Il palazzo della mezzanotte

Di

Editore: A. Mondadori (Scrittori italiani e stranieri)

3.3
(4335)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Catalano , Inglese , Olandese , Polacco , Portoghese

Isbn-10: 8804600101 | Isbn-13: 9788804600107 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Arpaia

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il palazzo della mezzanotte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Calcutta, 1916. Una locomotiva infuocata squarcia la notte portandosi dietro un carico di morti innocenti. Sotto una pioggia scrosciante, quella stessa notte, un giovane tenente inglese sacrifica la vita per portare in salvo due gemelli neonati inseguiti da un tragico destino. Calcutta, 1932. Ben, il gemello maschio, compie sedici anni, lascia l’orfanotrofio St. Patricks e festeggia l’inizio della sua vita adulta. È anche l’ultimo giorno della Chowbar Society, un club segreto che conta sette orfani come Ben, riunitosi per anni allo scoccare della mezzanotte sotto un tetto di stelle, nella sala principale di un antico edificio in rovina, il Palazzo della Mezzanotte. I sette ragazzi sono sicuri che quella sarà la loro ultima notte insieme, ma il passato bussa alla porta di Ben: la bellissima gemella che non sapeva di avere entra nel Palazzo con una pazzesca storia da raccontare. Le braci dell’incendio di sedici anni prima ricominciano ad ardere. Per tre interminabili giorni i membri della Chowbar Society cercano di decifrare ciò che si nasconde dietro al passato di Ben e di sua sorella, mentre combattono contro un secondo terribile incendio appiccato da un’ombra misteriosa. E, quando ormai l’inferno sembra aver preso il sopravvento e il compiersi del destino inevitabile, il fuoco all’improvviso si spegne… e una candida neve scende sulle strade di Calcutta.
Ordina per
  • 3

    Un altro testo di Zafòn che ci conduce in un’ambientazione insolita e diversa.La storia comincia con la narrazione di uno dei personaggi Ian, già adulto, che ormai da anni vive in Inghilterra e lavora ...continua

    Un altro testo di Zafòn che ci conduce in un’ambientazione insolita e diversa.La storia comincia con la narrazione di uno dei personaggi Ian, già adulto, che ormai da anni vive in Inghilterra e lavora come medico; è lui a richiamare alla memoria gli eventi perché non se ne perda traccia. Rappresenta la memoria narrante di una cara amicizia, che ha sempre legato tutti i personaggi.La storia vede protagonisti dei ragazzi, tutti ugualmente importanti e fondamentali nello svolgimento della trama. Roshan, Isobel, Siraj, Seth, Michael, Ian e Ben: sono i membri della Chowbar Society e ospiti dell’orfanotrofio Saint Patrick. Non fanno altro che riunirsi di notte all’interno di un edificio abbandonato chiamato ‘Il Palazzo della Mezzanotte’, per raccontarsi a vicenda le storie di fantasmi, che la città nera di Calcutta nasconde… fino allo svelarsi di un inquietante mistero. Orfani di vita, nasce fra di loro una profonda amicizia e soprattutto il bisogno di un’unica missione, quella di affrontare il pericolo sempre insieme. L’amicizia diventa un valente sostituto della famiglia.La narrazione è fascinosa e misteriosa, dona una anima ad una Calcutta a tinte gotiche. La sintassi è semplice nelle descrizioni e mette in risalto, a volte, un’estrosa ebbrezza poetica.Rispetto al primo capitolo della trilogia manca però quel brivido che – personalmente – non mi ha suscitato un coinvolgimento pieno e totale.

    ha scritto il 

  • 1

    Letto in lingua originale per esercitare un po' lo spagnolo, e nonostante la mia attenzione fosse tutta rivolta alla lingua è riuscito ad annoiarmi comunque. Zero empatia con i personaggi. Se l'avessi ...continua

    Letto in lingua originale per esercitare un po' lo spagnolo, e nonostante la mia attenzione fosse tutta rivolta alla lingua è riuscito ad annoiarmi comunque. Zero empatia con i personaggi. Se l'avessi letto in italiano non l'avrei neanche finito.

    ha scritto il 

  • 2

    Purtroppo lo abbandonato, non ci sono riuscita ad andare oltre a pagina 86, perché nemmeno questo riesce a tenermi incollata come Marina. NO non mi aspetto che sia la stessa cosa, sia chiaro, ma se un ...continua

    Purtroppo lo abbandonato, non ci sono riuscita ad andare oltre a pagina 86, perché nemmeno questo riesce a tenermi incollata come Marina. NO non mi aspetto che sia la stessa cosa, sia chiaro, ma se una cosa non mi convince dopo un po non riesco a continuare.

    ha scritto il 

  • 2

    Pensavo fosse un libro serio...

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così ba ...continua

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così banale...Ci sono rimasta malissimo. Il racconto mischia un pò di fantasy con una storiella di "avventura", sinceramente la trama era piuttosto scontata e non ho avuto difficoltà a indovinare la vera identità dell'antagonista, era tutto veramente troppo prevedibile. Il finale poi l'ho trovato assolutamente deludente.
    Non è un brutto libro, per carità, ma andrebbe segnalato il fatto che si tratta tutto sommato di narrativa per ragazzi, che per un adulto può risultare noiosa e banale.

    ha scritto il 

Ordina per