Il partigiano Johnny

Voto medio di 2609
| 263 contributi totali di cui 237 recensioni , 24 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una ...Continua
Ha scritto il 29/06/17
Fantastico questo libro, Fa vivere i sentimenti e le condizioni dei partigiani: il senso della morte, la solitudine, la paura dell'agguato, la fame, il freddo, l'abbandono del gruppo, essere un lupo solitario. Epiche le battaglie con i fascisti e le ...Continua
Ha scritto il 08/06/17
It’s a tough and beautiful world
L’uso del linguaggio di Fenoglio in questo romanzo è semplicemente prodigioso. Sapientemente egli lo plasma, lo crea, impastandolo con pezzi di inglese, con termini desueti, con espressioni nuove che disinvoltamente fioriscono da vocaboli comuni, ...Continua
  • 33 mi piace
  • 12 commenti
Ha scritto il 19/05/17
Grande Johnny!
Ha scritto il 29/03/17
Tre stelle e mezza
Il partigiano Jhonny è sicuramente un libro che smuove qualcosa dentro, ti rendi conto che questi uomini sono realmente vissuti, e la maggior parte di loro è veramente morta, in nome di un ideale, di una libertà, della dignità delle persone, per ...Continua
  • 5 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 03/03/17
Un libro sulla resistenza come pochi se ne possono trovare. Sincero, aperto, triste e umano, terribilmente umano, con la morte, o la paura della morte a farla da padrona in ogni pagina. La vita sempre appesa un filo è il tema principale, con le ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il May 16, 2015, 20:03
Ma il temporale abortiva, sebbene il cielo si torcesse convulsamente nelle doglie.
Pag. 173
Ha scritto il May 16, 2015, 20:02
L'unica maniera di ripararlo, pensava ora, sarebbe stata d'amare suo figlio come il padre aveva amato lui: a lui non ne verrà niente, ma il conto sarà pareggiato nel libro maestro della vita.
Pag. 11
Ha scritto il Oct 17, 2014, 13:28
Fare il partigiano era tutto qui: sedere, per lo più su terra o pietra, fumare (ad averne), poi vedere un[o] o [più] fascisti, alzarsi senza spazzolarsi il dietro, e muovere a uccidere o essere uccisi, a infliggere o ricevere una tomba ...Continua
Pag. 280
Ha scritto il Oct 09, 2014, 17:33
Il giorno della liberazione di Roma, lo si festeggiò in preciso ed esclusivo rapporto ad un grosso scacco tedesco. Il pensiero della liberazione della capitale nazionale non aveva una precisa forte presa sui cuori partigiani, che si serravano ...Continua
Pag. 172
  • 1 commento
Ha scritto il Oct 09, 2014, 17:30
Masse compatte di nere nubi serravano al centro del cielo, dove una pozza di livida luce segnava il punto del naufragio del sole. Johnny pregò che scrosciasse e attese l'esaudimento, ma il temporale abortiva, sebbene il cielo si torcesse ...Continua
Pag. 177

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Mar 06, 2017, 09:39
lettura in classe 2C secondaria 1° grado per dibattito che si terrà con la DS nella settimana 18-25 aprile 2017
Ha scritto il Dec 29, 2015, 10:41
Collocazione: NR 709

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi