Il mondo deve sapere

Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

Di

Editore: ISBN Edizioni

3.6
(1250)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 123 | Formato: eBook

Isbn-10: 8876382402 | Isbn-13: 9788876382406 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Scienze Sociali

Ti piace Il mondo deve sapere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Questo libro è il diario in presa diretta di un mese vissuto nell'inferno del telemarketing. Per trenta interminabili giorni, l'autrice ha venduto al telefono aspirapolveri a migliaia di casalinghe per conto della Kirby, una grande multinazionale americana. Intanto annotava, apprendeva e soffriva in prima persona le tecniche di condizionamento e le riunioni motivazionali, le premiazioni e le umiliazioni pubbliche, orari, salari e punizioni aziendali... "Il mondo deve sapere" racconta la precarietà, riuscendo miracolosamente a fare ridere. Fino alle lacrime. Michela Murgia è nata a Cabras, Oristano, nel 1972. Dopo gli studi teologici è stata webmaster, manager, operatrice in un call center. Questo è il suo primo romanzo.
Ordina per
  • 3

    Analisi antropologica dell'operatrice di call center e suoi annessi

    Nel complesso lo valuto un buon lavoro, vorrei sapere se adesso, a distanza di anni e volendo scriverlo di nuovo, la Murgia lo farebbe uguale o cambierebbe qualcosa. Secondo me la seconda ipotesi. Ho ...continua

    Nel complesso lo valuto un buon lavoro, vorrei sapere se adesso, a distanza di anni e volendo scriverlo di nuovo, la Murgia lo farebbe uguale o cambierebbe qualcosa. Secondo me la seconda ipotesi. Ho letto alcuni commenti e concordo, pur trovandolo un testo interessante come ho detto, sul fatto che sia un pochino "acerbo", quasi frettoloso, pensieri sparsi qua e là e messi insieme da un sottile filo conduttore. In certi passaggi è vero che l'autrice sembra un po' snob nel suo definirsi sempre e comunque ad un livello sopra a tutte le colleghe del call center e ai suoi superiori. Anche se fosse vero, meglio che sia il lettore a riconoscerlo, no? ;-)
    PS Magnifica la copertina.

    ha scritto il 

  • 4

    [BLOG] Il Bianco e il Nero. Emozioni di una Musa

    Dopo aver letto questo libro, non riuscirò mai più ad approcciarmi allo stesso modo con un'operatore telefonico.

    Ho scovato questo libro un pò per caso, mentre perdevo tempo in libreria e mi sono fat ...continua

    Dopo aver letto questo libro, non riuscirò mai più ad approcciarmi allo stesso modo con un'operatore telefonico.

    Ho scovato questo libro un pò per caso, mentre perdevo tempo in libreria e mi sono fatta stregare dalla copertina, che mi ricordava molto la trilogia dell'Area X.
    Poi ho letto la trama e non ho resistito. Avevo bisogno di ridere, anche se poi, cosa c'è da ridere leggendo la vita vera di una persona che lavora in un call center?

    Michela racconta in modo comico una realtà che in un modo o nell'altro, tutti conosciamo.
    Quello che spesso ci sfugge però, è che dietro a quelle telefonate che ci scassano le ovaie, ci sono persone che sono state addestrate in modo logico ed efficace.
    Si, sembra assurdo da credere ma c'è dietro una logica che in realtà spesso funziona.
    Michela ci svela alcune tecniche usate e non ho potuto non notare che effettivamente, quando chiamano, molti operatori si comportano in quel modo. Dopo questa lettura, comunque non mi farò più assalire dai sensi di colpa!

    Io la consiglio anche solo per le risate che mi sono fatta da sola, in mezzo alla gente che mi guardava malissimo.
    Una bella scoperta!

    ha scritto il 

  • 4

    Il mondo deve reagire

    Sono passati un po' di anni da quando Michela Murgia scrisse questo libro denunciando, col suo tipico sarcasmo e la sua pungente ironia, un modello lavorativo che ha reso molti giovani che si affaccia ...continua

    Sono passati un po' di anni da quando Michela Murgia scrisse questo libro denunciando, col suo tipico sarcasmo e la sua pungente ironia, un modello lavorativo che ha reso molti giovani che si affacciavano per la prima volta nel mondo del lavoro, gli schiavi del XXI secolo.
    Oggi ancora è così rendendo, come la stessa Murgia dice, la vita umana un accessorio per la produzione.
    Il mondo deve sapere... ma non basta... deve anche reagire.

    ha scritto il 

  • 5

    Il mondo deve sapere. Beh, il mondo l'ha saputo, ha fatto finta di niente e ora, a distanza di dieci anni dall'uscita di questo libro, il mondo se ne è anche approfittato alla grande. Divertentissimo, ...continua

    Il mondo deve sapere. Beh, il mondo l'ha saputo, ha fatto finta di niente e ora, a distanza di dieci anni dall'uscita di questo libro, il mondo se ne è anche approfittato alla grande. Divertentissimo, ma tragico allo stesso tempo, il racconto che Camilla fa del suo lavoro di telefonista; i cognomi inventati poi sono geniali! Divorato in un pomeriggio.

    ha scritto il 

  • 4

    Ingredienti: trenta giorni di lavoro in un call-center del Kirby, tecniche di tele-marketing (tele-marchetting) subdole e asfissianti, un sistema motivazionale che sfrutta e umilia dipendenti sottomes ...continua

    Ingredienti: trenta giorni di lavoro in un call-center del Kirby, tecniche di tele-marketing (tele-marchetting) subdole e asfissianti, un sistema motivazionale che sfrutta e umilia dipendenti sottomessi e precari, un lessico da tele-fottitrice fatto di parole magiche e rituali (gratis, occasione, dimostrazione).
    Consigliato: a chi vuol mettere a nudo il corpo repellente delle tele-vendite, a chi usa intelligenza e ironia per sopravvivere ai lavori più umilianti.

    ha scritto il 

  • 3

    Irrisolto

    Non ho capito se all'inizio dell'avventura ci fosse un qualche progetto, che evidentemente non è andato in porto, forse l'idea era di scrivere un romanzo o qualcosa di più di questa raccolta di artico ...continua

    Non ho capito se all'inizio dell'avventura ci fosse un qualche progetto, che evidentemente non è andato in porto, forse l'idea era di scrivere un romanzo o qualcosa di più di questa raccolta di articoli di blog, peraltro divertenti. La fine arriva improvvisa e priva di qualsiasi riflessione ex post.

    ha scritto il 

  • 2

    Il mondo l'ha saputo e purtroppo l'ha imitato. Ora qualsiasi azienda, anche non di telemarketing adotta questo metodo.... e poi... ma si può parlare così liberamente di un ex datore di lavoro? ...continua

    Il mondo l'ha saputo e purtroppo l'ha imitato. Ora qualsiasi azienda, anche non di telemarketing adotta questo metodo.... e poi... ma si può parlare così liberamente di un ex datore di lavoro?

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per