Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mio dolce compagno

Di

Editore: Club degli Editori (Un libro al mese)

4.0
(26)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 336 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000077852 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Oddera ; Illustratore o Matitista: Bruno Binosi

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il mio dolce compagno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Ho letto negli anni 70 questo romanzo del Club degli Editori, che i miei genitori si chiedevano fosse adatto ad un ragazzino di quattordici, forse quindici anni. Era adatto. Così consono ad un adolescente figlio unico come me, che lo lessi due volte di seguito, riprovando per due volte di seguito ...continua

    Ho letto negli anni 70 questo romanzo del Club degli Editori, che i miei genitori si chiedevano fosse adatto ad un ragazzino di quattordici, forse quindici anni. Era adatto. Così consono ad un adolescente figlio unico come me, che lo lessi due volte di seguito, riprovando per due volte di seguito le stesse emozioni, che - ricordo perfettamente - si chiamavano amore, paura, inquietudine, invidia, rabbia, indignazione. Certi libri lasciano più di quel che sembra sul momento e la loro eredità si devolve, anche a decenni di distanza, quando ci si scopre ancora capaci di indignarsi, di provare rabbia, paura, amore.

    ha scritto il 

  • 4

    Non ho mai posseduto questo libro, ma l’ho inserito ugualmente come omaggio alla memoria.
    L’ho letto, prestatomi da Ale, quando ero ragazzina.
    Ricordo ancora l’impatto forte con quelle pagine, che raccontavano una storia di diffidenza reciproca, di solitudine e di paura. R ...continua

    Non ho mai posseduto questo libro, ma l’ho inserito ugualmente come omaggio alla memoria.
    L’ho letto, prestatomi da Ale, quando ero ragazzina.
    Ricordo ancora l’impatto forte con quelle pagine, che raccontavano una storia di diffidenza reciproca, di solitudine e di paura. Ricordo anche quanto fosse poetica la descrizione del lento ma inesorabile lasciarsi andare dei protagonisti, che scoprivano una nuova forma di solidarietà capace di sconfiggere paure e pregiudizi.
    Un libro tenero, intelligente e per nulla consolatorio, capace di colpire ed emozionare profondamente le quattordicenni che eravamo, trentadue anni fa.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo toccante e bellissimo. I ruoli razziali tendono a capovolgersi, sino ad annullarsi per amore.
    Un racconto a due voci, ma che non annoia assolutamente.
    Finale tragico che riporta tutto alla realtà.
    Famosa la frase:
    "Via col Vento è un libro bugiardo, non è vero che s ...continua

    Un romanzo toccante e bellissimo. I ruoli razziali tendono a capovolgersi, sino ad annullarsi per amore.
    Un racconto a due voci, ma che non annoia assolutamente.
    Finale tragico che riporta tutto alla realtà.
    Famosa la frase:
    "Via col Vento è un libro bugiardo, non è vero che stavamo bene".

    ha scritto il