Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il palazzo della mezzanotte

Di

Editore: A. Mondadori (Scrittori italiani e stranieri)

3.3
(4245)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Catalano , Inglese , Olandese , Polacco , Portoghese

Isbn-10: 8804600101 | Isbn-13: 9788804600107 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Arpaia

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il palazzo della mezzanotte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Calcutta, 1916. Una locomotiva infuocata squarcia la notte portandosi dietro un carico di morti innocenti. Sotto una pioggia scrosciante, quella stessa notte, un giovane tenente inglese sacrifica la vita per portare in salvo due gemelli neonati inseguiti da un tragico destino. Calcutta, 1932. Ben, il gemello maschio, compie sedici anni, lascia l’orfanotrofio St. Patricks e festeggia l’inizio della sua vita adulta. È anche l’ultimo giorno della Chowbar Society, un club segreto che conta sette orfani come Ben, riunitosi per anni allo scoccare della mezzanotte sotto un tetto di stelle, nella sala principale di un antico edificio in rovina, il Palazzo della Mezzanotte. I sette ragazzi sono sicuri che quella sarà la loro ultima notte insieme, ma il passato bussa alla porta di Ben: la bellissima gemella che non sapeva di avere entra nel Palazzo con una pazzesca storia da raccontare. Le braci dell’incendio di sedici anni prima ricominciano ad ardere. Per tre interminabili giorni i membri della Chowbar Society cercano di decifrare ciò che si nasconde dietro al passato di Ben e di sua sorella, mentre combattono contro un secondo terribile incendio appiccato da un’ombra misteriosa. E, quando ormai l’inferno sembra aver preso il sopravvento e il compiersi del destino inevitabile, il fuoco all’improvviso si spegne… e una candida neve scende sulle strade di Calcutta.
Ordina per
  • 2

    Pensavo fosse un libro serio...

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così ba ...continua

    Sono rimasta piuttosto delusa da questo libro, avendolo sempre visto in libreria tra i vari bestseller e libri per adulti non pensavo certo si trattasse di un libro per ragazzi e di una storia così banale...Ci sono rimasta malissimo. Il racconto mischia un pò di fantasy con una storiella di "avventura", sinceramente la trama era piuttosto scontata e non ho avuto difficoltà a indovinare la vera identità dell'antagonista, era tutto veramente troppo prevedibile. Il finale poi l'ho trovato assolutamente deludente.
    Non è un brutto libro, per carità, ma andrebbe segnalato il fatto che si tratta tutto sommato di narrativa per ragazzi, che per un adulto può risultare noiosa e banale.

    ha scritto il 

  • 1

    Lettura godibile, solito "libretto" di Zafon che unisce mistero e sovrannaturale, ma non coinvolge e non lascia niente.
    Purtroppo ho sempre davanti quel gran libro che è l'ombra del vento. E in confro ...continua

    Lettura godibile, solito "libretto" di Zafon che unisce mistero e sovrannaturale, ma non coinvolge e non lascia niente.
    Purtroppo ho sempre davanti quel gran libro che è l'ombra del vento. E in confronto a quello, il palazzo della mezzanotte impallidisce.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Letto in una mattinata, letteralmente divorato, eppure non mi ha lasciato molti stimoli. Ho avuto l'impressione che fosse molto vicino, per quanto riguarda la trama e i personaggi, a "Marina" nonchè a ...continua

    Letto in una mattinata, letteralmente divorato, eppure non mi ha lasciato molti stimoli. Ho avuto l'impressione che fosse molto vicino, per quanto riguarda la trama e i personaggi, a "Marina" nonchè a "L'ombra del vento": Non vedo più l'originalità nell'inserire come antagonista un personaggio che inizialmente viene presentato come spietato e poi, nel finale, riesce a suscitare addirittura pena e compassione nel lettore.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Io amo Zafon, i suoi libri sono da sempre nella mia top 10. Proprio per questo "il palazzo della mezzanotte" è stata una grandissima, enorme delusione. La parte che mi ha lasciata più perplessa è stat ...continua

    Io amo Zafon, i suoi libri sono da sempre nella mia top 10. Proprio per questo "il palazzo della mezzanotte" è stata una grandissima, enorme delusione. La parte che mi ha lasciata più perplessa è stato il finale...cioè no, davvero? Spiegatemi come si può costruire un libro intero sulla vendetta di uno spirito maligno assetato di sangue e morte a cui alla fine basta uno sguardo (uno sguardo!) per cambiare idea e diventare buono e giusto?!? Non capisco...non ha senso! Per non parlare della scena del serpente... ma scusatemi, che bisogno c'era del sacrificio? non si poteva semplicemente lanciare un urlo di avvertimento visto che la ragazza ha avuto tutto il tempo di correre, strattonare e infilare la mano? Cosa mi sono persa? Ho trovato ENORMI limiti alla logicità della trama... la nota positiva è però la bellezza delle descrizioni di Zafon che non si smentisce a sa creare un'atmosfera unica e surreale, che per fortuna prescinde dagli eventi senza senso che ospita!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Misterioso, intrigante, bel racconto. C'è un bell'equilibrio tra descrizioni, azione e dialoghi, la lettura risulta quindi scorrevole. Il finale è un po' frettoloso secondo me... Quando lo spettro "to ...continua

    Misterioso, intrigante, bel racconto. C'è un bell'equilibrio tra descrizioni, azione e dialoghi, la lettura risulta quindi scorrevole. Il finale è un po' frettoloso secondo me... Quando lo spettro "torna" ad essere padre è risolto troppo velocemente e si perde il senso e il motivo. Comunque rimane una lettura carina e leggera :)

    ha scritto il 

Ordina per