Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il popolo dell'autunno

Di

Editore: Fratelli Fabbri (La Biblioteca del Brivido, 5.1)

4.1
(875)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 239 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Chi tradizionale , Francese , Giapponese , Olandese , Polacco , Ceco , Russo

Isbn-10: A000005819 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Remo Alessi

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Altri

Genere: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il popolo dell'autunno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "...one of those books about childhood

    ... that's adults should take down once in a while ... in order to touch base with childhood's brighter perspectives and darker dreams" (Stephen King).
    Personally I think there's more to it. Bradbury' ...continua

    ... that's adults should take down once in a while ... in order to touch base with childhood's brighter perspectives and darker dreams" (Stephen King).
    Personally I think there's more to it. Bradbury's monsters are much more undefined than King's - and just for that, sometimes, scarier.

    ha scritto il 

  • 5

    Qualcosa di sinistro sta per accadere.

    Splendido romanzo d'avventure adolescenziali e non circensi come parrebbe sembrare.
    Il mondo degli adulti che invade quello dei ragazzi descritto in maniera magistrale.
    Sublime e lirico nonostante i n ...continua

    Splendido romanzo d'avventure adolescenziali e non circensi come parrebbe sembrare.
    Il mondo degli adulti che invade quello dei ragazzi descritto in maniera magistrale.
    Sublime e lirico nonostante i numerosi "distinguo" che potrebbero venirne da un'idea più smaliziata e noncurante della vita.
    Uno dei capolavori di Bradbury... "Something wicked this way comes" è splendido.
    Come splendido è l'omonimo film che nel 1983 il compianto regista Jack Clayton ne trasse... Per la splendida interpretazione di Jason Robards, Jonathan Pryce e un manipolo di bravi ragazzi. Ma la critica vede Clayton come un onesto artigiano e questo romanzo di Ray come una cosa media o normale.
    Per me il libro è un capolavoro con pagine di rara bellezza.
    E il film... Udite!, Udite!... Pure.

    Ermanno Bartoli
    web page: www.webalice.it/barlow

    ha scritto il 

  • 4

    Leggermente inferiore ai capolavori fantascientifici di Bradbury, Something wicked this way comes è diventato negli anni un classico horror a sfondo circense.

    Con i grandi titoli dell'autore condivi ...continua

    Leggermente inferiore ai capolavori fantascientifici di Bradbury, Something wicked this way comes è diventato negli anni un classico horror a sfondo circense.

    Con i grandi titoli dell'autore condivide la scrittura densa d'atmosfera e simboli. Qui in particolare si respira l'autunno e la velata malinconia che porta con sé sia come stagione meteorologica sia come periodo dell'esistenza umana, incarnato dagli adulti che popolano il romanzo, desiderosi di rifuggire l'inverno della vita e la morte.

    I due giovani protagonisti, Jim e Will, sono invece espressione della gioventù in un formidabile ritratto dell'ultima estate prima della gravosa consapevolezza dell'adulto, coronato da una splendida amicizia che cresce e si trasforma. E il circo? Il circo è gestito dal popolo dell'autunno, indifferente al mutare di stagione della condizione umana e desideroso di cibarsi delle sue sofferenze, donando un'immortalità fonte di sola dannazione.

    Un libro intenso, evocativo e musicale quanto il suo titolo originale, adatto anche al pubblico più giovane ma scritto con la piena consapevolezza e maestria di una penna adulta.

    Finalmente l'ho letto in lingua originale e devo dire che non si tratta di una lettura proibitiva per chi abbia già una certa dimestichezza con l'inglese. Il mio consiglio è di cercare di leggerlo in originale, perché i libri di Bradbury perdono davvero molta atmosfera e carica emotiva nel processo di traduzione.

    ha scritto il 

  • 4

    Jóvenes y viejos

    Pensaba que al ser de Bradbury y por la sinopsis, esta novela era de ciencia ficción pero no, es de fantástico/terror. La historia es la típica de sucesos extraños y chavales en peligro, acosados por ...continua

    Pensaba que al ser de Bradbury y por la sinopsis, esta novela era de ciencia ficción pero no, es de fantástico/terror. La historia es la típica de sucesos extraños y chavales en peligro, acosados por gente muy malvada, pero si a eso le añadimos la maravillosa prosa, repleta de poesía y cargada de profundidad, habitual en Ray Bradbury, la experiencia se convierte en toda una gozada. Si hablamos de escritores de género, Bradbury debe de ser el que mejor y mas bonito escribe. Si existe alguien que lo supere, yo no lo conozco.

    ha scritto il 

  • 3

    Il sogno di qualcun'altro

    Sarà che in questo momento della mia vita fatico ad apprezzare le opere di fantasia o che il mio rapporto con Ray Bradbury è sempre stato difficile, ma dalla prima all'ultima pagina ho letto questo ro ...continua

    Sarà che in questo momento della mia vita fatico ad apprezzare le opere di fantasia o che il mio rapporto con Ray Bradbury è sempre stato difficile, ma dalla prima all'ultima pagina ho letto questo romanzo con un distacco quasi totale.

    ha scritto il 

  • 0

    Abbandonato a metà.
    Ho portato pazienza, sperando che accadesse qualcosa, ma più che una giostra che fa inveccchiare o ringiovanire a seconda del senso in cui gira e un gruppo di loschi individui che ...continua

    Abbandonato a metà.
    Ho portato pazienza, sperando che accadesse qualcosa, ma più che una giostra che fa inveccchiare o ringiovanire a seconda del senso in cui gira e un gruppo di loschi individui che però non si capisce cosa abbiano in mente, non ci ho visto nulla di bello.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto bello, positivo e importante il messaggio di questo libro. Il finale non è così scontato, o per lo meno io fino alla fine ho avuto qualche dubbio!
    Interessante l’ambientazione: un luna park part ...continua

    Molto bello, positivo e importante il messaggio di questo libro. Il finale non è così scontato, o per lo meno io fino alla fine ho avuto qualche dubbio!
    Interessante l’ambientazione: un luna park particolare, con giostre strane e un po’ inquietanti, così come le attrazioni “umane”(il Nano, la Strega della Polvere, il Mangialava… e i due proprietari soci Cooger & Dark… Il luna park, nel suo peregrinare, giunge nella cittadina di due ragazzi diversi tra loro, ma uniti da una forte amicizia.
    Il linguaggio non è “concreto”, reale, e nelle prime pagine ho un po’ faticato. Poi ho capito che non dovevo soffermarmi sul significato della singola parola, della singola frase…ma lasciarmi andare, e leggere quasi come se fosse una poesia, prendendo il senso generale, le sensazioni che le parole mi lasciavano. E così è stato molto più semplice, e più piacevole.

    ha scritto il 

  • 4

    POETICO E SPAVENTOSO

    Bradbury ha la tendenza ad usare uno stile ricercato e poetico, in particolare in questo romanzo e soprattutto nella prima parte, forse per meglio favorire la sospensione di incredulità del lettore. L ...continua

    Bradbury ha la tendenza ad usare uno stile ricercato e poetico, in particolare in questo romanzo e soprattutto nella prima parte, forse per meglio favorire la sospensione di incredulità del lettore. Lo stile mi ha affaticato, ma diventa più asciutto nelle parti più di azione e di orrore del romanzo, uno dei più spaventosi che ho letto. Come sarebbe stata questa storia scritta da Gaiman o Matheson? Non la sapremo mai. 3,5 stelle, mezza in meno per la "pesantezza poetica".

    ha scritto il 

Ordina per