Il parco di Puškin

Voto medio di 185
| 26 contributi totali di cui 24 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Anarchico, vagabondo, individualista, solidale con ogni eversione solitaria: le narrazioni di Dovlatov posseggono un'incantevole forza di immedesimazione per il lettore. Voce narrante e protagonista insieme di storie che hanno l'inconfondibile ... Continua
Ha scritto il 16/07/17
Lui era un grande. Non fosse per quello penserei fosse una mia versione russa.
La traduzione di Laura Salmon conferisce ancor più qualità a questo bello spaccato di vita russa.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 02/03/17
Ingredienti: uno scrittore fiero ma fallito, una guida turistica colta ma scanzonata, un ubriacone con un buon motore ma senza freni, un cittadino russo libero di rovinarsi ma sotto il controllo della dittatura (il tutto concentrato in un'unica ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 04/07/16
"Se ti guardi attorno vedi solo rovine? Beh, c'era da aspettarselo, chi vive nel mondo delle parole, con gli oggetti se la cava male." (p. 26)
  • 3 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 22/06/16
A suo modo esiste una sorta di circolarità in questo frammento di vita di Boris Alichanov: le mani tremano mentre tracanna vodka e birra nelle prime pagine e nel finale la zoologia fantastica del delirium impazza. La vodka è, quindi, il comun ..." Continua...
  • 11 mi piace
  • 3 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 26/02/14
Molto alcool, molti spostati, pittori senza valore e scrittori senza lettori, un espatrio (della moglie e della figlia del narratore).Il tutto in una zona di turismo culturale (i luoghi di Puskin: i russi amano i poeti) in cui sembrano scarseggiare ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi

Ha scritto il Jan 30, 2012, 18:49
(Quando parli con una donna c'è un momento disarmante. Tu adduci fatti, considerazioni, argomentazioni. La richiami alla logica e al buon senso. Ma di colpo scopri che a lei dà fastidio il suono stesso della tua voce...).
Pag. 16
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 24, 2011, 09:28
A giugno cominciai a scrivere. Erano schizzi e dialoghi strani, alla ricerca della tonalità. Una sorta di schema con figure e motivi abbozzati confusamente. Un amore infelice, i debiti, il matrimonio, la creatività letteraria, il conflitto con lo ... Continua...
Pag. 73
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi