Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mercante di utopie. La storia di Oscar Farinetti, l'inventore di Eataly

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.6
(37)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8820046210 | Isbn-13: 9788820046217 | Data di pubblicazione: 

Genere: Business & Economics , Cooking, Food & Wine

Ti piace Il mercante di utopie. La storia di Oscar Farinetti, l'inventore di Eataly?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Il mercante di utopie

    Farinetti è il mio guru. Pur ammettendo che la biografia sia a tratti sin troppo accomodante, lo spirito e l'energia di quest'uomo mi trasmettono gran voglia di fare. Oscar forever.

    ha scritto il 

  • 3

    entusiasmante ma... banale

    una storia interessante, che sa dare un po' di "carica" al lettore, la voglia di inseguire il proprio sogno.. ma l'autrice non valorizza la storia umana di Farinetti, ne fa invece una favola dal tono sempre un po' "finto". una biografia totalmente da riscrivere, con un atteggiamento meno servile. ...continua

    una storia interessante, che sa dare un po' di "carica" al lettore, la voglia di inseguire il proprio sogno.. ma l'autrice non valorizza la storia umana di Farinetti, ne fa invece una favola dal tono sempre un po' "finto". una biografia totalmente da riscrivere, con un atteggiamento meno servile...

    ha scritto il 

  • 4

    La vita insegna che non bisogna mai smettere di credere nei propri sogni.
    La tenacia di Oscar Farinetti ne è la prova: mollare tutto e ricominciare. Con un sogno che affonda le sue radici nell'infanzia e oggi è una realtà migliore di quanto immaginata.

    ha scritto il 

  • 3

    TERRA - forno, cottura lenta

    La storia di un uomo/figlio/marito/padre/commerciante/imprenditore/ e poi/ ancora uomo attraverso la realizzazione di sogni-progetti progressivi attraverso la storia di altre persone.
    Oppure la storia di alcune persone che realizzano i sogni-progetti progressivi di un uomo/figlio/marito/pad ...continua

    La storia di un uomo/figlio/marito/padre/commerciante/imprenditore/ e poi/ ancora uomo attraverso la realizzazione di sogni-progetti progressivi attraverso la storia di altre persone.
    Oppure la storia di alcune persone che realizzano i sogni-progetti progressivi di un uomo/figlio/marito/padre/commerciante/imprenditore/ e poi/ ancora uomo.
    Mi è piaciuto molto il DICIOTTALOGO DEL MERCANTE-IMPRENDITORE; e il passaggio dal rincorrere al percorrere che è evidente nelle descrizione dei posti più che dei luoghi.
    Non mi è piaciuto il supereroismo sfiorato.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa biografia mi ha appassionata: già amavo Eataly, ora che ne so di più non posso che affezionarmici ancora di più. Sarà un'operazione di marketing, come dicono alcuni in altre recensioni, sarà una scrittura stucchevole ed eccessivamente ammirata, come dicono altri, ma io comunque ho trovato ...continua

    Questa biografia mi ha appassionata: già amavo Eataly, ora che ne so di più non posso che affezionarmici ancora di più. Sarà un'operazione di marketing, come dicono alcuni in altre recensioni, sarà una scrittura stucchevole ed eccessivamente ammirata, come dicono altri, ma io comunque ho trovato il libro interessante e Oscar Farinetti un gran personaggio!

    ha scritto il 

  • 5

    trovo la vita di Farinetti davvero interessante, forse la giornalista esagera un pò con l'enfasi, ma il libro è scritto bene, trasmette un'energia e una voglia di fare davvero notevole.


    Oscar Farinetti rappresenta un modo sano, e raro, di fare imprenditoria in Italia. Peccato che è uno sol ...continua

    trovo la vita di Farinetti davvero interessante, forse la giornalista esagera un pò con l'enfasi, ma il libro è scritto bene, trasmette un'energia e una voglia di fare davvero notevole.

    Oscar Farinetti rappresenta un modo sano, e raro, di fare imprenditoria in Italia. Peccato che è uno solo, e non uno e trino... sarebbe stato meglio, un pò per tutti noi
    :)

    ha scritto il 

  • 5

    "....<<Perchè, se la gallina e la tacchina fanno l'uovo, noi mangiamo solo uova di gallina?>>
    Silenzio in sala.
    <<La gallina fa coccodè...>>
    Silenzio in sala.
    <<...e coccodè significa comunicare. Dire: io ho fatto l'uovo ed è buono, mangiatelo! la ...continua

    "....<<Perchè, se la gallina e la tacchina fanno l'uovo, noi mangiamo solo uova di gallina?>>
    Silenzio in sala.
    <<La gallina fa coccodè...>>
    Silenzio in sala.
    <<...e coccodè significa comunicare. Dire: io ho fatto l'uovo ed è buono, mangiatelo! la gallina è il primo docente di marketing della storia.>>
    Applauso in sala."
    Un libro davvero interesante, Oscar Farinetti potrebbe insegnare il marketing molto meglio di qualunque professore universitario!

    ha scritto il 

  • 4

    Ho acquistato il libro per ragioni molto "pratiche": mia sorella vorrebbe andare a lavorare per il Sig. Farinetti nella prossima sede in apertura a N.Y. e voleva sapere qualcosa di più. Io non ho resistito e ho dovuto leggere il libro prima di spedirlo oltre oceano.
    L'ho letto in un giorno e ...continua

    Ho acquistato il libro per ragioni molto "pratiche": mia sorella vorrebbe andare a lavorare per il Sig. Farinetti nella prossima sede in apertura a N.Y. e voleva sapere qualcosa di più. Io non ho resistito e ho dovuto leggere il libro prima di spedirlo oltre oceano.
    L'ho letto in un giorno e devo dire che comunque mi è piaciuto, come piacciono tutti i romanzi che parlano di gente che conosci, di posti dove hai mangiato anche tu e del supermercato dove andavi vent'anni fa a fare la spesa la domenica perchè era l'unico posto aperto nel raggio di cinquanta km.
    La Sartorio la conosco solo come giornalista della Stampa ma non mi ha mai entusiasmata, qui sicuramente ha romanzato il giusto la storia per renderla "appettibile". Una bella mossa pubblicitaria, chi non andrà a fare un salto al Lingotto dopo aver letto il libro???

    ha scritto il