Il mondo senza di noi

Di

Editore: Einaudi

3.9
(719)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 376 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Chi semplificata , Spagnolo , Tedesco , Giapponese , Portoghese , Polacco , Chi tradizionale

Isbn-10: 8806191373 | Isbn-13: 9788806191375 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Traduttore: Norman Gobetti

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Non-narrativa , Scienza & Natura , Scienze Sociali

Ti piace Il mondo senza di noi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Cosa succederebbe se gli essere umani sparissero dalla terra? Secondo Alan Weisman, dopo solo 48 ore le metropolitane sarebbero inondate, dopo un anno l'asfalto si spaccherebbe man mano che l'acqua nelle crepe si congela, dopo 4 il ciclo gelo-disgelo sgretolerebbe i palazzi non piu riscaldati, dopo 5 basterebbe un fulmine a incendiare intere città. Solo dopo 500 anni le foreste avanzerebbero con prepotenza, dopo 15.000 il ghiaccio si estenderebbe fino a dare inizio a una nuova era glaciale, e dopo 10 milioni di anni sulla terra non ci sarebbe piu testimonianza dell'umanità. Ma tra 5 miliardi di anni, quando il sole si espanderà in una stella infuocata inglobando tutti i pianeti, forse frammenti di Dna potrebbero muoversi nello spazio, creando le basi per una nuova vita...
Ordina per
  • 4

    Come sarà la Terra senza di noi? Non starà né meglio né peggio. Continuerà riparando velocemente le cicatrici che abbiamo prodotto.
    Il pregio di questo testo è che ci ricorda che non siamo così indisp ...continua

    Come sarà la Terra senza di noi? Non starà né meglio né peggio. Continuerà riparando velocemente le cicatrici che abbiamo prodotto.
    Il pregio di questo testo è che ci ricorda che non siamo così indispensabili; una lezione di modestia. Ma è anche un avvertimento agli ambientalisti: noi non siamo i curatori della Terra, i suoi giardinieri, né i protettori degli animali. La Natura si evolverà comunque anche se riuscissimo ad eliminare buona parte degli animali di grossa taglia. Se difendiamo lo stato attuale è perché ci serve, per responsabilità agli uomini futuri; la Natura si difende comunque. Non preoccupiamoci troppo dei destini degli altri esseri in sé; dobbiamo solo tenere a mente che alterando l'equilibrio ne pagheremo le conseguenze. Dovremmo essere più umanisti che animalisti; il nostro umanesimo, per la nostra stessa salvaguardia, ci porterà a proteggere quanto basta la Natura (senza strani scivolamenti autolesionisti che portano a privilegiare gli animali sull'animale uomo-questo sì è un atteggiamento poco naturale).

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro sorprendente. Avevo letto un articolo che lo presentava, mi era piaciuto, ma pensavo che il libro non potesse aggiungere molto di più. Mi sbagliavo.
    Volendo fare una schema veloce ci sono qua ...continua

    Un libro sorprendente. Avevo letto un articolo che lo presentava, mi era piaciuto, ma pensavo che il libro non potesse aggiungere molto di più. Mi sbagliavo.
    Volendo fare una schema veloce ci sono quattro aspetti di cui tiene conto
    due sul futuro
    - come la natura senza umani tornerebbe padrona, con quali specie animali e vegetali
    - quali sono i casini che l'uomo lascerebbe in sospeso. es. scorie nucleari, centrali elettriche/raffinerie
    due sul passato
    - cosa succedeva quando prima dell'antropocene, della capacità umana di incidere sul Pianeta e i suoi abitanti
    - come si è arrivati all'antropocene
    Lettura consigliatissima per le scuole, Quark dovrebbe farci una stagione di puntate, o forse l'ha fatto

    ha scritto il 

  • 4

    Cosa succederebbe se tutto ad un tratto gli esseri umani scomparissero dalla faccia della Terra?
    Quesito molto curioso e una sorta di pretesto per parlare e descrivere di ciò che Noi esseri umani facc ...continua

    Cosa succederebbe se tutto ad un tratto gli esseri umani scomparissero dalla faccia della Terra?
    Quesito molto curioso e una sorta di pretesto per parlare e descrivere di ciò che Noi esseri umani facciamo alla Terra ed agli altri esseri viventi che la popolano.

    Questo libro/saggio fanta/scientifico lo avevo comprato molto anni fa, incuriosito dal documentario che ne era stato tratto: "La terra dopo l'uomo". Però dopo aver visto il documentario (la prima serie di 10 puntate, la seconda non ricordo), il libro era rimasto lì e poi "inabissato" da altri libri.
    Alla fine l'ho iniziato e si è rivelato molto interessante, anche se le molteplici argomentazioni avrebbero avuto bisogno di più tempo e più approfondimento. Comunque, pur sapendo delle miriadi di disastri che abbiamo fatto e continuiamo a fare, la lettura mi è risultata molto coinvolgente ed anche nauseante però, perchè davvero la Terra e tutti gli esseri viventi (esclusi Noi esseri umani) trarrebbero un sospiro di sollievo se Noi non ci fossimo o scomparissimo.

