diálogos y de ritmo a la hora de desarrollar la trama.

    ha scritto il 

  • 5

    Il mondo non si lascia forse incantare dall'ornamento? [...] attenti alla verità apparente: quest'epoca mistificatrice se ne serve per intrappolare i più saggi

    Uno dei miei preferiti di Shakespeare
    Molto controverso il personaggio di Shylock: mi sono sempre chiesta, perchè obbligarlo a farsi cristiano? Una società che possiamo definire multietnica come quella della Venezia dell'epoca, che cosa ci guadagna, e cosa ci guadagna Antonio stesso dalla c ...continua

    Uno dei miei preferiti di Shakespeare
    Molto controverso il personaggio di Shylock: mi sono sempre chiesta, perchè obbligarlo a farsi cristiano? Una società che possiamo definire multietnica come quella della Venezia dell'epoca, che cosa ci guadagna, e cosa ci guadagna Antonio stesso dalla conversione obbligata del suo aguzzino?
    In fin dei conti Shylock è molto umano, voleva la sua libbra di carne per puro odio e vendetta nei confronti di Antonio "Se un Ebreo fa torto ad un Cristiano, qual è la sopportazione del Cristiano? Vendetta." comportandosi, secondo lui, come i suoi vicini stessi gli hanno insegnato. Con questo non voglio giustificarlo: pretendere la vita di Antonio nella libbra di carne perchè il Mercante ostacolava i suoi affari è oltremodo eccessivo e su questo non ci piove. Ma alla fine per lui mi dispiace: non per la penale, non per essere stato spogliato dei suoi beni, ma per essere stato costretto alla conversione; condizione di cui non vedo altra utilità se non l'accanimento.

    ha scritto il 

  • 3

    Shylock signoreggia sugli altri personaggi; la celebre scena della libbra di carne è uno dei momenti più violenti della letteratura, credo; infine le donne, scrigni di virtù, concludono audacemente la pièce.

    ha scritto il 

  • 4

    Potrei scrivere un commento articolato e dilungarmi nel celebrare Shakespeare all'infinito. Ma a cosa servirebbe?
    Come al solito, solo un autore che, anche attraverso la commedia - soprattutto attraverso la commedia, mi azzarderei a dire - ci mostra il mondo, con i suoi pregiudizi e le sue ...continua

    Potrei scrivere un commento articolato e dilungarmi nel celebrare Shakespeare all'infinito. Ma a cosa servirebbe?
    Come al solito, solo un autore che, anche attraverso la commedia - soprattutto attraverso la commedia, mi azzarderei a dire - ci mostra il mondo, con i suoi pregiudizi e le sue paure, ma anche con l'amore e la voglia di vivere, per quello che è: un enorme palcoscenico.

    ha scritto il 

Ordina per