Il nostro agente all'Avana

Voto medio di 1229
| 109 contributi totali di cui 101 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
La vicenda di un mite rappresentante di aspirapolvere che, travolto dalle circostanze e dalla propria timida inesperienza, entra a far parte del Servizio Segreto britannico e "inventa" non soltanto esplosive informazioni, ma addirittura l'esistenza ...Continua
Ha scritto il 18/07/17
007 - gli aspirapolvere nun se vendono!
Nella tediosa e ripetitiva e anche discretamente triste vita di un immigrato inglese che cerca di vendere aspirapolvere in una città nella quale la corrente tende a saltare piuttosto spesso, entra all’improvviso lo spionaggio. In un’epoca nella ...Continua
  • 23 mi piace
  • 9 commenti
Ha scritto il 13/03/17
Romanzo basato su equivoci e scambi di persona. Me lo aspettavo sicuramente più divertente e più fluido nella lettura. Senza infamia e senza lode insomma.
Ha scritto il 25/06/16
Non va da nessuna parte
Iniziato anche bene, il testo è facilmente comprensibile. Ma appena ci si inoltra nella trama non si riesce a scorgere nessuna "vetta", una di quelle cose necessarie a farti proseguire nella lettura. La storia dunque prosegue linearmente finchè ...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 01/05/16
divertente
Una storia brillante e scritta con ironia. Ambientata nella Cuba di Castro, osservata speciale da parte dei paesi occidentali. Offre una buona immagine del paese in quegli anni.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 29/04/16
La trama soprattutto all’inizio è un po’ lenta, poi pian piano le vicende si infittiscono, e man mano che anche i personaggi principali si accorgono che non stanno più divagando ma che le cose stanno prendendo una piega seria. Bravo Greene ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Aug 07, 2014, 16:56
Wormold disse a se stesso: Almeno, se riuscissi a ucciderlo, ucciderei per una ragione pulita. Ucciderei per dimostrare che non si può uccidere senza essere uccisi a nostra volta. Non ucciderei per il mio Paese. Non ucciderei per il capitalismo o ...Continua
Pag. 253
Ha scritto il Aug 02, 2014, 14:09
Lei non si preoccupa mai di niente? »Ho una mia difesa segreta, signor Wormold. Mi interesso alla vita. »« Anch’io, ma... »« No, a lei interessano le persone, non la vita, e le persone muoiono o ci abbandonano,.. mi scusi; non mi riferivo a ...Continua
Pag. 21
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 02, 2014, 14:09
Un giorno però, quando Milly aveva tredici anni, era stato chiamato all’educandato delle suore americane di Santa Chiara, nel bianco e ricco sobborgo di Vedacio. Lì aveva scoperto per la prima volta che la governante abbandonava Milly sotto ...Continua
Pag. 28
  • 1 commento
Ha scritto il Feb 01, 2010, 01:12
Si possono pubblicare statistiche che contano la popolazione in centinaia di migliaia di persone, ma per ciascuno di noi una città è fatta di poche vie, poche case, poche persone. Tolte quelle, la città non esiste più, se non come una zona ...Continua
Pag. 232
Ha scritto il Feb 01, 2010, 01:08
- Una delle ragioni per cui l'Occidente detesta i grandi paesi comunisti è perché loro non riconoscono le distinzioni di classe. E allora capita che torturino le persone sbagliate. Come faceva Hitler, del resto, e infatti il mondo ha gridato allo ...Continua
Pag. 192

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Dec 21, 2015, 11:42
Collocazione: NR 536

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi