Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mondo come io lo vedo

I classici del pensiero libero, 11

Di ,

Editore: RCS Quotidiani

3.9
(661)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 119 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Olandese , Rumeno , Ungherese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Walter Mauro

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Non-fiction , Philosophy , Science & Nature

Ti piace Il mondo come io lo vedo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Genio a un tempo conservatore e ribelle accusato di "sovvertire" la tradizione scientifica più consolidata, è stato il più bizzarro, controverso e vulcanico scienziato del secolo scorso, ma anche grandissimo filosofo, come dimostrano le pagine di questo libro. Dalla prefazione di Giulio Giorello
Ordina per
  • 0

    [pag.14] La cosa veramente valida nello spettacolo della vita umana mi pare non lo stato, ma l'individuo, creativo e sensibile, la personalità; solo lui crea ciò che è nobile e sublime, mentre il branco come tale resta sciocco nella mente e nei sentimenti.[..] La cosa più lontana dalla nostra esp ...continua

    [pag.14] La cosa veramente valida nello spettacolo della vita umana mi pare non lo stato, ma l'individuo, creativo e sensibile, la personalità; solo lui crea ciò che è nobile e sublime, mentre il branco come tale resta sciocco nella mente e nei sentimenti.[..] La cosa più lontana dalla nostra esperienza è ciò che è misterioso. E' l'emozione fondamentale accanto alla culla della vera arte e della vera scienza. Chi non lo conosce e non è più in grado di meravigliarsi, e non prova più stupore, è come morto, una candela spenta da un soffio. Fu l'esperienza del mistero - seppur mista alla paura - che generò la religione. Sapere dell'esistenza di qualcosa che non possiamo penetrare, sapere della manifestazione della ragione più profonda e della più radiosa bellezza, accessibili alla nostra ragione solo nelle loro forme più elementari - questo sapere e questa emozione costituiscono la vera attitudine religiosa; in questo senso, e solo in questo, sono un uomo profondamente religioso.

    ha scritto il 

  • 0

    E=mc2? Mi fido

    Leggendo questo libro ho capito perché ho fatto il classico, ma soprattutto perché all'università io abbia fatto lettere moderne.
    Nulla da dire sull'opera dell'esimio Albertone ma...non ci ho capito una beata favazza!! :D
    Perché non aver tentato di essere un MINIMO divulgativo? Alla fine ti senti ...continua

    Leggendo questo libro ho capito perché ho fatto il classico, ma soprattutto perché all'università io abbia fatto lettere moderne. Nulla da dire sull'opera dell'esimio Albertone ma...non ci ho capito una beata favazza!! :D Perché non aver tentato di essere un MINIMO divulgativo? Alla fine ti senti un reietto umano...

    ha scritto il 

  • 5

    Link recensione blog

    Tutti conoscono Einstein! Le sue celebri foto sono state stampate su migliaia di gadgets, ovunque tazze e t-shirt con la capigliatura elettrica, ce lo ricordano gli abitanti dell’appartamento più nerd di Pasadena, la teoria della relatività è una non-sapienza popolare. I suoi studi hanno rivoluzi ...continua

    Tutti conoscono Einstein! Le sue celebri foto sono state stampate su migliaia di gadgets, ovunque tazze e t-shirt con la capigliatura elettrica, ce lo ricordano gli abitanti dell’appartamento più nerd di Pasadena, la teoria della relatività è una non-sapienza popolare. I suoi studi hanno rivoluzionato la fisica e lo hanno reso l’icona, il genio, ruolo che non avrebbe voluto, deprecando questa eventualità ancora in vita.

    La verità è che non lo conosciamo affatto.

    http://francescast84.blogspot.it/2014/01/il-mondo-come-io-lo-vedo-di-albert_3.html

    [Elisa]

    ha scritto il 

  • 5

    Il mondo come lo vede Einstein: pacifismo e disarmo

    [...] torniamo ad Einstein. Oltre ad esser stato uno dei più grandi scienziati del XX secolo, è stato anche uno dei più grandi sostenitori attivi del pacifismo internazionale e della necessità del disarmo come prospettiva e garanzia di pace tra i popoli. Ma è stato anche una delle figure più cont ...continua

    [...] torniamo ad Einstein. Oltre ad esser stato uno dei più grandi scienziati del XX secolo, è stato anche uno dei più grandi sostenitori attivi del pacifismo internazionale e della necessità del disarmo come prospettiva e garanzia di pace tra i popoli. Ma è stato anche una delle figure più controverse del dibattito culturale e scientifico mondiale. Ad esempio il suo pacifismo radicale si scontra con il suo contributo scientifico alla creazione dell'arma atomica. Anche in questo libro possiamo trovarne alcune esempi. Lo spirito conservatore dello scienziato tedesco si scontra spesso con quei principi generali fondati sul progresso che non si sposano, di per sè, con la nozione stessa di conservatorismo. [...] ( http://vieniazione.blogspot.it/2011/03/il-mondo-come-lo-vede-einstein.html )

    ha scritto il 

  • 4

    Al contrario della recensione qui sotto riportata (Marco Nannoni, 16 novembre 2012), il libro non ha affatto un contenuto scientifico e non occorrono assolutamente basi "matematico-fisiche" per comprenderlo - appena ho letto la recensione, mi sono chiesto: "Ma abbiamo letto lo stesso libro? :)" ...continua

    Al contrario della recensione qui sotto riportata (Marco Nannoni, 16 novembre 2012), il libro non ha affatto un contenuto scientifico e non occorrono assolutamente basi "matematico-fisiche" per comprenderlo - appena ho letto la recensione, mi sono chiesto: "Ma abbiamo letto lo stesso libro? :)"

    Società, economia, politica locale e internazionale, pacifismo... le uniche occasioni in cui si parla di scienza è quando Einstein sostiene la necessità di organismi culturali sovranazionali (alle volte parla persino di ARTISTI!).

    Libro a tratti un po' ripetitivo (alla fine, è una raccolta di scritti senza un "progetto letterario" alle spalle), ma sicuramente illuminante e precursore dei tempi. A quasi un secolo di distanza, alcune tematiche delle quali si parla qui sono, purtroppo, ancora un problema attuale.

    ha scritto il 

  • 3

    Too difficult for the average man, in fact I gave up at the beginning of the 2nd part/book about the relativity theory. Erroneously I thought that the first part was more philosophical and less mathematic, so I didn't enjoy much of the book if I'm honest.

    ha scritto il 

  • 3

    Senza dubbio interessantissimo, ma la seconda parte è assolutamente IMPOSSIBILE da seguire (figuriamoci capire) senza avere solidissime basi matematico-fisiche. Mi aspettavo un'opera più "divulgativa".

    ha scritto il 

Ordina per