Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il millennio bizantino

Di

Editore: Salerno

0.0
(0)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 455 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8885026443 | Isbn-13: 9788885026445 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: Enrico Livrea

Genere: History

Ti piace Il millennio bizantino?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hans-Georg Beck, professore emerito di Storia della civiltà bizantina all'Università di Monaco, è il continuatore e il più alto esponente di una tradizione di studi che, iniziatasi proprio a Monaco con Karl Krumbacher, gettò le basi di una nuova scienza svincolandola dai pregiudizi classicistici e dotandola definitivamente di propri strumenti di ricerca. Concepito come summa di una lunga e rigogliosa attività di bizantinista militante, il volume "Il millennio bizantino", che non si propone di sostituire alcun manuale e si offre invece alla meditazione dell'uomo colto anche non specialista, indaga in maniera personalissima e spesso dissacrante l'eredità ellenistica, lo Stato e la costituzione, l'ortodossia politica, la letteratura, la teologia, il monachesimo, la religione e la società bizantina, innestando sul tronco della tipica "Kulturgeschichte" germanica le più raffinate esigenze moderne di tutte queste discipline, nel ripudio costante di ogni forma di facile sociologismo e di scontato economicismo. I tratti dell'«uomo bizantino» che ne emergono riservano la lieta sorpresa di un recupero storico integrale, assai lontano dal solito pregiudizio di condizionamenti astratti e metafisici, vivo e godibile anche per la straordinaria vivacità intellettuale con cui vengono fatti "parlare" testi remoti e inaccessibili ai lettori non specialisti. Con questo libro la "decadenza" rivendica il suo posto nella storia, e sviluppa tutto il suo sottile e irresistibile fascino: «senza la conoscenza della struttura e delle categorie che emergono dallo studio della decadenza, lo storico resterebbe senza strumenti nella determinazione del decorso strutturale delle sue epoche eroiche, che sfociano appunto nella decadenza».