Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il pollice del panda

Riflessioni sulla storia naturale

By Stephen Jay Gould

(94)

| Paperback | 9788856500455

Like Il pollice del panda ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

14 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un libro (un po') sopravvalutato

    Stephen Jay Gould fu senz'altro un grande divulgatore e questa raccolta di articoli è un'ottima lettura, ma non il capolavoro che m'aspettavo prima di iniziare a leggerla.

    Is this helpful?

    Mr. Lunastorta said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una prosa brillante, una miniera di perle di intelligenza e, naturalmente, illuminante nel merito.

    Is this helpful?

    Peppedeninno said on Jun 25, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Qual'è il modo migliore di spiegare l'evoluzione se non attraverso i sui risultati più strani e contraddittori? Sicuramente è una lettura non facile ma ne vale decisamente la pena.

    Is this helpful?

    Nataluca said on May 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La prima parte del libro mi è piaciuta molto. E quella che riguarda più specificatamente l'evoluzione. La parte che racconta specifiche storie relative a particolari specie mi ha interessato poco.
    Molto chiara la parte dell'evoluzione, contiene anche ...(continue)

    La prima parte del libro mi è piaciuta molto. E quella che riguarda più specificatamente l'evoluzione. La parte che racconta specifiche storie relative a particolari specie mi ha interessato poco.
    Molto chiara la parte dell'evoluzione, contiene anche note sul dibattito tra Gould e Dawkins, che ha influenzato la storia delle teorie evoluzionistiche degli ultimi quarant'anni, e ancora continua (anche se Gould non c'è più). I saggi sono stati scritti nel '78 e '79 e in alcuni si vedono le rughe, ma la testimonianza intellettuale è di primissimo livello.

    Is this helpful?

    Lupo said on Feb 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello, interessante, utile, istruttivo... Ma, nonostante sia scritto in modo molto "divulgativo", molto "alla Piero Angela", a volte troppo complicato per me che sono assolutamente a digiuno della materia.
    Momentaneamente accantonato, magari lo ripre ...(continue)

    Bello, interessante, utile, istruttivo... Ma, nonostante sia scritto in modo molto "divulgativo", molto "alla Piero Angela", a volte troppo complicato per me che sono assolutamente a digiuno della materia.
    Momentaneamente accantonato, magari lo riprenderò.

    Is this helpful?

    Nevestella said on Jan 1, 2011 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Un classico che non delude

    In qualsiasi raccolta, sia essa di saggi o altro, non si può certo pretendere che ogni singolo contributo si attesti sul medesimo livello. Il pollice del panda raggiunge una media a mio parere eccellente: dei 31 saggi che lo compongono, i prim ...(continue)

    In qualsiasi raccolta, sia essa di saggi o altro, non si può certo pretendere che ogni singolo contributo si attesti sul medesimo livello. Il pollice del panda raggiunge una media a mio parere eccellente: dei 31 saggi che lo compongono, i primi 20 sono uno migliore dell’altro, tanto da farmi chiedere perché diavolo abbia aspettato così tanto a leggere questo libro, che pure avevo nel mirino da tempo.
    Anche senza averlo mai affrontato sui libri, è difficile che uno non del tutto a digiuno di teoria dell’evoluzione non conosca i termini del contributo gouldiano a quest’ultima. Ipotizzo, ad esempio, che il 90% di coloro che hanno letto questo libro sapessero perfettamente prima di leggerlo che cosa Gould volesse significare attraverso il famigerato esempio del pollice del panda. Eppure, leggerlo è tutta un’altra storia. La prosa è brillante, gli esempi calzanti, le argomentazioni convincenti: con un linguaggio accessibile a tutti, Gould tocca in questa raccolta tutti gli aspetti della sua riflessione che lo hanno giustamente reso celebre: equilibri punteggiati, critica del gradualismo, pennacchi, exaptation, anti-determinismo, anti-riduzionismo, accento sulla contingenza storica, ecc.
    Il tutto mentre sullo sfondo permane quell’idea epistemologicamente pregnante di cui Gould fu strenuo difensore, vale a dire l’idea per cui le ipotesi e le teorie scientifiche non siano mai – e non possano mai essere – il risultato di uno sguardo neutro e imparziale sulla natura, che per Gould è utopia, ma siano sempre anche il risultato dei pregiudizi culturali e delle aspettative particolari nutrite dagli scienziati – che sono pur sempre individui in carne e ossa. Va peraltro detto che questo discorso ai suoi occhi non costituisce una delegittimazione dell’impresa scientifica – e come potrebbe, essendo egli uno scienziato? – quanto piuttosto una riconsiderazione dei suoi limiti e, perché no, anche una presa di posizione su cos’è che dopotutto la rende interessante, facendone un’attività magari più imperfetta ma proprio per questo più umana.
    Dicevo che i primi 20 saggi sono quasi tutti ottimi. I temi ruotano ovviamente quasi tutti attorno alla teoria dell’evoluzione, spingendosi fino a Darwin e all’epoca vittoriana (semplicemente perfetto, a mio avviso, il confronto tra Darwin e Wallace sulla questione dell’evoluzione dell’intelligenza umana). Dei saggi successivi ho trovato invece leggermente inferiori quelli dedicati all’origine della vita, nonostante l’argomento sia in quanto tale interessante (ma va?). Spassosissimo, e sempre acuto, quando ci parla di dinosauri, raccontandoci che la vista del tirannosauro al Museum of Natural History di New York lo convinse, all’età di cinque anni, a diventare paleontologo anziché «mondezzaio»!
    Quello che in ogni caso colpisce è la disinvoltura con cui Gould passa da un argomento all’altro, riuscendo – quasi fosse un letterato anziché un paleontologo – a rendere avvincente anche ciò che a prima vista appare insignificante. Per il momento, ho letto soltanto due delle sue numerose raccolte di saggi; come bilancio provvisorio, posso dire che Il pollice del panda batte Bravo brontosauro, anche se di poco.

    Is this helpful?

    pempi said on Aug 14, 2010 | 3 feedbacks

Book Details

  • Rating:
    (94)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 311 Pages
  • ISBN-10: 8856500450
  • ISBN-13: 9788856500455
  • Publisher: Il Saggiatore (Tascabili; 101)
  • Publish date: 2009-01-01
  • Also available as: Hardcover , Others
Improve_data of this book

Groups with this in collection

Margin notes of this book