Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mistero di Notting Hill

Di

Editore: Giunti Demetra

2.6
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Paperback

Isbn-10: 884400013X | Isbn-13: 9788844000134 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ivo Colli

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Il mistero di Notting Hill?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Non volle firmarsi l'autore di questo romanzo, comparso nel 1862 sulla rivista "Once a Week", ma la "ricetta" rivela un classico della letteratura poliziesca più raffinata. Lettere, documenti, pagine di diari, accurate descrizioni di ambienti mettono a disposizione del lettore tutti gli elementi per farsi in prima persona il protagonista di un'indagine appassionante.
Ordina per
  • 2

    Romanzo anonimo come il suo autore, letto in un giorno e messo da parte senza rimpianto, salvo per il tempo che avrei potuto impiegare leggendo qualcosa di meglio. Ho avuto una costante sensazione di freddezza e mi domando come abbia potuto avere successo nel momento della pubblicazione, quando i ...continua

    Romanzo anonimo come il suo autore, letto in un giorno e messo da parte senza rimpianto, salvo per il tempo che avrei potuto impiegare leggendo qualcosa di meglio. Ho avuto una costante sensazione di freddezza e mi domando come abbia potuto avere successo nel momento della pubblicazione, quando i lettori facevano follie per del feuilleton di turno, che li catturava puntata dopo puntata. Mistero.

    ha scritto il 

  • 1

    Dal mio blog:

    Trama: "Non volle firmarsi l’autore di questo romanzo, comparso nel 1862 sulla rivista “Once a Week”, ma la “ricetta” rivela un classico della letteratura poliziesca più raffinata.
    Lettere, documenti, pagine di diari, accurate descrizioni di ambienti mettono a disposizio ...continua

    Dal mio blog:

    Trama: "Non volle firmarsi l’autore di questo romanzo, comparso nel 1862 sulla rivista “Once a Week”, ma la “ricetta” rivela un classico della letteratura poliziesca più raffinata.
    Lettere, documenti, pagine di diari, accurate descrizioni di ambienti mettono a disposizione del lettore tutti gli elementi per farsi in prima persona il protagonista di un’indagine appassionante".

    Scordatevi l’entusiasmante trama in quarta di copertina: il romanzo, composto da una serie di documenti di varia natura, non rende affatto coinvolgente la risoluzione del mistero (un doppio omicidio dalle tinte fosche); la struttura del romanzo mostra una vicenda molto asettica e completamente incapace di trasmettere alcuna emozione al lettore che, pur avendo “sotto mano” i carteggi dell’indagine, non avrà mai l’impressione di esservi coinvolto direttamente.
    Questa sensazione viene anche accentuata dalla totale (tranne in alcuni episodi) mancanza di “collante” tra i vari documenti, che risultano così essere più vicini a una lista della spesa che a un romanzo giallo vero e proprio.
    Non è quindi stimolante la scoperta dell’assassino, non c’è pathos, suspance, e quando si arriva alla fine si rimane un po’ straniti, anche perché la rivelazione del colpevole rende tutto il giallo molto mediocre e scontato dato che si spera fino all’ultimo che l’omicida non sia proprio quello su cui il lettore ha già puntato il dito a metà libro, e invece si scopre che è proprio quello.
    Anche lo stile, per un romanzo pubblicato a puntate su un quotidiano inglese di siffatta qualità, è decisamente sotto la media; appena si parla di romanzi gialli Ottocenteschi si pensa a quelli di Arthur Conan Doyle (beh, nel 1862 aveva solo tre anni, ma concedetemi il paragone), e quelli sì che possono essere considerati raffinati, il giallo di questo anonimo è piuttosto… anonimo.

    ha scritto il