Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il mondo deve sapere

Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

By Michela Murgia

(138)

| eBook | 9788876382406

Like Il mondo deve sapere ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Questo libro è il diario in presa diretta di un mese vissuto nell'inferno del telemarketing. Per trenta interminabili giorni, l'autrice ha venduto al telefono aspirapolveri a migliaia di casalinghe per conto della Kirby, una grande multinazionale ame Continue

Questo libro è il diario in presa diretta di un mese vissuto nell'inferno del telemarketing. Per trenta interminabili giorni, l'autrice ha venduto al telefono aspirapolveri a migliaia di casalinghe per conto della Kirby, una grande multinazionale americana. Intanto annotava, apprendeva e soffriva in prima persona le tecniche di condizionamento e le riunioni motivazionali, le premiazioni e le umiliazioni pubbliche, orari, salari e punizioni aziendali... "Il mondo deve sapere" racconta la precarietà, riuscendo miracolosamente a fare ridere. Fino alle lacrime. Michela Murgia è nata a Cabras, Oristano, nel 1972. Dopo gli studi teologici è stata webmaster, manager, operatrice in un call center. Questo è il suo primo romanzo.

276 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il punto di forza del libro è la grandissima ironia e forza d'animo della protagonista, con cui essa affronta l'esperienza seppur traumatica che racconta nelle pagine di questo blog-diario e la narrazione stessa. L'ironia del racconto cela dietro un ...(continue)

    Il punto di forza del libro è la grandissima ironia e forza d'animo della protagonista, con cui essa affronta l'esperienza seppur traumatica che racconta nelle pagine di questo blog-diario e la narrazione stessa. L'ironia del racconto cela dietro un apparente distacco quella che è la soggettività di chi porta avanti il racconto. Si tratta di un espediente non da poco in quanto universalizza l'esperienza personale e il racconto, che chi non ha vissuto direttamente il recruiting kirby può apparire a prima vista estraneo e surreale. In realtà in larghe zone d'Italia ben pochi non hanno avuto a che fare con la capillare macchina kirby, o da venditori o da potenziali acquirenti. A costoro appare chiarissimo quanto tutto il racconto corrisponda a verità, e quanto il riportato sia frutto dell'alienzazione, della tristezza dei tempi, della durezza di un contesto lavorativo e sociale di cui questo testo si erge a emblematico esempio.
    La narrazione, a mò di diario, è scorrevole e coerente, tocca vari punti della questione affrontata con la sistematicità del soggetto che li scopre piano piano e li sciorina al suo lettore come grani di un rosario. Il tutto conferisce chiarezza e efficacia al racconto. La prosa è lineare, facile, fluida e sufficientemente vivace, ben in linea col contenuto, il tema trattato, e l'ironia che pervade tutto il testo. I personaggi, pur con pochi tratti, sono essenzialmente connotati e seppur solo tratteggiati sono funzionali nella loro sufficienza ed essere al servizio di una narrazione che vede nelle figure umane degli ingrannaggi spersonalizzati di un "sistema", non delle persone.
    Unico neo, la pretesa artistico-letteraria della trasformazioine del blog in testo letterario viene tradita nel finale, troppo abbozzato e rapidamente concluso per apparire efficace a livello letterario, troppo approssimativo per conferire una giusta dimensione al libro e alla sua putroppo non pienamente raggiunta dignità letteraria.

    Is this helpful?

    Johnny said on Jul 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Simpatico e ironico. Molto tagliente e sicuramente coraggioso.
    In diversi punti, però, l'autrice pecca di superbia a mio avviso.
    Un po' arrabbattato il finale.

    In ogni caso da leggere per farsi un'idea di come funzionino un po' tutti i call c ...(continue)

    Simpatico e ironico. Molto tagliente e sicuramente coraggioso.
    In diversi punti, però, l'autrice pecca di superbia a mio avviso.
    Un po' arrabbattato il finale.

    In ogni caso da leggere per farsi un'idea di come funzionino un po' tutti i call center... E soprattutto se almeno una volta nella vita abbiamo avuto anche solo mezzo rimorso ad essere stati inflessibili a fronte di qualche chiamata insistente ;)

    Is this helpful?

    louise said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lettura piacevolmente rapida, non aggiunge nè toglie.
    Niente di più.

    Is this helpful?

