Il nazista & il barbiere

Voto medio di 229
| 56 contributi totali di cui 52 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ecco a voi Max Schulz: poveraccio ariano, occhi da rospo e naso a becco, figlio di padre ignoto. Il suo migliore amico: Itzig Finkelstein, biondo, occhi azzurri, ebreo, figlio di un ricco barbiere. Nel terzo Reich, Max Schulz fa carriera: SS, ...Continua
Ha scritto il 13/08/16
Agghiacciante
Perchè solo 3 stelle nonostante l'"idea" di base sia geniale e grottesca al tempo stesso? Perchè non mi è piaciuto lo stile, con troppe parti sconclusionate e ripetitive. Di certo il protagonista faticherà ad uscire dalla mia mente, nel bene, ma ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 10/06/16
Irriverente e grottesco allo stesso tempo ecco delinearsi la misera figura del tedesco Max Schulz, lo sterminatore, che per sfuggire alla vendetta dei sopravvissuti si cela sotto le finte spoglie dell'ebreo Itzig Finkelstein, suo migliore amico. ...Continua
Ha scritto il 14/05/16
SPOILER ALERT
ovvero il nazista che per sfuggire dalle purghe post seconda guerra mondiale diventa ebreo, e non solo ebreo, ma anche sionista attivo e soprattutto persecutore dei palestinesi. Sapiente parabola per dire che nella vita non esiste buono e cattivo, ...Continua
Ha scritto il 17/03/16
bello, ma tosto http://lalettricerampante.blogspot.it/2013/06/il-nazista-il-barbiere-edgar-hilsenrath.html
Ha scritto il 21/02/16
SPOILER ALERT
Sorprendente!
Intrecci personali con risvolti storici, sdoppiamenti di vite e apologia finale sulla giustizia degli uomini, della Storia, di ciascuno di noi... divina. Le ultime 100 pagine mi hanno davvero fatto riflettere su quale sia il rapporto che abbiamo con ...Continua

Ha scritto il Dec 26, 2011, 21:03
"Camminai e camminai verso la primavera." disse Max Schulz. "La terra, nei boschi, si faceva via via sempre più asciutta. E un giorno ci incontrammo: la primavera e io"."Lo sai com'è una foresta polacca in primavera?" chiese Max Schulz. "In ...Continua
Pag. 147
Ha scritto il Dec 26, 2011, 08:07
Avevamo portato alcuni ebrei in un cimitero per ammazzarli. Ma avevamo sbagliato cimitero. Sulle tombe c'erano delle croci. E loro stavano lì, davanti alle croci, balbettando, timorosi perfino di piangere. Su una delle croci, la più piccola e la ...Continua
Pag. 71
Ha scritto il Dec 26, 2011, 08:06
Oggi lo capisco, perché i nodi che avevamo sputato nell'aria fossero ricaduti a caso su vittime innocenti. Non avevamo preso la mira: c'eravamo limitati a sputare. Allora non lo capivo.
Pag. 57
Ha scritto il Dec 26, 2011, 08:05
"Sì, è così" rispose Siegfried von Salzstange. "Qui abbiamo un concentrato di vite calpestate, inclusi i fiato corto e i leccaculo di professione; gente che non è mai riuscita a combinare nulla, o perché non aveva abbastanza fiato e non ha mai ...Continua
Pag. 48

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi