Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il nome del vento

Di ,

Editore: Fanucci

4.4
(2538)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 864 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Francese , Chi tradizionale , Chi semplificata

Isbn-10: 8834713656 | Isbn-13: 9788834713655 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il nome del vento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Ho sottratto principesse a re dormienti nei tumuli. Ho ridotto in cenere la città di Trebon. Ho passato la notte con Felurian e me ne sono andato sia con la vita, sia con la sanità mentale. Sono stato espulso dall’Accademia a un’età inferiore a quella in cui la maggior parte della gente viene ammessa. Ho percorso alla luce della luna sentieri di cui altri temono di parlare durante il giorno. Ho parlato a dèi, amato donne e scritto canzoni che fanno commuovere i menestrelli. Potresti aver sentito parlare di me.”

La Pietra Miliare, una locanda come tante, nasconde un incredibile segreto. L’uomo che la gestisce, Kote, non è davvero il mite individuo che i suoi avventori conoscono. Sotto le sue umili spoglie si cela Kvothe, l’eroe che ha fatto nascere centinaia di leggende. Il locandiere ha attirato su di sé l’attenzione di uno storico, che dopo un lungo viaggio non privo di pericoli e avventure riesce a raggiungerlo e convincerlo a narrare la sua vera storia. Il nostro eroe muove i suoi primi passi a bordo dei carri degli Edema Ruh, un popolo di attori, musicisti e saltimbanchi itineranti che, nonostante le malevole credenze popolari, si rifanno a ideali nobili e tengono in gran conto arte e cultura. Kvothe riceve i primi insegnamenti dall’arcanista Abenthy, e viene poi ammesso all’Accademia, culla del sapere e della conoscenza. Qui egli apprenderà diverse discipline, stringerà salde amicizie e sentirà i primi palpiti dell’amore, ma dovrà anche fare i conti con l’ostilità di alcuni maestri, l’invidia di altri studenti e l'assoluta povertà; vivrà esperienze rischiose e
incredibili che lo aiuteranno a maturare e lo porteranno a diventare il potentissimo mago, l’abile ladro, il maestro di musica e lo spietato assassino di cui parlano le leggende.
Ordina per
  • 4

    Narrado con un estilo que te recuerda a las grandes historias épicas, esta novela de fantasía ha sido una agradable y sorprendente lectura. La trama está contada con gran maestría y te atrapa desde el primer momento de forma que no eres capaz de dejar de leer.
    El único defecto que le veo al libr ...continua

    Narrado con un estilo que te recuerda a las grandes historias épicas, esta novela de fantasía ha sido una agradable y sorprendente lectura. La trama está contada con gran maestría y te atrapa desde el primer momento de forma que no eres capaz de dejar de leer. El único defecto que le veo al libro es que te deja con la sensación de que progresa demasiado lentamente, aunque no se hace pesado o aburrido en momento alguno. Supongo que este inconveniente se debe a que es el primero de una trilogía, lo que explica también que al final queden muchas preguntas sin contestar. Una buenísima recomendación que no decepcionará a los amantes del género y al público en general.

    ha scritto il 

  • 5

    Para ilusionarse.

    "Me llamo Kvothe. He robado princesas a reyes agónicos. Incendié la ciudad de Trebon. He pasado la noche con Felurian y he despertado vivo y cuerdo. Me expulsaron de la Universidad a una edad a la que a la mayoría todavía no los dejan entrar. He recorrido de noche caminos de los que otros no se a ...continua

    "Me llamo Kvothe. He robado princesas a reyes agónicos. Incendié la ciudad de Trebon. He pasado la noche con Felurian y he despertado vivo y cuerdo. Me expulsaron de la Universidad a una edad a la que a la mayoría todavía no los dejan entrar. He recorrido de noche caminos de los que otros no se atreven a hablar ni siquiera de día. He hablado con dioses, he amado a mujeres y escrito canciones que hacen llorar a los bardos. Quizás hayas oído hablar de mi."

