Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il piccolo principe

Con Gadget

Di

Editore: Fabbri

4.4
(28700)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Giapponese , Galego , Catalano , Slovacco , Russo , Ebraico , Finlandese , Ungherese , Greco , Turco , Olandese , Croato , Sconosciuto , Inuktitut , georgiano , Bulgaro , Ucraino , Dhivehi , Ceco , Norvegese , Polacco , Farsi , Rumeno

Isbn-10: 8845113523 | Isbn-13: 9788845113529 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Children , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Il piccolo principe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Buon giorno", disse la volpe. "Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno. "Sono qui", disse la voce, "sotto il melo..." "Chi sei?" domandò il piccolo principe, "sei molto carino..." "Sono una volpe", disse la volpe. "Vieni a giocarecon me", le propose il piccolo principe, "sono così triste...". Età di lettura: da 8 anni.
Ordina per
  • 4

    Le piccole verità non troppo nascoste

    Una enorme metafora ma sicuramente ben congeniata e scritta. In se stesso non è nulla di che nella sua esile lunghezza ma credo sia uno di quei libri che vanno letti, vanno ascoltati e forse anche mes ...continua

    Una enorme metafora ma sicuramente ben congeniata e scritta. In se stesso non è nulla di che nella sua esile lunghezza ma credo sia uno di quei libri che vanno letti, vanno ascoltati e forse anche messi in pratica. A mio avviso però troppo iper gettonato negli ultimi anni, credo sia opinione di molti!

    ha scritto il 

  • 3

    Sì? No? Forse? Una storia carina, originale e pure illustrata. Che chiedere di più?
    Dopo un po' non vedevo l'ora che finisse, cominciava ad annoiarmi. E poi, nel corso del tempo, questo libriccino ha ...continua

    Sì? No? Forse? Una storia carina, originale e pure illustrata. Che chiedere di più?
    Dopo un po' non vedevo l'ora che finisse, cominciava ad annoiarmi. E poi, nel corso del tempo, questo libriccino ha subito un'inflazione da far paura: dove ti giri c'è qualcuno che lo ha letto, sicuramente. Mi è piaciuto, ma è tanto sopravvalutato.

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro che più di ogni altro mi ha cambiato la vita. Un libro che fa riflettere e che insegna a ricordare cosa è importante, reale e vero nella vita. Ho amato talmente tanto questo libro che l'ho ri ...continua

    Il libro che più di ogni altro mi ha cambiato la vita. Un libro che fa riflettere e che insegna a ricordare cosa è importante, reale e vero nella vita. Ho amato talmente tanto questo libro che l'ho riletto tre volte di seguito e mi sono tatuata una frase che la volpe dice al piccolo principe perché mi ha letteralmente commossa ed allo stesso tempo colpita nel profondo, come se avessi ritrovato una parte di me persa nel caos del mondo. Leggetelo, magari a voi non cambierà la vita, ma almeno una piccola riflessione sarà in grado di strapparvela, ve lo assicuro.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    以前看小王子
    只覺得玫瑰花好任性
    沒想到現在看
    卻覺得他好美
    雖然我也像小王子一樣
    離開了任性的你
    希望之後能夠馴服你XDD

    ha scritto il 

  • 5

    Il faut des rites (altro commento scomparso e ritrovato grazie a una libriarian)

    Sarà un commento che mi seppellirà.
    (Il commento di questo libro è rivolto a una persona. Mi scuso con gli altri che non vi troveranno di certo alcun interesse).

    Caro amico che leggi senza entrare m ...continua

    Sarà un commento che mi seppellirà.
    (Il commento di questo libro è rivolto a una persona. Mi scuso con gli altri che non vi troveranno di certo alcun interesse).

    Caro amico che leggi senza entrare mai nella mia libreria, mi dici: Finalmente scrivi qualcosa dove spero di trovarti, attendo il tuo commento, stupiscimi.
    Ma se ho capito che portare l'anziano genitore sulle spalle è il gesto a cui non necessitano parole perché abbia un futuro, da tempo so che non bisogna avere aspettative; quelle che mi restano, le tengo strette in pugno, in fondo alla tasca, come un dono nascosto, o una colpa. Se tu ne hai, lasciale pure libere ma è un rischio, non so se in un altrove c’incontreremo.

    Dici che per leggere veramente i tuoi quattro titoli non basterebbe una vita intera, e c’è chi ne ha letti mille ma non li ha mai letti per davvero, e allora, come posso leggere io questo libretto sulla cui bellezza e complessità tanti irridono? Dici, chissenefrega del parere degli altri, voglio il tuo. Ma dici anche, Stupiscimi.

    Non posso, non sono all’altezza, e come il vecchietto grida sgomento nella nebbia “Gina Gina Gina” anch’io dico “perdonami perdonami perdonami”, la casa è vicina ma i capelli sugli occhi non la fanno vedere.

    Ho scritto troppe parole belle per nascondere il fatto di essere brutta? Forse, e forse l’ho sempre fatto, ma ci sono stata comunque, nelle parole, e non ho mai barato perché il mio mazzo ha carte logore e il gioco non m’interessa più o forse verrebbe subito scoperto, il che è lo stesso.

    Come dice la volpe, Le langage est source de malentendus.

    Magari qui mi troverai, magari no. Ma comunque grazie.
    http://www.youtube.com/watch?v=VMSxn-BtpWs

    ha scritto il 

  • 5

    Il Piccolo Principe è morto e noi l'abbiamo ucciso

    Parafrasando l'uomo folle di Nietzsche con il suo disperato grido «Dio è morto!», potremmo dire che anche il Piccolo Principe è morto, e noi lo abbiamo ucciso. La colpa è nostra, e delle nostre stupid ...continua

    Parafrasando l'uomo folle di Nietzsche con il suo disperato grido «Dio è morto!», potremmo dire che anche il Piccolo Principe è morto, e noi lo abbiamo ucciso. La colpa è nostra, e delle nostre stupidissime frasette a proposito e a sproposito, link fuori contesto, immagini zuccherose, citazioncine come cavoli a merenda, status su facebook retorici e allusivi, volpette e cieli stellati e spighe gialle di grano tirate in ballo senza nesso ma con l'aria di saperla lunga, quotes retorici da baci perugina riecheggianti una filosofia che fingiamo di maneggiare ma che non arriviamo mai davvero a comprendere.
    E dire che in questo libriccino piccino picciò c'è tutta la conoscenza del mondo e dell'animo che un uomo può condensarvi dentro senza apparire un maledetto accademico con parrucca e polsini inamidati, ma questo mirabolante pregio ha come risvolto drammatico la sua immediata fruibilità, e il fatto che chiunque se ne possa abbeverare sconsideratamente, ritenendo la sua immediatezza effetto di un pensiero semplice e lineare, mentre, al contrario, la sua semplice linearità non è che l'effetto - mostruosamente geniale - di un pensiero complessissimo e abissalmente profondo.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino

    sicuramente la mia sarà una recensione impopolare. Bello il libro e la storia. Contrariamente a quello che si dice e si fa, questo libro bisognerebbe leggerlo da adulti. Nonostante lo splendido messag ...continua

    sicuramente la mia sarà una recensione impopolare. Bello il libro e la storia. Contrariamente a quello che si dice e si fa, questo libro bisognerebbe leggerlo da adulti. Nonostante lo splendido messaggio che manda e la poetica, il protagonista lo trovo tremendamente antipatico!

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per