Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il palazzo della Luna

Di

Editore: Rizzoli (La scala)

4.1
(1340)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 302 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Svedese , Chi semplificata , Catalano , Turco , Portoghese

Isbn-10: 8817670197 | Isbn-13: 9788817670197 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Mario Biondi ; Prefazione: Paul Auster

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Travel

Ti piace Il palazzo della Luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Prologo

    "Era l'estate in cui per la prima volta gli uomini posero piede sulla luna. A quei tempi ero molto giovane, tuttavia non credevo che esistesse un futuro. Volevo vivere pericolosamente, spingermi il più lontano possibile per vedere che cosa sarebbe successo una volta arrivato fin lì. In realtà non ...continua

    "Era l'estate in cui per la prima volta gli uomini posero piede sulla luna. A quei tempi ero molto giovane, tuttavia non credevo che esistesse un futuro. Volevo vivere pericolosamente, spingermi il più lontano possibile per vedere che cosa sarebbe successo una volta arrivato fin lì. In realtà non lo feci affatto."

    ha scritto il 

  • 3

    "Eraclito era risorto dal suo mucchio di merda per mostrarci la più semplice delle verità: la realtà è uno jo-jo, l'unica costante è il cambiamento."

    Lo zio Victor gli lascia in eredità una montagna di libri, contenuti in 76 scatoloni, momentaneamente 'convertiti in vari elementi di mobilio immaginario' - dice - "Pensa alla soddisfazione di ficcarsi a letto sapendo che stai per sognare sulla letteratura americana dell'Ottocento. Immagina il pi ...continua

    Lo zio Victor gli lascia in eredità una montagna di libri, contenuti in 76 scatoloni, momentaneamente 'convertiti in vari elementi di mobilio immaginario' - dice - "Pensa alla soddisfazione di ficcarsi a letto sapendo che stai per sognare sulla letteratura americana dell'Ottocento. Immagina il piacere di mettersi a pranzo con tutto il Rinascimento lì sotto quel che si mangia". Questo pensa Marco Stanley Fogg, orfano diciottenne, mentre si gode i primi veri momenti da adulto solitario ed indipendente, nel suo nuovo appartamentino in affitto, nientemeno che sulla Broadway a Manhattan, rimanendo ai margini della turbinosa fine degli anni '60 - Vietnam, allunaggio e Woodstock compresi. Poi un giorno, a poco a poco comincia a smantellare il mobilio, apre gli scatoloni e legge i libri di zio Victor, tutti, fino alla scoperta dell' America. 1492 volumi, un potpourri di letteratura in cui ritrova e ripercorre la vita dello zio; 'in quell' accozzaglia e guazzabuglio di alto e basso', ne ricostruisce gli spostamenti attraverso l'America, i pensieri, gli umori. Ma la vita costa e la fame è nera.

    Nulla però a me è costato leggere questo libro. Che mi piaccia Auster non è una novità, mi piacciono le sue storie e mi piace come le racconta; è un narratore filante, accogliente e morbido nella scrittura e mi lascia sempre l'efficacia di un bel bagno caldo, emolliente. È strano, ma a tratti mi dava le stesse sensazioni di un buon Murakami. Qualche cedimento verso la fine, ma comunque un romanzo piacevole. 3 stelle e 1/2.

    ha scritto il 

  • 4

    http://noodlesjournal.wordpress.com/2008/04/18/moon-palace-paul-auster/


    Nella quarta di copertina Guido Fink definisce Auster «l’ultimo classico americano», e non si può che essere d’accordo se si pensa a queste sue storie “dickensiane” (si legga anche Mr. Vertigo), che sfoderano un ottoce ...continua

