Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il pittore che visse due volte

Di

Editore: Newton Compton (Nuova narrativa Newton)

2.8
(129)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 285 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8854131415 | Isbn-13: 9788854131415 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: M. Fessart

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Il pittore che visse due volte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Londra, primo Novecento. Reilly è un giovane pittore in cerca del successo. La sua casa, una misera soffitta di Soho, è stracolma di quadri rimasti invenduti e la sua unica compagnia è un fedele Jack Russel di nome Nimrod. Le cose però stanno per cambiare: finalmente un critico d'arte, il più influente sulla scena londinese, ha notato il suo talento. Ma proprio quando per il giovane pittore stanno per spalancarsi le porte della celebrità, il critico viene ritrovato morto in un canale, gli occhi orribilmente strappati. Tutti gli indizi sembrano portare a Reilly, che viene accusato di omicidio e condannato a morte... È passato un secolo e la terribile vicenda è ormai dimenticata, quando una giovane segretaria, Samantha, si ritrova ad ammirare un quadro di Reilly in una galleria d'arte di Soho. Ma c'è qualcosa in quel quadro che la colpisce: un particolare che dimostra che Reilly era innocente e che il vero assassino era un altro uomo.
Ordina per
  • 3

    Scritto molto bene...

    Scritto molto bene, ma purtroppo non ci sono altri elementi a suo favore...
    Non mi sono piaciuti nè i protagonisti del passato nè i protagonisti del presente, la trama è troppo complicata e confusa... e il finale non lascia il segno... insomma un romanzo molto leggero che ha poco del genere ...continua

    Scritto molto bene, ma purtroppo non ci sono altri elementi a suo favore...
    Non mi sono piaciuti nè i protagonisti del passato nè i protagonisti del presente, la trama è troppo complicata e confusa... e il finale non lascia il segno... insomma un romanzo molto leggero che ha poco del genere thriller.

    ha scritto il 

  • 2

    Libro dozzinale, con poca fantasia ed un finale scritto da un bambino delle elementari, forse... come sia possibile pubblicrae cose del genere è un mistero.
    Le due stelle le merita solo ed unicamente per la figura del cagnolino.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa è la storia di Reilly, un un giovane pittore, che ben presto acquista fama grazie ai suoi quadri e alle sue tecniche particolari che rendono i dipinti vivi e coinvolgenti.Vive col suo inseparabile Nimord, il suo cagnolino. Decide sotto il consiglio di Mountjoy, un barista e suo stretto ami ...continua

    Questa è la storia di Reilly, un un giovane pittore, che ben presto acquista fama grazie ai suoi quadri e alle sue tecniche particolari che rendono i dipinti vivi e coinvolgenti.Vive col suo inseparabile Nimord, il suo cagnolino. Decide sotto il consiglio di Mountjoy, un barista e suo stretto amico, di allestire una mostra nel suo bar. Non sapendo che valore economico dare ai suoi quadri, chiede il parere di un critico di nome Gower.
    Non fila tutto liscio e per Reilly inizia un' avventura.

    Questo romanzo ambientato nella Londra del 1900, è strutturato su due tempi che si separano di circa un secolo; è un intrecciarsi di novità tra queste due epoche che non possono essere scindibili. Una ha bisogno dell'altra per completare la storia.
    Mi aspettavo il solito romanzo di vita vissuta, ma leggendolo tutto mi ha affascinato sempre più. I colpi di scena non mancano.
    Il titolo mi ha incuriosito fin dall'inizio. " Come mai visse due volte?" così è cominciata la mia avventura immaginaria che si è rilevata soddisfacente.
    Questo libro mi ha trasmesso emozioni diverse quali tristezza, rabbia, malinconia e dolcezza; un miscelarsi di sentimenti che si alternano e si ingarbugliano.

    ha scritto il 

  • 4

    Da leggere per chi adora i thriller

    All'inizio di questo libro non mi ispirava tanto.. poi ho incominciato a leggerlo e mi ha preso subito. Non pensavo che andasse a finire così ed è veramente bello. Lo consiglio di leggere, perché è veramente molto sorprendente. Prima pensi che è stato qualcuno, poi ti immagini tutto un'altra cosa ...continua

    All'inizio di questo libro non mi ispirava tanto.. poi ho incominciato a leggerlo e mi ha preso subito. Non pensavo che andasse a finire così ed è veramente bello. Lo consiglio di leggere, perché è veramente molto sorprendente. Prima pensi che è stato qualcuno, poi ti immagini tutto un'altra cosa e infine esce che è tutto diverso da come te lo sei immaginato. Davvero fantastico!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Inutilmente intricato.

