Il nome della rosa

Di

Editore: Bompiani

4.4
(23477)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 533 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Russo , Finlandese , Polacco , Olandese , Portoghese , Ungherese , Norvegese , Slovacco , Sloveno , Svedese , Ceco , Greco , Turco , Rumeno , Coreano

Isbn-10: A000031855 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Altri , Copertina morbida e spillati , eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Il nome della rosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ultima settimana del novembre 1327. Ludovico il Bavaro assedia Pisa e si dispone a scendere verso Roma, il Papa è ad Avignone e insiste per avere al suo cospetto Michele da Cesena, generale dei francescani, i quali qualche anno prima hanno proclamato a Perugia che Cristo non ha avuto proprietà alcuna. Dottrina eretica, come eretiche erano le bande armate di Fra Dolcino, debellato e bruciato da due decenni. Su questo sfondo storico si svolge la vicenda di questo romanzo, ovvero del manoscritto misterioso di Adso da Melk, un novizio benedettino che ha accompagnato in una abbazia dell'alta Italia frate Guglielmo da Baskerville, incaricato di una sottile e imprecisa missione diplomatica.....
Ordina per
  • 4

    Dove Miriam con un sorriso vittorioso completa la lettura...

    Noi viviamo per i libri. Dolce missione in questo mondo dominato dal disordine e dalla decadenza.”

    Che dire? Sicuramente un capolavoro, testimonianza dell'immensa cultura del buon professor Eco, ros ...continua

    Noi viviamo per i libri. Dolce missione in questo mondo dominato dal disordine e dalla decadenza.”

    Che dire? Sicuramente un capolavoro, testimonianza dell'immensa cultura del buon professor Eco, rosa all'occhiello (scusate non ho resistito), vanto italiano, best seller mondiale ma terribilmente pesante.
    Un libro impegnativo che offre spunti di meditazione, che si perde in lunghe descrizioni di fatti, cose e luoghi e che toglie punti a una trama geniale e originale.
    Parliamo di un thriller - storico ambientato in un'abbazia benedettina sperduta tra i monti del Nord-Italia in pieno medioevo dove personaggi immaginari si incontrano con personaggi realmente esistiti negli anni bui dell’ inquisizione, di Papa Giovanni XXII e la sua corte avignonese, di Fra Dolcino e i movimenti ereticali medioevali.
    Nel suo romanzo Eco ironizza sull’ipocrisia medioevale, critica la corruzione morale ecclesiastica dell’epoca (e sicuramente anche quella attuale) e tira qualche sassata più o meno velata all’ambiente politico italiano degli anni 70’.
    La mia lettura è stata spesso sofferta, spesso sono stata vinta dal sonno, spesso ho avuto voglia di saltare paragrafi noiosi ma poi all’ improvviso ecco lo spiraglio di luce e il libro non lo volevo più posare (dopo le prime 300 pagine il ritmo si fa più veloce). Eccomi qui, e concludo, dopo quasi 2 mesi di lettura - complici impegni lavorativi e non oltre alla pesantezza del libro (caro Eco non me ne volere) - è terminata la mia lettura e confesso che è con pizzico di tristezza il giovane Adso e l’arguto Guglielmo miei compagni di viaggio in questo best-seller made in Italy.

    ha scritto il 

  • 4

    Con un po' di timore mi sono avvicinata a questo romanzo, l'aura che avvolge la figura di Umberto Eco mi intimoriva e avevo paura di trovarmi davanti ad un'opera monumentale e difficile da leggere. In ...continua

    Con un po' di timore mi sono avvicinata a questo romanzo, l'aura che avvolge la figura di Umberto Eco mi intimoriva e avevo paura di trovarmi davanti ad un'opera monumentale e difficile da leggere. Invece la lettura di Tommaso Ragno mi ha aiutata ad assaporare la bellezza di questo classico, degli intrecci all'interno di un monastero del Nord Italia e del suo messaggio, a mio avviso principale: il peso delle parole e dei segni e significati che esse portano con sé possono segnare (nel bene o nel male) una vita.
    Book challenge 2017: un libro ambientato in Italia.

    ha scritto il 

  • 2

    Il compendio di tutte le peggiori superstizioni moderne sulla civiltà medioevale. Merita comunque di essere letto per la storia avvincente e perché è scritto molto bene.

    ha scritto il 

  • 5

    Sulla scorta della lettura magnifica di Moni Ovadia per "Ad alta voce", ho ripreso in mano il romanzo. Un bel ripasso della prosa avvolgente, calibrata , sapiente e fin troppo controllata e fredda di ...continua

    Sulla scorta della lettura magnifica di Moni Ovadia per "Ad alta voce", ho ripreso in mano il romanzo. Un bel ripasso della prosa avvolgente, calibrata , sapiente e fin troppo controllata e fredda di UE . Un piacere comunque per la capacità inventiva e il gusto da prestigiatore della parola di Eco. Ma una cosa va detta : il testo letto è stato pesantemente purgato e ridotto. Non ne ha patito la struttura generale, forse, ma l'aver eliminato la storia d'amore fra Adso e la "strega", per sola ipocrita pruderie, merita un bel "anathema sit".

    ha scritto il 

  • 5

    In assoluto uno dei libri più belli che io abbia mai letto.

    Scrivere una recensione che dica qualcosa di diverso o di originale, in questo caso è davvero difficile. Il Nome della Rosa da anni viene letto, studiato e recensito e nonostante le critiche che ho le ...continua

    Scrivere una recensione che dica qualcosa di diverso o di originale, in questo caso è davvero difficile. Il Nome della Rosa da anni viene letto, studiato e recensito e nonostante le critiche che ho letto, è e resterà per sempre un libro intramontabile. Devo dire che nei primi capitoli ho fatto fatica a stare dietro all'introduzione, ma nei seguenti la storia ti travolge in una atmosfera di mistero e suspence e vuoi saperne sempre di più, non riesci a fermarti. Sono contenta di averlo letto la prima volta da grande, quando ormai avevo la maturità per capirlo e godermelo fino alla fine. Tutti dovrebbero leggerlo almeno una volta nella vita, lo consiglio moltissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Non c'è molto da dire intorno a questo capolavoro dove si fondono teologia e storia, filosofia e umanità. Tutto è metafora del divino, a partire dalle proporzioni architettoniche dell'abbazia finanche ...continua

    Non c'è molto da dire intorno a questo capolavoro dove si fondono teologia e storia, filosofia e umanità. Tutto è metafora del divino, a partire dalle proporzioni architettoniche dell'abbazia finanche agli occhiali di riserva di Guglielmo; ma anche intriso di profonda umanità scolpita negli occhi del giovane Adso. Tutto ruota intorno al superbo Guglielmo, pieno di sé, ma tremendamente (forse un po' anacronisticamente) illuminato, che ha la riflessione pronta per tutto ma senza strafare, in una spy-story plot dove l'intreccio e l'equilibrio sono garantiti e dove nonostante il linguaggio raffinato e forbito non ci si annoia per nulla.

    ha scritto il 

  • 5

    Ingredienti: una settimana del 1327 in un’abbazia benedettina, una serie di delitti secondo le profezie dell’Apocalisse, una biblioteca ricca di libri desiderati e proibiti, un francescano colto e arg ...continua

    Ingredienti: una settimana del 1327 in un’abbazia benedettina, una serie di delitti secondo le profezie dell’Apocalisse, una biblioteca ricca di libri desiderati e proibiti, un francescano colto e arguto ad affrontare crimini, contese ed enigmi.
    Consigliato: ai patiti di romanzi storici (in periodi di eresie, lotte di potere, dibattiti teologici e inquisizione), agli amanti di storie universali scritte per amore dei libri.

    ha scritto il 

  • 4

    Anche dopo averlo letto è difficile evitare di incappare in pregiudizi. Direi che spesso Eco ha portato all'estremo divagazioni teologiche e filosofiche appesantendo il libro, ma ciò che per me è pes ...continua

    Anche dopo averlo letto è difficile evitare di incappare in pregiudizi. Direi che spesso Eco ha portato all'estremo divagazioni teologiche e filosofiche appesantendo il libro, ma ciò che per me è pesante pò non esserlo per altri. Di conseguenza suggerirei di non approcciarsici a cuor leggero, però chi sono io per decidere chi è in grado di leggerlo e chi no? Chiariamo inoltre che la particolarità de "Il nome della rosa", responsabile dell'aura di sacralità che vi gira intorno, è proprio quella di offrire una moltitudine di chiavi di lettura: narrativa gialla, romanzo storico, trattato filosofico e religioso, e ciò gli ha conferito la fama di romanzo "dotto". Personalmente ho preferito dedicarmi quasi totalmente alla chiave narrativa, non perché incapace di comprenderne gli altri risvolti (eventualità vera solo in parte) ma perché l'ho reputata la più intrigante e le lunghe digressioni ne avrebbero decisamente rallentato il ritmo. Se successivamente decidessi però di rileggerlo, ora che ho risolto il giallo dedicherei sicuramente maggiore attenzione alle altre interpretazioni. Quella che segue sarà dunque l'opinione di chi ha saltato a prescindere quasi ogni descrizione o monologo di lunghezza eccessiva.

    Innanzitutto, le cose che più ho amato e che mi mancheranno di questo libro sono Guglielmo da Baskerville e il suo rapporto quasi paternale con Adso da Melk. Guglielmo è davvero un personaggio sublime e ricco di fascino: èintelligente, colto, ironico, senza peli sulla lingua sebbene capace di adattarla alle diverse situazioni e persone, non si lascia condizionare da nessuno, riveste perfettamente il ruolo da maestro di Adso non solo in ambito teologico ma anche in quello di vita. Da lui Adso apprende infatti a pensare con la propria testa, a formulare ipotesi, a gestire le proprie emozioni. Mi è piaciuto che Guglielmo ci fosse sempre quando Adso aveva bisogno di aiuto o di un consiglio, che tra i due scorresse una fiducia reciproca, che ciascuno riconoscesse le capacità dell'altro, e persino i siparietti comici che occasionalmente hanno offerto. Davvero un bellissimo rapporto.

    Non sono da meno neanche gli altri personaggi, l'Abate in particolare mi è parso dipinto con una lucida razionalità da cui emerge chiaramente la sua sete di autorità, di potere e il puro interesse per le ricchezze materiali mascherato dietro la celebrazione di Dio. Jorge, poi, possiede una sfaccettatura inquietante nella sua ostinazione al rigore religioso, inquietudine estensibile all'atmosfera generale cupa e gotica, macabra in maniera suadente.

    Lo stile riprende quello medievale e molte citazioni in latino, tuttavia rimane facilmente leggibile e l'ostacolo maggiore sono appunto le digressioni, che da una parte conferiscono maggiore credibilità e spessore alla storia mente dall'altra, come già anticipato, ne rallentano lo scorrere. Si adatta inoltre particolarmente bene all'ambientazione dell'abbazia e rende efficacemente l'intrigo su cui si basa la trama.

    Posso in conclusione ritenermi soddisfatta, nonostante mi dispiaccia aver tralasciato qualche passaggio. Sarà per un'altra volta.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per