    http://noodlesjournal.wordpress.com/2008/04/18/moon-palace-paul-auster/

    Nella quarta di copertina Guido Fink definisce Auster «l’ultimo classico americano», e non si può che essere d’accordo se si pensa a queste sue storie “dickensiane” (si legga anche Mr. Vertigo), che sfoderano un ottocentesco gusto del racconto attraverso un uso della prima persona che amo molto. L’io narrante di Auster sottolinea sempre con insistenza la natura “letteraria” della vicenda, il rispecchiamento/confronto tra la vita e l’arte che la racconta (necessariamente a posteriori). La tipica ossessione austeriana tra finzione e realtà, romanzo e vita, viene assoggettata nell’identità dello scrittore/personaggio posto in un’interzona tempo-spaziale mai del tutto definita, una stazione metafisica da cui però il soggetto può muoversi con disinvoltura attraverso le pagine-tempo del libro. Moon Palace è un romanzo di formazione in cui la vicenda di Marco Stanley Fogg (e i nomi non sono scelti mai a caso) è messa in moto dall’elemento basilare della cosmogonia dello scrittore americano: il Caso. Eppure stavolta sembra che a muovere quei suoi fili vi sia qualcosa di più profondo, quasi teleologico, in questa storia di padri e di figli, di paternità letteraria e biografica, in un rispecchiamento duplice, triplo, da creare delle fantastiche vertigini estetiche. Ma, a differenza della freddezza un po’ intellettuale della Trilogia (che pure ho amato molto), Moon Palace riscopre (come altri Auster) la componente emozionale (il rapporto tra Marco e Kitty è raccontato con la dolcezza della quotidianità di un sentimento), senza mai cedere al melodramma. L’unico aspetto che mi secca, è non aver ancora trovato IL capolavoro austeriano, tra quelli letti, nonostante la goduria tipica che mi coglie ogni volta che trovo uno scrittore che sento tanto (o forse proprio per questo). Per ogni suo romanzo mi resta sempre un mezzo punto mancante, una quisquilia che mi impedisce di dargli il massimo dei voti; e non, sia chiaro, per difetti da imputare allo scrittore, ma solo perché non scatta a pieno quel clic che segna la differenza tra un romanzo magnifico e un romanzo del cuore.

    ha scritto il 

  • 2

    Noioso! Sì,va bene la ricerca delle nostre origini, la conoscenza del nostro io, il caso che governa i nostri incontri....e poi la città,la frontiera, il deserto....insomma....che palle!!!

    ha scritto il 

  • 4

    E' sempre meraviglioso leggere Paul Auster. Nelle sue righe c'è l'America, la strada, ma soprattutto la vita. Moon palace è la ricerca delle proprie radici, perché quello che siamo parte tutto da dove si viene.

    ha scritto il 

  • 4

    Auster vuelve a un tema bastante común en su producción.
    Éste es otro retrato de soledad y de decadencia del ser humano.
    De frustración por un mundo que no reúne nuestras expectativas, que nos ahoga y acota los caminos.
    La búsqueda de los orígenes será la única salida.
    Un parche y un remiendo.
    Un ...continua

    Auster vuelve a un tema bastante común en su producción. Éste es otro retrato de soledad y de decadencia del ser humano. De frustración por un mundo que no reúne nuestras expectativas, que nos ahoga y acota los caminos. La búsqueda de los orígenes será la única salida. Un parche y un remiendo. Un bálsamo que cierre heridas y que sane el corazón.

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro della letteratura americana, in cui l’autore – con incredibile capacità affabulatoria – apre uno squarcio sul rapporto fra l’uomo moderno e la solitudine esistenziale, lasciando in dono al lettore (un po’ come Murakami Haruki) un messaggio in definitiva positiva sulla capacità dell’ ...continua

    Un capolavoro della letteratura americana, in cui l’autore – con incredibile capacità affabulatoria – apre uno squarcio sul rapporto fra l’uomo moderno e la solitudine esistenziale, lasciando in dono al lettore (un po’ come Murakami Haruki) un messaggio in definitiva positiva sulla capacità dell’uomo di resistere in un orizzonte di vita nichilistico, di rinuncia o privazione dei beni materiali, delle proprie aspirazioni, di un saldo nucleo di affetti e relazioni interpersonali. Un messaggio che, dunque, lascia una speranza nel lettore. La struttura narrativa, a sua volta, riesce a fondere un intarsio di vicende umane sotto forma di digressioni o di racconti nel racconto che si intersecano a fondare una trama che rapisce il lettore portandolo a navigare fra i mondi dei protagonisti come un novello Ulisse, dove un’isola sospinge ad un’altra isola.

    ha scritto il 

  • 4

    Non mi stancherò mai di leggere questo autore. Ogni opera è una sorpresa. Questo è uno dei suoi primi romanzi, e si sente soprattutto nel finale, un po' abbozzato. Però lo stile è già quello del futuro grande Auster, dove ironia e dramma si mescolano in un intreccio di vicende, con coincidenze in ...continua

    Non mi stancherò mai di leggere questo autore. Ogni opera è una sorpresa. Questo è uno dei suoi primi romanzi, e si sente soprattutto nel finale, un po' abbozzato. Però lo stile è già quello del futuro grande Auster, dove ironia e dramma si mescolano in un intreccio di vicende, con coincidenze inverosimili e rivelazioni sorprendenti. Non mancano spunti per importanti riflessioni sul senso della vita e sulla potenza dell'amore. Leggetelo.

    ha scritto il 

Ordina per