Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il mondo deve sapere

Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

Di

Editore: ISBN Edizioni

3.6
(1145)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 123 | Formato: eBook

Isbn-10: 8876382402 | Isbn-13: 9788876382406 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Humor , Social Science

Ti piace Il mondo deve sapere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questo libro è il diario in presa diretta di un mese vissuto nell'inferno del telemarketing. Per trenta interminabili giorni, l'autrice ha venduto al telefono aspirapolveri a migliaia di casalinghe per conto della Kirby, una grande multinazionale americana. Intanto annotava, apprendeva e soffriva in prima persona le tecniche di condizionamento e le riunioni motivazionali, le premiazioni e le umiliazioni pubbliche, orari, salari e punizioni aziendali... "Il mondo deve sapere" racconta la precarietà, riuscendo miracolosamente a fare ridere. Fino alle lacrime. Michela Murgia è nata a Cabras, Oristano, nel 1972. Dopo gli studi teologici è stata webmaster, manager, operatrice in un call center. Questo è il suo primo romanzo.
Ordina per
  • 4

    sarà anche un libro del 2006 ma potrebbe essere stato scritto tipo l'altroieri.
    o anche ieri.

    o probabilmente pure domani.

    e niente.
    non sarà un capolavoro ma renzi dovrebbe leggerselo, tipo.

    (e comunque io ho fatto la telefonista all'università tipo per un mese e ...continua

    sarà anche un libro del 2006 ma potrebbe essere stato scritto tipo l'altroieri.
    o anche ieri.

    o probabilmente pure domani.

    e niente.
    non sarà un capolavoro ma renzi dovrebbe leggerselo, tipo.

    (e comunque io ho fatto la telefonista all'università tipo per un mese e dopo volevo morire)

    ha scritto il 

  • 3

    Divertente e ben scritto. Un umorismo intelligente, ma assolutamente spietato tanto da diventare fastidioso. La Murgia spara a zero su telefoniste, casalinghe, piazzisti e mi pare che per un certo senso del pudore forse qualcosa si poteva tacere.

    ha scritto il 

  • 4

    Allegorico

    Sì, come un carro di carnevale. Ho dovuto leggerlo questo libro. Perchè in queste poche pagine ho rivissuto una delle mie prime esperienze di lavoro. E' stato davvero uno spasso, anche se rattrista pensare che ci sono dei posti di lavoro come questi. La tristezza del nostro belpaese.

    ha scritto il 

  • 4

    Se non sbaglio si tratta del libro di esordio della Murgia. Carino, divertente, dissacrante.... Se qualcuno è interessato all'acquisto di un Kirby, dopo aver letto questo libro ne fuggirà a gambe levate!!

    ha scritto il 

  • 3

    Il punto di forza del libro è la grandissima ironia e forza d'animo della protagonista, con cui essa affronta l'esperienza seppur traumatica che racconta nelle pagine di questo blog-diario e la narrazione stessa. L'ironia del racconto cela dietro un apparente distacco quella che è la soggettività ...continua

    Il punto di forza del libro è la grandissima ironia e forza d'animo della protagonista, con cui essa affronta l'esperienza seppur traumatica che racconta nelle pagine di questo blog-diario e la narrazione stessa. L'ironia del racconto cela dietro un apparente distacco quella che è la soggettività di chi porta avanti il racconto. Si tratta di un espediente non da poco in quanto universalizza l'esperienza personale e il racconto, che chi non ha vissuto direttamente il recruiting kirby può apparire a prima vista estraneo e surreale. In realtà in larghe zone d'Italia ben pochi non hanno avuto a che fare con la capillare macchina kirby, o da venditori o da potenziali acquirenti. A costoro appare chiarissimo quanto tutto il racconto corrisponda a verità, e quanto il riportato sia frutto dell'alienzazione, della tristezza dei tempi, della durezza di un contesto lavorativo e sociale di cui questo testo si erge a emblematico esempio.
    La narrazione, a mò di diario, è scorrevole e coerente, tocca vari punti della questione affrontata con la sistematicità del soggetto che li scopre piano piano e li sciorina al suo lettore come grani di un rosario. Il tutto conferisce chiarezza e efficacia al racconto. La prosa è lineare, facile, fluida e sufficientemente vivace, ben in linea col contenuto, il tema trattato, e l'ironia che pervade tutto il testo. I personaggi, pur con pochi tratti, sono essenzialmente connotati e seppur solo tratteggiati sono funzionali nella loro sufficienza ed essere al servizio di una narrazione che vede nelle figure umane degli ingrannaggi spersonalizzati di un "sistema", non delle persone.
    Unico neo, la pretesa artistico-letteraria della trasformazioine del blog in testo letterario viene tradita nel finale, troppo abbozzato e rapidamente concluso per apparire efficace a livello letterario, troppo approssimativo per conferire una giusta dimensione al libro e alla sua putroppo non pienamente raggiunta dignità letteraria.

    ha scritto il 

  • 0

    Simpatico e ironico. Molto tagliente e sicuramente coraggioso.
    In diversi punti, però, l'autrice pecca di superbia a mio avviso.
    Un po' arrabbattato il finale.

    In ogni caso da leggere per farsi un'idea di come funzionino un po' tutti i call center... E soprattutto se alm ...continua

    Simpatico e ironico. Molto tagliente e sicuramente coraggioso.
    In diversi punti, però, l'autrice pecca di superbia a mio avviso.
    Un po' arrabbattato il finale.

    In ogni caso da leggere per farsi un'idea di come funzionino un po' tutti i call center... E soprattutto se almeno una volta nella vita abbiamo avuto anche solo mezzo rimorso ad essere stati inflessibili a fronte di qualche chiamata insistente ;)

    ha scritto il 

Ordina per