Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Like Il mio nome è nessuno ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Quattordici scrittori da tutto il mondo si incontrano ad Atene e buttano giù l'idea di un romanzo "globale", che coinvolga stili, culture e realtà differenti. La sorte stabilisce a chi, tra loro, tocchi l'arduo compito dell'inizio. La sorte sceglie A Continue

Quattordici scrittori da tutto il mondo si incontrano ad Atene e buttano giù l'idea di un romanzo "globale", che coinvolga stili, culture e realtà differenti. La sorte stabilisce a chi, tra loro, tocchi l'arduo compito dell'inizio. La sorte sceglie Antonio Skármeta, e via via gli altri lo seguiranno, ciascuno per due volte: tra gli altri, Niccolò Ammaniti, Michel Faber, Lena Divani, Pavel Kohout, Yasmina Khadra, Ingo Schulze, Juan Manuel dePrada. La storia inizia in un fantomatico angolo del Sudamerica, dove Teresa Almendros sta per sposare Juan Marino Salaberry, figlio di un ex rivoluzionario ora dittatore del suo Paese. Ma il matrimonio non si può celebrare senza Hugo Almendros, padre di Teresa...

21 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Non ci avrei scommesso.
    Invece con curiosità ho proseguito capitolo dopo capitolo per capire cosa avrebbero tirato fuori 14 autori insieme.
    Beh, a tratti è senza connessione, ma per lo più è una bella favola adatta la convalescente che sono attualmen ...(continue)

    Non ci avrei scommesso.
    Invece con curiosità ho proseguito capitolo dopo capitolo per capire cosa avrebbero tirato fuori 14 autori insieme.
    Beh, a tratti è senza connessione, ma per lo più è una bella favola adatta la convalescente che sono attualmente.
    Il capitolo finale è forse il più divertente.
    Ho apprezzato quello relativo a Laura ed alla sua filosofia cannabinoica riguardo al senso/non senso degli ideali grandiosi contrapposti alla "modestia" dei sogni qualunque.
    Un po' delusa da Ammaniti che, forse in preda all'ansia di stupire sempre e comunque, sembra non possa fare a meno di sfoderare l'armamentario delle parolacce e delle violenze più bieche.
    Teresa Almendros alla fine ne esce bene. Un po' troppo piagnulenta per essere l'eroina di questa storia, ma disvelando il piano del tradimento verso il suo futuro suocero se la cava in extremis.
    Mi è poco chiaro il senso delle missive che riceve (depistaggi?) in particolare quella che la dichiara presunta sorella del suo futuro sposo.
    Amo il personaggio di Fuentas perché amo i silenziosi, i rispettosi, coloro che sanno controllare il proprio ardore.
    Per fortuna il suo sforzo viene appagato!

    Associo un brano che mi viene automatico perché parla di un viaggio allucinato, un po' come questo.

    http://www.youtube.com/watch?v=3A0B44ryXn4

    Is this helpful?

    Bb. said on Mar 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I cadaveri squisiti esistono ma, a giudicare da questo risultato, non sono granché squisiti.

    Is this helpful?

    Enzo said on Jun 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Idea interessante (14 scrittori da tutto il mondo narrano un capitolo a testa l'odissea di una giovane alla ricerca del padre, mitico rivoluzionario scomparso 20anni prima) ma esito pesante e a tratti francamente noioso. L'intreccio è un pretesto per ...(continue)

    Idea interessante (14 scrittori da tutto il mondo narrano un capitolo a testa l'odissea di una giovane alla ricerca del padre, mitico rivoluzionario scomparso 20anni prima) ma esito pesante e a tratti francamente noioso. L'intreccio è un pretesto per affrontare il tema degli ideali, della rivoluzione e della varietà del mondi. Peccato che ciascun autore tenda più a lanciarsi in dotte riflessioni piuttosto che mettersi al servizio della vicenda. Bel cammeo di Ammaniti, ma non basta.

    Is this helpful?

    Raffa said on Dec 27, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    14 scrittori e un progetto ambizioso: contribuire - ciascuno con 2 capitoli - a realizzare un "romanzo globale", con una sua identità e un suo stile, nonostante i tanti padri.
    L'esperimento è molto interessante, così come formativo e costruttivo è i ...(continue)

    14 scrittori e un progetto ambizioso: contribuire - ciascuno con 2 capitoli - a realizzare un "romanzo globale", con una sua identità e un suo stile, nonostante i tanti padri.
    L'esperimento è molto interessante, così come formativo e costruttivo è il messaggio che sta alla base: diverse lingue, diverse etnie, diverse culture, diverse convinzioni politiche e religiose possono coesistere e dare vita a qualcosa di unico e molto profondo...e in questo senso la letteratura può mostrare la via, con un messaggio molto più rivoluzionario di qualsiasi rivoluzione.
    Detto ciò, c'è la trama, la storia di questo libro...e qui non ci siamo proprio: forse inevitabilmente, ci sono troppi passaggi forzati, troppe incongruenze, troppi voli pindarici...la sensazione che con troppa facilità (e con l'alibi delle 14 firme diverse) sia stato buttato tutto amabilmente "in caciara".

    Is this helpful?

    Aykuf said on Aug 11, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inutile

    A parte i due capitoli di Ammaniti, una palla mortale.

    Is this helpful?

    Consy said on Jul 1, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (254)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 322 Pages
  • ISBN-10: 880617326X
  • ISBN-13: 9788806173265
  • Publisher: Einaudi (Stile Libero Big)
  • Publish date: 2005-01-01
Improve_data of this book

Groups with this in collection