    Lou said on Jun 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria è un romanzo autobiografico in forma di diario scritto da Michela Murgia. Era originariamente pubblicato sotto forma di blog, con i post inseriti dall'autrice quando lavorava in un ...(continue)

    Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria è un romanzo autobiografico in forma di diario scritto da Michela Murgia. Era originariamente pubblicato sotto forma di blog, con i post inseriti dall'autrice quando lavorava in un call center della multinazionale americana Kirby Company.
    La protagonista del racconto viene assunta da un call center come telefonista; il suo compito è quello di vendere, attraverso tecniche di vendita invasive, un aspirapolvere, il Kirby. Le stravaganti tecniche motivazionali, il mobbing nei confronti dei dipendenti, le assurdità raccontate alle casalinghe al telefono e le reazioni delle stesse, le figure dei colleghi e dei capi vengono annotate e classificate, utilizzando un linguaggio colloquiale e uno stile ironico.
    Divertente, se lo si legge con lo giusto spirito. Sicuramente se si cerca qualcosa su cui riflettere, meglio leggere altro dell’autrice.

    Is this helpful?

    Jack said on Mar 16, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Purtroppo niente di nuovo sotto il sole... cose già sentite e già vissute

    6/10

    p.s. un po' troppo snob verso tutti gli altri

    Is this helpful?

    Marta said on Mar 13, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    IL MONDO DEVE SAPERE

    Nel suo primo libro, la scrittrice sarda Michela Murgia ha voluto proporre la sua esperienza diretta come telefonista di un call center, quello della multinazionale americana Kirby, famosa per la vendita di aspirapolvere che, stando alle premesse e a ...(continue)

    Nel suo primo libro, la scrittrice sarda Michela Murgia ha voluto proporre la sua esperienza diretta come telefonista di un call center, quello della multinazionale americana Kirby, famosa per la vendita di aspirapolvere che, stando alle premesse e alle promesse, avrebbero dovuto essere degli elettrodomestici avveniristici.
    Come “vittima del sistema” ho letto con grande attenzione e serietà questo trattato che con ironia descrive diverse amare realtà, prima fra tutte quella del precariato giovanile. Soggiogati da una grande organizzazione specializzata in tecniche motivazionali che portano immancabilmente alla disistima di sé se i piani aziendali, la produttività e il lucro non vengono soddisfatti a dovere, i ragazzi e le ragazze (in grande maggioranza) dei call center Kirby vengono messi sotto pressione dall’occhio di un Grande Fratello implacabile che mira a sbranare i più deboli facendoli sentire delle vere nullità e invoglia i più forti a guadagnare premi in realtà mai desiderati. E’ una vera e propria storia di truffa psicologica, non solo verso i propri dipendenti ma soprattutto verso gli ignari acquirenti costretti, loro malgrado, dapprima a fissare un appuntamento solo per esprimere un parere sul prodotto e ricevere una prestazione “igienizzante” gratuita per poi trovarsi davanti a venditori, veri e propri squali addestrati (shark) che spalleggiati telefonicamente dall’organizzazione, li persuadono ad acquistare l’oggetto in questione. La Murgia fa un’analisi spietata di questo mondo lavorativo, sviscerandone gli innumerevoli aspetti e dando delle dritte per difendersi dagli attacchi incalzanti che spesso e volentieri riceviamo.
    Da vittima, ho potuto constatare la veridicità delle sue parole, la sequenza delle azioni e delle manipolazioni subite fino all’acquisto di quel vero e proprio mostro che è il Kirby, una carretta rumorosa, inutile e carissima, roba da infarto, che io mi son lasciata convincere a comprare a rate e ad interessi altissimi, scoperti troppo tardi. Mi vergogno un po’ di tutto ciò e spero di non incappare mai più in questo errore grazie anche alla lettura di questo scritto beffardo e crudele che fa apparire la stessa autrice insensibile e distaccata nei confronti dei suoi sventurati colleghi, bisognosi di lavoro, diversamente da lei che sembra sia entrata nell’organizzazione non tanto per bisogno di soldi, ma per poter avere un quadro preciso di quella realtà. Un libro nato da un blog, senza velleità di alta letteratura, ma sicuramente di grande utilità pratica per sfuggire, in futuro, alle spietate e disumane filosofie del marketing che ci assalgono ogni giorno con le loro proposte “indecenti”. Un libro per mitigare il senso di colpa e la comprensione verso quelle giovani voci che ogni giorno ci raggiungono nelle nostre case alle ore più impensabili e scomode, quelle voci che vorremmo abbracciare come se fossero tutti figli o tutti fratelli e che invece dobbiamo imparare a respingere fermamente se non vogliamo essere divorati dai grandi mostri appostati dietro le loro spalle.

    Is this helpful?

    Maristella said on Mar 10, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (138)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • eBook 123 Pages
  • ISBN-10: 8876382402
  • ISBN-13: 9788876382406
  • Publisher: ISBN Edizioni
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , Others
Improve_data of this book