    Ma se davvero siamo i più intelligenti, perchè abbiamo un impatto così catastrofico e deleterio per il resto dell'ecosistema?

    ha scritto il 

  • 4

    Un'analisi accurata e interessante di cosa accadrebbe alla Terra se l'animale uomo sparisse rapidamente dalla circolazione. In particolare i capitoli sulle scorie nucleari e gli effetti della plastica ...continua

    Un'analisi accurata e interessante di cosa accadrebbe alla Terra se l'animale uomo sparisse rapidamente dalla circolazione. In particolare i capitoli sulle scorie nucleari e gli effetti della plastica negli oceani fanno accapponare la pelle... da leggere per ridimensionarsi un po'.

    ha scritto il 

  • 4

    Immaginare l'improvvisa scomparsa dell'umanità e valutare cosa di essa rimarrebbe (e come senza di essa se la caverebbe il mondo) vuol dire scrivere dell'impronta ecologica lasciata dall'uomo. Impront ...continua

    Immaginare l'improvvisa scomparsa dell'umanità e valutare cosa di essa rimarrebbe (e come senza di essa se la caverebbe il mondo) vuol dire scrivere dell'impronta ecologica lasciata dall'uomo. Impronta che se è aumentata esponenzialmente nell'ultimo secolo, ha inciso profondamente anche nel passato (basti pensare alla scomparsa improvvisa della megafauna americana attribuibile secondo un'ipotesi accolta da molti ricercatori ai cacciatori-raccoglitori della cultura di Clovis).

    ha scritto il 

  • 5

    Un saggio che ha lasciato il segno

    "Il mondo senza di noi" di Alan Weisman è senza alcun dubbio un’opera letteraria che ha lasciato il segno nel panorama della saggistica scientifica internazionale. L'autore, professore di giornalismo ...continua

    "Il mondo senza di noi" di Alan Weisman è senza alcun dubbio un’opera letteraria che ha lasciato il segno nel panorama della saggistica scientifica internazionale. L'autore, professore di giornalismo internazionale all'Università dell'Arizona, esce dagli schemi classici e accompagna il lettore attraverso un insolito esperimento culturale, cercando di rispondere alla seguente domanda: che cosa accadrebbe al mondo, inteso come ecosistemi naturali, città, infrastrutture, ecc, se l'umanità scomparisse in un istante dalla faccia della terra? Il focus non è pertanto sulle peraltro probabili cause della scomparsa dell'uomo ma su ciò che accadrebbe dopo. La nostra incredibile potenza nel plasmare il mondo che ci circonda ha lasciato dei segni indelebili oppure, nel giro di pochissimo tempo, non ci sarebbe più nulla a ricordare il passaggio della nostra quanto mai insolita specie? Leggendo il libro la superbia umana viene fortemente ridimensionata; senza l'uomo la terra andrebbe avanti magnificamente così come avvenne nei quasi quattro miliardi di anni che definiscono il lasso temporale tra la comparsa della vita sul nostro pianeta e l'evoluzione della specie Homo sapiens. Nel giro di pochi secoli dopo la scomparsa dell'uomo non resterebbe traccia alcuna delle nostre imponenti megalopoli, della maggior parte dei nostri monumenti, dei paesaggi agricoli e di numerose altre infrastrutture che hanno contraddistinto la nostra era industrializzata. Tuttavia alcune ferite che abbiamo inferto al nostro pianeta verranno probabilmente rimarginate il tempi lunghissimi, come ad esempio la radioattività di alcuni siti prossimi alle centrali nucleari oppure le tonnellate di plastica che abbiamo disperso nell'ambiente. La plastica non si degraderà mai completamente ma andrà solamente incontro ad un processo di frammentazione in particelle sempre più piccole che penetreranno negli organismi e si accumuleranno lungo la rete trofica. La vita sulla terra ha superato immani catastrofi causate da impatti con asteroidi o da sconvolgimenti climatici, ce la farà a superare pure noi!

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante, ma ripetitivo. Nelle prime pagine ti prende, ma poi il seguito è abbastanza una ripetizione, ancorché più approfondita, di ciò che si legge all'inizio. Un po' come spararsi tutte le cart ...continua

    Interessante, ma ripetitivo. Nelle prime pagine ti prende, ma poi il seguito è abbastanza una ripetizione, ancorché più approfondita, di ciò che si legge all'inizio. Un po' come spararsi tutte le cartucce all'inizio e poi campare di rendita...

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante saggio scientifico che ci dimostra quanto sono effimere le realizzazioni della razza umana e di come la natura potrebbe rapidamente cancellare ogni traccia della nostra presenza sul piane ...continua

    Interessante saggio scientifico che ci dimostra quanto sono effimere le realizzazioni della razza umana e di come la natura potrebbe rapidamente cancellare ogni traccia della nostra presenza sul pianeta se all'improvviso la nostra specie dovesse sparire.

    ha scritto il 

  • 5

    Affascinante. Davvero affascinante. È stato come “leggere un documentario”: uno stile divulgativo, scientifico, ricco di tecnicismi ma al contempo narrativo. Un mix non semplice da ottenere in forma s ...continua

    Affascinante. Davvero affascinante. È stato come “leggere un documentario”: uno stile divulgativo, scientifico, ricco di tecnicismi ma al contempo narrativo. Un mix non semplice da ottenere in forma scritta, soprattutto per un argomento impegnativo come quello scelto dall’autore: cosa succederebbe al mondo, al nostro pianeta, se la razza umana scomparisse? Si modificherebbero la flora e la fauna, le costruzioni per noi tanto preziose finirebbero per essere distrutte, si tornerebbe all’era glaciale nonostante il problema del riscaldamento globale? E ancora: cosa sarebbe successo al mondo se non fossimo mai esistiti? Come si sarebbero evolute le altre specie viventi? “Il mondo senza noi” descrive scenari apocalittici, fantascientifici, avventurosi e ricchi di misteri, ma nemmeno troppo: la scienza, qui, è al servizio della fantascienza. Ci troviamo di fronte a uno straordinario lavoro di ricerca, con una bibliografia che occupa quasi il 20% del testo e mostra come le statistiche e gli studi citati dall’autore siano frutto di scenari più che plausibili. Affascinanti e spaventosi al tempo stesso.

    ha scritto il 

Ordina per