Il migliore amico dell'orso

Di ,

Editore: Edizioni BD

3.7
(675)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Francese , Spagnolo , Sloveno

Isbn-10: 8861235808 | Isbn-13: 9788861235809 | Data di pubblicazione: 

Curatore: N. RainÒ

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Il migliore amico dell'orso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    La storia di un uomo che va controcorrente, un pastore luterano che insieme al suo amico orso si avventura in una Odissea "cervantesca", dove l'orso diviene Sancio Panza e il pastore Don Chisciotte, t ...continua

    La storia di un uomo che va controcorrente, un pastore luterano che insieme al suo amico orso si avventura in una Odissea "cervantesca", dove l'orso diviene Sancio Panza e il pastore Don Chisciotte, tra 'guerre di religione', naufragi e osservazioni del cosmo. Una storia di realismo grottesco nella piena tradizione europea di Rabelais, un elogio dei 'controtendenti' - di chi non si preoccupa d'essere originale (come può non esserlo un pastore che ha perso la fede, che vive con un orso, ascolta i suoni del cosmo e pratica il lancio del giavellotto in verticale all'interno di pozzi asciutti?) - che conferma ancora una volta l'incredibile originalità di Paasilinna

    ha scritto il 

  • 2

    Dato il tema religioso e (anti)clericale, sembra quasi il seguito (o la preparazione) del "Figlio del dio del tuono". Molto meno divertente però, specie oltre la metà, anche se comunque si fa bere in ...continua

    Dato il tema religioso e (anti)clericale, sembra quasi il seguito (o la preparazione) del "Figlio del dio del tuono". Molto meno divertente però, specie oltre la metà, anche se comunque si fa bere in allegria. Un po' forzato e allo stesso tempo troppo scontato in certi passaggi. D'altro canto, una storia lineare o un finale grandiosamente ricapitolativo e definitivo non sarebbero nello stile di Paasilinna.

    Qualche citazione in https://it.wikiquote.org/wiki/Arto_Paasilinna

    ha scritto il 

  • 4

    Il reverendo Huuskonen, raggiunti i 50 anni, si pone una serie di dubbi e di domande sul senso della sua fede e della sua vita che inizia a essere rivoluzionata dal giorno in cui i suoi parrocchiani g ...continua

    Il reverendo Huuskonen, raggiunti i 50 anni, si pone una serie di dubbi e di domande sul senso della sua fede e della sua vita che inizia a essere rivoluzionata dal giorno in cui i suoi parrocchiani gli regalano per il suo 50° compleanno un cucciolo di orso, orfano, a cui vien dato nome Satanasso.
    Da questo momento in poi i due vivranno una serie di avventure tragicomiche e improbabili a cui Paasilinna non fa mancare, da contrappeso, alcune riflessioni serie e importanti (come sempre nei suoi libri!) sul senso della vita, sull'eterna diatriba tra religione e biologia. Ho riso moltissimo specialmente nella prima parte e ho trovato simpatica la figura del reverendo che affronta una nuova parte della sua vita aprendosi nuove strade e mettendosi in gioco.

    ha scritto il 

  • 4

    Un orso e un pastore protestante, la cui fede vacilla da tempo; la natura tipica del nord, con i paesaggi innevati, i boschi che si perdono a vista d'occhio, ma anche il caldo Mediterraneo, Malta (e c ...continua

    Un orso e un pastore protestante, la cui fede vacilla da tempo; la natura tipica del nord, con i paesaggi innevati, i boschi che si perdono a vista d'occhio, ma anche il caldo Mediterraneo, Malta (e che ci fa un orso a Malta? Ci vive bene, altroché!); una galleria di personaggi, a volte mediocri a volte geniali, tutti strampalati, ma alla fine non così fuori di testa come potrebbero sembrare. Che quel che è bello in Paasilinna è che il grottesco, il surreale, non sono la strada poco percorsa per andare oltre l'umano, bensì la corsia preferenziale per accedere, ancora più in profondità, nell'umano. Per farci capire che c'è un mondo oltre la nostra porta, che ci sono possibilità inesplorate, che c'è la via, se non per la felicità piena, almeno per una serena bonomia del vivere. E che importa se è un orso "speciale" che lo fa capire al pastore Oskari? Non c'è confine tra uomini e animali: e se il reverendo è il migliore amico dell'orso, non v'è dubbio che l'orso Satanasso, ribattezzato Satan, sia il miglior amico del reverendo. Animale quanto basta e quando serve, umano e attento all'igiene personale per farsi accettare nella comunità civile, si concede al letargo e da sveglio agli assalti della sorte, quasi conscio che l'uno serve ad affrontare gli altri. E forse anche questa saggezza nell'uso del tempo è la chiave per una vita più serena.

    ha scritto il 

  • 3

    Paasilinna sottotono

    Personaggi stravaganti, situazioni surreali e avventure improbabili, ma manca qualcosa, forse una reale compiutezza, forse l'evoluzione sempre brillante cui Paasilinna ci ha abituati, forse vera coere ...continua

    Personaggi stravaganti, situazioni surreali e avventure improbabili, ma manca qualcosa, forse una reale compiutezza, forse l'evoluzione sempre brillante cui Paasilinna ci ha abituati, forse vera coerenza interna. Peccato. Comunque godibilissimo!

    ha scritto il 

Ordina per