Il palazzo della mezzanotte

Di

Editore: Mondolibri

3.3
(4334)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 299 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Catalano , Inglese , Olandese , Polacco , Portoghese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Arpaia

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il palazzo della mezzanotte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un altro testo di Zafòn che ci conduce in un’ambientazione insolita e diversa.La storia comincia con la narrazione di uno dei personaggi Ian, già adulto, che ormai da anni vive in Inghilterra e lavora ...continua

    Un altro testo di Zafòn che ci conduce in un’ambientazione insolita e diversa.La storia comincia con la narrazione di uno dei personaggi Ian, già adulto, che ormai da anni vive in Inghilterra e lavora come medico; è lui a richiamare alla memoria gli eventi perché non se ne perda traccia. Rappresenta la memoria narrante di una cara amicizia, che ha sempre legato tutti i personaggi.La storia vede protagonisti dei ragazzi, tutti ugualmente importanti e fondamentali nello svolgimento della trama. Roshan, Isobel, Siraj, Seth, Michael, Ian e Ben: sono i membri della Chowbar Society e ospiti dell’orfanotrofio Saint Patrick. Non fanno altro che riunirsi di notte all’interno di un edificio abbandonato chiamato ‘Il Palazzo della Mezzanotte’, per raccontarsi a vicenda le storie di fantasmi, che la città nera di Calcutta nasconde… fino allo svelarsi di un inquietante mistero. Orfani di vita, nasce fra di loro una profonda amicizia e soprattutto il bisogno di un’unica missione, quella di affrontare il pericolo sempre insieme. L’amicizia diventa un valente sostituto della famiglia.La narrazione è fascinosa e misteriosa, dona una anima ad una Calcutta a tinte gotiche. La sintassi è semplice nelle descrizioni e mette in risalto, a volte, un’estrosa ebbrezza poetica.Rispetto al primo capitolo della trilogia manca però quel brivido che – personalmente – non mi ha suscitato un coinvolgimento pieno e totale.

    ha scritto il 

  • 1

    Letto in lingua originale per esercitare un po' lo spagnolo, e nonostante la mia attenzione fosse tutta rivolta alla lingua è riuscito ad annoiarmi comunque. Zero empatia con i personaggi. Se l'avessi ...continua

    Letto in lingua originale per esercitare un po' lo spagnolo, e nonostante la mia attenzione fosse tutta rivolta alla lingua è riuscito ad annoiarmi comunque. Zero empatia con i personaggi. Se l'avessi letto in italiano non l'avrei neanche finito.

    ha scritto il 

  • 2

    Purtroppo lo abbandonato, non ci sono riuscita ad andare oltre a pagina 86, perché nemmeno questo riesce a tenermi incollata come Marina. NO non mi aspetto che sia la stessa cosa, sia chiaro, ma se un ...continua

    Purtroppo lo abbandonato, non ci sono riuscita ad andare oltre a pagina 86, perché nemmeno questo riesce a tenermi incollata come Marina. NO non mi aspetto che sia la stessa cosa, sia chiaro, ma se una cosa non mi convince dopo un po non riesco a continuare.

    ha scritto il 

  • 2

    Pensavo fosse un libro serio...

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così ba ...continua

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così banale...Ci sono rimasta malissimo. Il racconto mischia un pò di fantasy con una storiella di "avventura", sinceramente la trama era piuttosto scontata e non ho avuto difficoltà a indovinare la vera identità dell'antagonista, era tutto veramente troppo prevedibile. Il finale poi l'ho trovato assolutamente deludente.
    Non è un brutto libro, per carità, ma andrebbe segnalato il fatto che si tratta tutto sommato di narrativa per ragazzi, che per un adulto può risultare noiosa e banale.

    ha scritto il 

Ordina per