    Decidme si no leéis esto y no pensáis que esa historia debe ser una joya. Esto es "El nombre del viento" de Patrick Rothfuss, y si lo habéis pensado, habéis dado en el clavo. Desde el inimitable e inalcanzable J.R.R.Tokien, hubo que esperar a George R.R.Martin y su "Canción de hielo y fuego", para volver a ver cómo una obra de fantasía épica (ese género injustamente denostado hasta la saciedad), se convertía en un fenómeno literario mundial, y ahora llega a mis manos esta trilogía, llamada "Crónica del asesino de reyes" y no puedo menos que vislumbrar un calado similar en la comunidad lectora. Es una alegría inmensa para mí que el género fantástico se esté reinventando de esta manera. Rothfuss, siendo un soplo de aire freso para el género, tampoco es que proponga algo absolutamente novedoso, pero sí tiene un estilo propio que no deja indiferente, que te atrapa, que te envuelve en ese mundo creado por él tan rico en detalles y en folklore propio, señas de identidad de este tipo de novelas. Como veis, estoy encantada con este primer volumen de la trilogía, que Rothfuss llama Primer Día, puesto que son tres los que nuestro misterioso Kvothe ha pedido a Cronista para contar su historia. Una historia que, siendo este "primer día", y en boca del propio Kvothe, los hechos preliminares y la base para lo que vendrá, promete, promete muchísimo. Y un dato más: la 20th Century Fox ya ha comprado los derechos a Rothfuss para la adaptación a serie de la trilogía. Decidme si no pinta bien...Yo, de momento, voy a continuar con el "Segundo Día", "El temor de un hombre sabio".

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro que hay que leer....

    http://mimoradafriki.blogspot.com.es/2012/04/cronica-del-asesino-de-reyes-01-el.html

    Kvothe es un personaje que engancha y del cual quieres saber TODO lo que le ha pasado y han sido muchas cosas: "Viajé, amé, perdí, confié y me traicionaron" (y a quién no le ha ocurrido?)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Reconciliarse con la fantasía

    Lo admito: esta historia me ha atrapado de una manera que no me esperaba. He pasado horas sin soltar el libro, ansiosa por saber más; he reído y llorado con Kvothe y estoy impaciente por leer el segundo.


    Salvando las distancias, mientras lo leía he tenido sensaciones parecidas a cuando de ...continua

    Lo admito: esta historia me ha atrapado de una manera que no me esperaba. He pasado horas sin soltar el libro, ansiosa por saber más; he reído y llorado con Kvothe y estoy impaciente por leer el segundo.

    Salvando las distancias, mientras lo leía he tenido sensaciones parecidas a cuando de pequeña leí por primera vez Harry Potter (y eso, viniendo de mi, es decir mucho). La parte de la niñez de Kvothe y su estancia en Tarbean me ha gustado especialmente, en parte debido a la inocencia que desprende el personaje a esa edad. (Quizá me recordaba un poco al Harry de los primeros libros, cuando todo era nuevo para él.)

    Espero no llevarme un chasco con "El temor de un hombre sabio" y que siga la misma línea.

    ha scritto il 

  • 3

    Il Nome del Vento è un libro che ammalia solo dal titolo. Quando poi leggi la descrizione te ne innamori al punto da non vedere l'ora di iniziarlo.
    Tutta la vicenda di svolge su due piani narrativi diversi: il protagonista oggi e la sua storia raccontata a Cronista. Questa impostazione del libro ...continua

    Il Nome del Vento è un libro che ammalia solo dal titolo. Quando poi leggi la descrizione te ne innamori al punto da non vedere l'ora di iniziarlo. Tutta la vicenda di svolge su due piani narrativi diversi: il protagonista oggi e la sua storia raccontata a Cronista. Questa impostazione del libro mi era piaciuta e tutto è proseguito più o meno bene fino all'Accademia. Devo dire che tutta la parte dell'Accademia è quella che mi è piaciuta di meno, mi ha ricordato moltissimo La scuola dei maghi (più che Harry Potter). Il protagonista mi pare troppo intelligente, maturo e conscio delle sue potenzialità per essere un ragazzino adolescente e questo mi ha fatto storcere il naso. La lettura mi ha ispirato di più verso la fine da quando ricerca i Chandrian in poi. Sicuramente leggerò il seguito, ma un po' mi ha spiazzato, forse ho aspettative troppo alte, ma non me ne sono innamorata.

    ha scritto il 

  • 4

    No creo que sea bastante bueno, como dicen las 4 estrellas, pero es mejor que regular (o no lo habría terminado).


    El libro esta bien escrito y tiene partes que me gustaron mucho, pero no tiene contenido para llenar bien sus 800 páginas.


    Algo que me disgusta es su rollo de "si esta f ...continua

    No creo que sea bastante bueno, como dicen las 4 estrellas, pero es mejor que regular (o no lo habría terminado).

    El libro esta bien escrito y tiene partes que me gustaron mucho, pero no tiene contenido para llenar bien sus 800 páginas.

    Algo que me disgusta es su rollo de "si esta fuera la típica historia de hadas" porque en realidad es bastante típica. Las mejores partes vienen cuando el protagonista lo pasa algo peor, pero al final siempre se arregla.

