Il mio Vajont

Di ,

Editore: Lavieri

3.7
(14)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 84 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896971128 | Isbn-13: 9788896971123 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Il mio Vajont?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Paolo Cossi e Marco Pugliese ritornano sul tema del disastro del Vajont per ripercorrerlo dal punto di vista opposto a quello giornalistico e investigativo. Se infatti ormai, grazie anche ad artisti come Paolini, si conosce tutto o quasi delle vicende del disastro, soprattutto quelle storiche, tecniche e giudiziarie, è anche vero che a distanza di anni l’aspetto umano, quello di chi si avvicina alla valle e alle sue persone va affievolendosi con l’incedere delle nuove generazioni. Il recupero degli autori è dunque volto alla freschezza, non solo narrativa, alla trasmissione dei fatti, alla riscoperta dei luoghi non solo per come erano e per cosa hanno subìto ma anche per come oggi sono.

In allegato il documentario La valle del Vajont di Christian Canderan con un videoracconto di Sergio de Filippo, del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane con una testimonianza di Luciano Pezzin, sindaco di Erto.

Marco Pugliese è nato a Trieste nel 1983, si diploma con lode presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Dopo una brevissima esperienza da docente si trasferisce a Milano, dove tuttora vive. Fumettista, illustratore, storyboard artist freelance, a tempo perso trascura il suo blog, "Il poco utile".

Tra le numerose pubblicazioni di Paolo Cossi: Il terremoto del Friuli (Becco Giallo, 2005); La storia di Mara (Lavieri, 2006); Medz Yeghern, il Grande Male (Hazard, 2007); Anarchia per erbe bollite (Lavieri, 2008); Un gentiluomo di fortuna, biografia di Hugo Pratt a fumetti (Hazard, 2009).Suoi libri sono stati tradotti in Francia, Belgio, Svizzera, Olanda, Corea, Norvegia e Spagna. Nel 2009 il parlamento della comunità francese del Belgio gli conferisce il premio Condorcet-Aron per la democrazia per Le grand Mal (Dargaud, 2009).

Ordina per
  • 4

    la diga trova te

    due giovani si avventurano per la valle che porta alla diga, lei ha poco da dire, ma sono le persone che vivono intorno che hanno costruito la loro vita intorno a essa
    nn sapevo neppure che la diga nn ...continua

    due giovani si avventurano per la valle che porta alla diga, lei ha poco da dire, ma sono le persone che vivono intorno che hanno costruito la loro vita intorno a essa
    nn sapevo neppure che la diga nn fosse crollata, ma che fu solo il monte Toc a franare
    e poi la scelta del giovane di restare a vivere lì, attratto nn si sa bene da cosa

    ha scritto il