Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mio mortale nemico

Di

Editore: Adelphi

3.5
(91)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 112 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845920992 | Isbn-13: 9788845920998 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Monica Pareschi

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il mio mortale nemico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nessuno può sottrarsi allo charme di Myra Henshawe: né gli "amici artisti", né gli "amici ricchi", che subiscono rassegnati il suo sarcasmo fulmineo.Adorabile e imperiosa, Myra sembra avere proprio tutto. Anche un marito devoto, il quale non può scordare che Myra, per sposarlo, ha rinunciato a un'immensa fortuna. Ma crepe sottili percorrono la superficie di questa perfezione. Solo l'occhio incantato e perspicace di una ragazzina riesce a scorgerle; ed è come se nella casa degli Henshawe, dove regnano spensieratezza e buone maniere, penetrasse uno spiffero gelido, suscitando un misterioso terrore.
Ordina per
  • 3

    Willa Cather

    Vita e morte di una signora cinica. Dotata di una discreta onestà intellettuale e sposatasi per amore, scopre che anche le ragioni del vile danaro hanno la loro dignità, mentre l'amore si rivela un fenomeno aleatorio. La chiave di lettura fornita dal titolo è senza pietà: alla fine dei conti l'uo ...continua

    Vita e morte di una signora cinica. Dotata di una discreta onestà intellettuale e sposatasi per amore, scopre che anche le ragioni del vile danaro hanno la loro dignità, mentre l'amore si rivela un fenomeno aleatorio. La chiave di lettura fornita dal titolo è senza pietà: alla fine dei conti l'uomo è la rovina della donna.

    ha scritto il 

  • 3

    enigmatico

    Una scelta radicale fatta in gioventù porta una donna, che avrebbe ereditato una fortuna se non avesse sposato l'uomo avversato dal suo amato e ricchissimo zio, a vivere una relazione che dapprima è tormentata da una certa gelosia - non si capisce se motivata - e più tardi dalla povertà.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    My Mortal Enemy (1926)

    Mi aspettavo qualcosa alla Yates, più lacerante, invece ho trovato la storia un po' superficiale ma, più che altro, non giustifico la definizione di mortale nemico data al marito: è eccessiva, si può giustificare solo con una sensibilità esacerbata dalla malattia; credevo ci fossero sotto chissà ...continua

    Mi aspettavo qualcosa alla Yates, più lacerante, invece ho trovato la storia un po' superficiale ma, più che altro, non giustifico la definizione di mortale nemico data al marito: è eccessiva, si può giustificare solo con una sensibilità esacerbata dalla malattia; credevo ci fossero sotto chissà che torbidi segreti e invece

    ha scritto il 

  • 0

    Credo che in un romanzo breve sia importante l’incisività, l’assenza di fronzoli e il puntare dritto al cuore. Questo romanzo di Cather credo abbia queste qualità. Una ragazzina sensibile e perspicace, si trova alle prese con una signora enigmatica, gioviale ma tagliente come una lama, sposata e ...continua

    Credo che in un romanzo breve sia importante l’incisività, l’assenza di fronzoli e il puntare dritto al cuore. Questo romanzo di Cather credo abbia queste qualità. Una ragazzina sensibile e perspicace, si trova alle prese con una signora enigmatica, gioviale ma tagliente come una lama, sposata e (sembra) felice. Le due si incontrano di nuovo a dieci anni di distanza e le note stonate che la ragazzina (ormai diventata una donna) aveva intuito, si rivelano in tutta la loro drammatica chiarezza.

    ha scritto il 

  • 2

    e mezzo.


    Non ho trovato cio' che aspettavo: confusa la figura della protagonista - nulla della personalita' piacevole e magnetica riportata dall'adolescente Nellie - cosi' come non chiariti i motivi per individuare nel marito "il mio mortale nemico"; se mai fosse lui.
    Insomma,nulla di que ...continua

    e mezzo.

    Non ho trovato cio' che aspettavo: confusa la figura della protagonista - nulla della personalita' piacevole e magnetica riportata dall'adolescente Nellie - cosi' come non chiariti i motivi per individuare nel marito "il mio mortale nemico"; se mai fosse lui. Insomma,nulla di quella scrittura essenziale ma precisa ed esauriente di cui mi ero fatta idea.

    ha scritto il 

  • 4

    Piccolo gioiello letterario, la cui essenzialità formale è direttamente proporzionale alla profondità del contenuto, che esplora in modo sorprendente due diversi modi di intendere e portare a compimento l'amore all'interno di una coppia. Davvero notevole l'efficacia crudele dello stile di questa ...continua

    Piccolo gioiello letterario, la cui essenzialità formale è direttamente proporzionale alla profondità del contenuto, che esplora in modo sorprendente due diversi modi di intendere e portare a compimento l'amore all'interno di una coppia. Davvero notevole l'efficacia crudele dello stile di questa autrice, capace di penetrare con lama affilatissima oltre la scorza che racchiude ciò che teniamo più segreto e intimo dentro di noi.

    ha scritto il 

  • 4

    Ma chi è in realtà il mortale nemico? Il marito per amore del quale ha rinunciato ad una cospicua eredità e rotto i rapporti con lo zio, unico parente rimastole? E' lei stessa il proprio nemico per non essere riuscita ad avere la vita perfetta che desiderava? E' lei per il marito? E' la solitudin ...continua

    Ma chi è in realtà il mortale nemico? Il marito per amore del quale ha rinunciato ad una cospicua eredità e rotto i rapporti con lo zio, unico parente rimastole? E' lei stessa il proprio nemico per non essere riuscita ad avere la vita perfetta che desiderava? E' lei per il marito? E' la solitudine e la povertà in cui si trova a passare gli ultimi anni della sua vita? Una figura di donna molto particolare e una narrazione attraverso gli occhi di una ragazza "provinciale" in tono quasi minimale. Un gioiellino da leggere in un'ora.

    ha scritto il 

  • 4

    piccolo racconto crudele in cui l'autrice, con uno stile scarno e affilato, tratteggia una figura di donna magnifica e terribile. nemmeno un orpello in queste poche pagine, ma solo l'essenziale- eppure, in uno spazio così ristretto, c'è un mondo (con tanto di colori e particolari) raccontato in m ...continua

    piccolo racconto crudele in cui l'autrice, con uno stile scarno e affilato, tratteggia una figura di donna magnifica e terribile. nemmeno un orpello in queste poche pagine, ma solo l'essenziale- eppure, in uno spazio così ristretto, c'è un mondo (con tanto di colori e particolari) raccontato in maniera magistrale. ottimo il testo di antonia byatt in apertura: consiglio di leggerlo alla fine, dato che anticipa i punti salienti della storia.

    ha scritto il