    No está mal, pero esperaba más de el.

    ha scritto il 

  • 5

    Epico!

    Circa ogni 100 romanzi ti ritrovi tra le mani qualcosa di prezioso e di raro che da appassionato di letteratura fantasy cerchi sempre con fare spasmodico ma che spesso è difficile anche solo riuscire a definire...
    ... ecco, il nome del vento trasuda letteralmente di quel qualcosa!


    Romanzo ...continua

    Circa ogni 100 romanzi ti ritrovi tra le mani qualcosa di prezioso e di raro che da appassionato di letteratura fantasy cerchi sempre con fare spasmodico ma che spesso è difficile anche solo riuscire a definire... ... ecco, il nome del vento trasuda letteralmente di quel qualcosa!

    Romanzo superlativo sotto moltissimi aspetti che evidenzia un fatto incontrovertibile: in Patrick Ruthfuss arde il fuoco sacro del saper narrare.

    Il suo romanzo è una macchina perfetta in cui tutto funziona in maniera eccellente, trama, ambientazione, personaggi, tutto è narrato con perizia e con sapienza e nulla è lasciato al caso.

    Unico neo forse considerando che stiamo parlando di una specie di romanzo di formazione fantasy, il ritmo un'pò lento in alcuni tratti, lentezza che comunque non inficia con la bellezza delle descrizioni e con la profondità dei personaggi di quella che provabilmente diventerà la più bella opera fantasy degli ultimi 10 anni!

    ha scritto il 

  • 4

    Lo ritengo superiore a certi successi letterari quale Divergent o Il Diario del Vampiro, ed enormemente superiore a certi scandali letterari quale la serie Cinquanta sfumature. Se vi piace il fantasy con ambientazione simil-medievale ve lo consiglio.


    Pregi. ...continua

    Lo ritengo superiore a certi successi letterari quale Divergent o Il Diario del Vampiro, ed enormemente superiore a certi scandali letterari quale la serie Cinquanta sfumature. Se vi piace il fantasy con ambientazione simil-medievale ve lo consiglio.

    Pregi. Pregio uno: il nome del titolo non è poesia da quattro soldi, leggendo il libro se ne scopre il senso.

    Pregio due: la storia d'amore c'è, ma Kvothe non si comporta da svenevole Romeo e conserva una dignità, cosa rara nei fantasy quando c'è di mezzo l'ormone. Anzi, considerando poi che tutto sommato non mi pare che a fine libro ci abbia guadagnato granché direi che qui l'intermezzo romantico mi sta anche bene.

    Pregio tre: incredibile a dirsi, l'autore conosce la parola suspense (pregasi pronunciare alla francese, grazie). O almeno, in un paio di occasioni a mio avviso la riesce a creare, il che è un piacevole incentivo alla lettura.

    Difetti. Difetto uno: lento ad avviarsi. Ne capisco la ragione, ma all'inizio davvero non capivo dove volesse andare a parare e dopo svariati capitoli stava iniziando a diventare irritante.

    Difetto due: ogni tanto, giusto per gradire, l'autore se ne viene fuori con dei momenti di pseudopoetiche descrizioni o paragoni o quant'altro che mi lasciano perplessa. Insomma, tanto bravo a creare un protagonista che non è un Romeo patentato o un eroe raccomandato, tanto sveglio da far scorrere la storia e non impantanarla, ma... Ahi ahi ahi signor Rothfuss, mi cade sulla poesia! I raptus di epicità tarocca ogni tanto pigliano anche ai migliori.

    Difetto tre: non è autoconclusivo. Si tratta di una trilogia.

    Difetto quattro: proseguendo la lettura si deduce che il mondo in cui la storia è ambientata è a stampo medievale. E invece, di quando in quando, spuntano dei dettagli anacronistici, tipo riferimenti alla psicologia. Ora, non è che a inizio romanzo ci sia scritto "penisola iberica, 867 d.C.", quindi sono anche incline a chiudere un occhio visto che nel complesso è un buon romanzo, ma insomma, durante la lettura le perplessità sorgono ed è un peccato...

    Conclusioni. Vale il tempo speso per leggerlo. A fine lettura, facendo un bilancio, non mi sono fatta sghignazzate malvagie, anzi mi ha fatto piacere leggere un fantasy magari non tremendamente originale, ma ben scritto e che ha soddisfatto le mie aspettative. Mi sono scoperta sinceramente affezionata a Kvothe. Volevo il fantasy simil-medievale, con un protagonista interessante, la magia e qualche avventura? L'ho avuto. Mi ritengo soddisfatta.

    ha scritto il 

Ordina per