    ...ok, l'inizio sembrava promettente e fino a metà libro c'è una buona dose di tensione e l'aspettativa a mille...poi...poi si risolve tutto in una bolla di sapone!
    Il critico che pareva essere stato ucciso da Reilly -il pittore- è morto inciampando sul cane (mai letta trovata più squallida ...continua

    ...ok, l'inizio sembrava promettente e fino a metà libro c'è una buona dose di tensione e l'aspettativa a mille...poi...poi si risolve tutto in una bolla di sapone!
    Il critico che pareva essere stato ucciso da Reilly -il pittore- è morto inciampando sul cane (mai letta trovata più squallida per concludere un romanzo), la guardia che lo fa evadere scompare nel nulla (peraltro le sue motivazioni mi restano oscure) e così vale per il giornalista che scrive un mucchio di balle su Reilly; e se pensate che la parte ambientata ai giorni nostri sia migliore...beh, no. I due protagonisti, Samantha e Keith, hanno parecchie cose che non funzionano: all'inizio vediamo Keith praticamente con un piede nella fossa, afflitto da quella che pare tubercolosi da qualunque punto di vista, malattia che scompare nel giro di due pagine. Mah. Dopo una parentesi come avversari, costoro si scoprono innamorati l'uno dell'altra e finiscono a letto insieme (punto che sfiora la comicità involontaria: mentre Keith si difende da Samantha che cerca di strangolarlo, gli viene in mente che, ehi, è una bella donna, ho sempre avuto un debole per le ragazze un po' in carne, aspetta che la spoglio! D'altra parte, come rimanere indifferenti al fascino di una donna che sta per sfondarti la carotide?).
    E poi, il gran finale!...la mostra dei quadri di Reilly.
    No, aspetta, torna indietro...tutto questo casino di quadri rubati, di Samantha in galera, di un muratore morto, di un cane impagliato solo per arrivare a una mostra?? Ma si può sapere perchè l'autore ha voluto rendere le cose così inutilmente complicate?? E mi viene presentato intricato come un film di Hitchcock, ma scherziamo??

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    Leggo sempre un pò di trama prima di acquistare un libro, ma in questo caso il titolo aveva già fatto abbastanza: mi aveva stregato. E non posso usare termine migliore dal momento che mi ci è voluta una certa fatica ed un pò di forza di volontà per riuscire a finirlo! Personalmente (come avrete g ...continua

    Leggo sempre un pò di trama prima di acquistare un libro, ma in questo caso il titolo aveva già fatto abbastanza: mi aveva stregato. E non posso usare termine migliore dal momento che mi ci è voluta una certa fatica ed un pò di forza di volontà per riuscire a finirlo! Personalmente (come avrete già capito) non mi è piaciuto affatto, nè la trama nè i personaggi ... salverei giusto il piccolo Nimrod ;)

    ha scritto il 

  • 1

    Questo romanzo è stata una cocente delusione per me. "Un grande thriller" riporta la copertina... mmm... i grandi thriller sono altri, poco ma sicuro!
    La trama mi era parsa intrigante, poi durante tutta la lettura ho aspettato che arrivasse il colpo di scena, per risollevare le sorti di un ...continua

    Questo romanzo è stata una cocente delusione per me. "Un grande thriller" riporta la copertina... mmm... i grandi thriller sono altri, poco ma sicuro!
    La trama mi era parsa intrigante, poi durante tutta la lettura ho aspettato che arrivasse il colpo di scena, per risollevare le sorti di un andamento spento e noioso.
    “Quale mistero si cela dietro quel quadro maledetto?”… appunto: quale??? Non c’è proprio nessun mistero!!!
    I personaggi sono banali, non suscitano empatia e la protagonista è odiosa ed insopportabile… in alcuni momenti ho avuto davvero la tentazione di gettare il libro fuori dalla finestra!
    Vogliamo parlare del finale? Orribile, mai letto un finale più brutto e insulso.
    Un romanzo davvero molto deludente… non mi ha lasciato nulla se non l’amaro in bocca.
    Se accettate un mio consiglio, leggete altro, questo libro non vale la pena.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Non che sia brutto ma non mi è piaciuto..trama debole... Non vedo il nesso fra i due personaggi..ok gli sono capitate cose simili e allora? Chissà alla vita di quale persona del passato assomiglia la mia...o devo pensare che c'entri la reincarnazione?
    A chi diceva che fosse avvincente io di ...continua

    Non che sia brutto ma non mi è piaciuto..trama debole... Non vedo il nesso fra i due personaggi..ok gli sono capitate cose simili e allora? Chissà alla vita di quale persona del passato assomiglia la mia...o devo pensare che c'entri la reincarnazione?
    A chi diceva che fosse avvincente io dico..a me sembrava piuttosto lento invece.

    ha scritto il