Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mistero di casa Aranda

Di

Editore: Nord

3.6
(159)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8842915270 | Isbn-13: 9788842915270 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Patrizia Spinato

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Il mistero di casa Aranda?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Madrid, 1877. A Víctor Ros, un ex ladruncolo diventato ispettore di polizia, vengono affidate le indagini su un tentato omicidio avvenuto nella dimora della famiglia Aranda. Aurora, sposata da pochi mesi con Blas Aranda, ha infatti accoltellato il marito dopo aver letto alcune terzine della Divina Commedia ed essere entrata in una specie di trance. È la terza volta che un fatto del genere avviene in quella casa, quasi a conferma delle voci che circolano da anni: Casa Aranda è un luogo maledetto. Ma Víctor è un convinto seguace del progresso e della scienza e non si fa abbindolare dalla superstizione. Inoltre la prima vittima, Diego Reinosa, era un avventuriero che aveva fatto fortuna a Cuba, accumulando un'enorme ricchezza. I delitti hanno forse un legame con il tesoro di Diego? E le donne sono realmente colpevoli? Nel frattempo, Víctor si trova costretto a investigare anche su vari delitti di prostitute. E per qualche strano motivo non riesce a togliersi dalla testa che i due casi siano in qualche modo collegati.
Ordina per
  • 3

    I commenti precedenti elencano tutto ciò che di buono e di brutto c'è in questo libro; di buono, una trama bene elaborata ed un'ambientazione vincente (anche se siamo a Madrid e non a Londra, lo stile della narrazione ricalca volutamente quello del romanzo vittoriano). Di brutto, una scrittura si ...continua

    I commenti precedenti elencano tutto ciò che di buono e di brutto c'è in questo libro; di buono, una trama bene elaborata ed un'ambientazione vincente (anche se siamo a Madrid e non a Londra, lo stile della narrazione ricalca volutamente quello del romanzo vittoriano). Di brutto, una scrittura sinceramente piatta, ma basta sapere in anticipo che non si sta per leggere un romanzo di, per esempio, Philip Roth. Comunque il libro si legge d'un fiato (io ci ho messo due giorni)ed è una lettura rilassante. Ho scelto il libro per la copertina: nel mucchio di romanzi storici che assalgono le librerie oggigiorno il marketing può essere un arma vincente.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima avventura dell'ispettore Victor Ruiz della polizia madrilena di fine Ottocento. Quello che piace di più è l'ambientazione e la ricostruzione storica interessante e pertinente. La storia, anzi, le due storie (un libro antico e famoso che sembra ordinare l'uccisione dei mariti alle mogli c ...continua

    La prima avventura dell'ispettore Victor Ruiz della polizia madrilena di fine Ottocento. Quello che piace di più è l'ambientazione e la ricostruzione storica interessante e pertinente. La storia, anzi, le due storie (un libro antico e famoso che sembra ordinare l'uccisione dei mariti alle mogli che lo leggono e un serial killer di prostitute) risolte dal protagonista davvero piacevoli e intriganti che catturano l'attenzione.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello,bello e ancora bello!!Mi è piaciuto tantissimo.L'autore davvero non si è risparmiato e ci ha presentato il suo Maigret madrileno che cattura l'attenzione di tutti sin da subito e inevitabilmente finisce per piacere tantissimo!
    Si effettivamente lo schema è un pò quello del classico giallo c ...continua

    Bello,bello e ancora bello!!Mi è piaciuto tantissimo.L'autore davvero non si è risparmiato e ci ha presentato il suo Maigret madrileno che cattura l'attenzione di tutti sin da subito e inevitabilmente finisce per piacere tantissimo! Si effettivamente lo schema è un pò quello del classico giallo che tutti conosciamo, ma non per questo la lettura risulta banale o scontata, tutt'altro un paio di colpi di scena qua e là ribaltano più di una volta la situazione fino al colpo di scena,anzi ai colpi di scena finali che fanno gustare appieno questa bella lettura! Assolutamente consigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Partenza lenta per questo giallo ad ambientazione ottocentesca. Dopo uno sviluppo alquanto noioso, la storia parte ad alta velocità nell'ultimo tratto, con larghe concessioni al lato oscuto e finisce lasciando un sapore dolceamaro.

    ha scritto il 

  • 1

    mi aspettavo molto di più

    decisamente scadente... trama banale, povera, senza alcun colpo di scena degno di nota, cenni storici all'inizio curatissimi (anche troppo, quasi noiosi) e poi più nulla...negativo.

    ha scritto il 

  • 4

    altri tempi

    Un libro che sembra d'altri tempi sia per struttura sia per stile. Il giallo si segue bene, i colpi di scena azzeccati (anche se uno un po' sempliciotto), i personaggi ben riusciti. Elegante, garbato, intelligente. L'ho letto sulla spiaggia ed è in tutto e per tutto una lettura non impegnativa, m ...continua

    Un libro che sembra d'altri tempi sia per struttura sia per stile. Il giallo si segue bene, i colpi di scena azzeccati (anche se uno un po' sempliciotto), i personaggi ben riusciti. Elegante, garbato, intelligente. L'ho letto sulla spiaggia ed è in tutto e per tutto una lettura non impegnativa, ma non per questo meno piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    All'inizio un po' lento e noioso, per fortuna alla fine qualche colpo di scena c'è, senza mettere da parte i sentimenti del vice ispettore don Victor, che sono un po' il filo portante di tutto il romanzo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La lettura di questo bel mattoncino (più di 400 pagine!) mi ha appassionato parecchio: ben scritto, intrecci interessanti, personaggi ben delineati, situazioni verosimili.. proprio bellino! Il caro Victor poi mi stava parecchio simpatico: intelligente, sveglio, determinato, coraggioso! La storia ...continua

    La lettura di questo bel mattoncino (più di 400 pagine!) mi ha appassionato parecchio: ben scritto, intrecci interessanti, personaggi ben delineati, situazioni verosimili.. proprio bellino! Il caro Victor poi mi stava parecchio simpatico: intelligente, sveglio, determinato, coraggioso! La storia mi incuriosiva molto: come sarebbe stato svelato il mistero della casa maledetta? Ed era stato davvero l'arrogante e insulso Gerardo ad uccidere tutte quelle povere ragazze? Insomma, una gran bella lettura..fino allo scioglimento della trama e alla risoluzione dei due casi: che delusione! Non so bene cosa mi aspettavo, in realtà, però dopo quasi 400 pagine davvero intriganti, la soluzione scelta dall'autore mi sembra non all'altezza, un po' buttata lì. Non nego che trovare una soluzione credibile non sarebbe stato facile (io c'ho pensato per tutta la lettura e non sono arrivata a nessuna spiegazione che non sembrasse troppo "cinematografica"), ma. .mica l'ho detto io a Tristante di impelagarsi in questo groviglio narrativo, no? Il minimo che potesse fare per me, che mi sono appassionata così tanto, era trovare un altro finale più plausibile. E vogliamo parlare del "colpo di scena finale(???)", la gravidanza di Clara?? Una trovata alla Harmony che avrei evitato volentieri!! Peccato..anche se nel complesso non mi è dispiaciuto leggerlo.

    ha scritto il 

  • 3

    Madrid, 1877

    Piacevole lettura, diciamo senza lode nè infamia. Un giallo ambientato nella Madrid di fine Ottocento, protagonista un giovanissimo vice ispettore con un passato di ladro di strada, di simpatie liberali e con la passione per la logica. Tornato da poco a Madrid Victor si ritrova impegnato in due i ...continua

    Piacevole lettura, diciamo senza lode nè infamia. Un giallo ambientato nella Madrid di fine Ottocento, protagonista un giovanissimo vice ispettore con un passato di ladro di strada, di simpatie liberali e con la passione per la logica. Tornato da poco a Madrid Victor si ritrova impegnato in due indagini. La prima riguarda l'assassinio di diverse prostitute, caso perorato dalla bellissima Lola, sua amante prezzolata. L'altro, più misterioso, riguarda un inspiegabile tentato omicidio da parte di una giovane di famiglia nobile. Famiglia a cui appartiene anche Clara, l'amore impossibile di Victor. Si legge volentieri, diciamo che non lascia il segno.

    ha scritto il 

  • 5

    Da dove iniziare? In questa prima indagine (che in realtà sono due) del vice ispettore Victor Ros c'è tutto: sullo sfondo di una magica Madrid di fine '800, suspance, mistero, brivido, si rincorrono per tessere una trama davvero scorrevole, mai banale e anzi sorprendente! Consigliatissimo!

    ha scritto il 

Ordina per