Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il porto degli spiriti

By John Ajvide Lindqvist

(77)

| eBook | 9788831732888

Like Il porto degli spiriti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In una giornata d’inverno tersa e luminosa, dall’alto del faro di Gåvasten, Anders ammira con la figlia Maja la distesa di mare ai loro piedi. Tutt’intorno solo ghiaccio e biancore abbagliante. Non c’è nulla, se non nuvole di neve sollevate dal vento Continue

In una giornata d’inverno tersa e luminosa, dall’alto del faro di Gåvasten, Anders ammira con la figlia Maja la distesa di mare ai loro piedi. Tutt’intorno solo ghiaccio e biancore abbagliante. Non c’è nulla, se non nuvole di neve sollevate dal vento. Attirata da qualcosa che nessun altro è in grado di distinguere, la bambina corre fuori, e l’incubo comincia. Maja sparisce: non ci sono impronte, niente indizi, niente per chilometri intorno che possa offrire un nascondiglio. È impossibile, ma è accaduto. Qualche anno dopo, di ritorno a Domarö, l’isola dove tutto ha avuto inizio, Anders riceve strani messaggi. Mentre intorno a lui accadono fatti inspiegabili, le case prendono fuoco e un misterioso motorino vaga nei boschi la notte, Anders non si arrende: l’instancabile ricerca della figlia lo porterà a esplorare il passato segreto dell’isola, ad attraversare l’abisso, fino a raggiungere il cuore misterioso del mare. Tra i più interessanti e originali autori svedesi contemporanei (così la critica), Lindqvist mantiene un equilibrio perfetto tra fantastico e reale. Nel suo racconto, la magia e l’orrore si mescolano abilmente a umorismo, tenerezza e personaggi assolutamente autentici: di fronte all’impossibile che irrompe nella loro quotidianità, scatenando paura fragilità violenza, è proprio nel confronto con ciò che proviene dall’Altra Parte che emerge la più intensa e straziante umanità. Il porto degli spiriti è un romanzo duro e inquietante, ma è anche una storia commovente e appassionante sull’amore infinito per un bambino, un’ode a quanto di più viscerale fa di noi degli esseri umani.

120 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Alti e bassi

    Il mio primo approccio con Lindqvist è stato un susseguirsi di alti e bassi , fra spunti interessanti ed altri un po campati per aria.
    Parto dicendo che , per una volta , l'illustre paragone con King ha delle fondamenta solide , visto che lo scrittor ...(continue)

    Il mio primo approccio con Lindqvist è stato un susseguirsi di alti e bassi , fra spunti interessanti ed altri un po campati per aria.
    Parto dicendo che , per una volta , l'illustre paragone con King ha delle fondamenta solide , visto che lo scrittore svedese in più punti ricorda l'autore americano. Dunque ,se pur vagamente , in alcuni aspetti i due scrittori si somigliano e credo che il primo un po si sia ispirato al RE.
    Detto questo "Il porto degli spiriti" è in fin dei conti un buon romanzo , ampiamente sufficiente. In primis mi hanno colpito le iniziali 300 pagine che ho letteralmente divorato , colme di fascino e mistero. Apprezzabile anche la caratterizzazione dei personaggi , tridimensionali e ben delineati. Discreta (ma poteva fare di più) l'atmosfera fredda e cupa che si respira durante la storia , elemento che ben si intreccia con il tipo di vicenda in questione.
    Inoltre Lindqvist si dimostra un autore con delle idee ,e parecchi dei suoi spunti mi hanno colpito in positivo e denotano una chiara conoscenza del genere.
    Infine fra i pregi mi sembra doveroso inserire uno stile di scrittura fluido e scorrevole ma non sciatto.

    Passando ai difetti , ho trovato che lo svedese abbia in molteplici occasioni allungato eccessivamente il brodo, spezzando troppo spesso la narrazione con l'inserimento di pagine che potevano essere potate senza problemi.
    Il maggior problema de "Il porto degli spiriti" rimane però la paura di spingersi oltre dello scrittore , il non osare come potrebbe. Infatti dopo le prime pagine la storia prende delle pieghe che non mi sono piaciute , il tutto diventa confusionario e si abbandona troppo il mistero e l'horror sottile della prima metà per sfociare nel dramma e nel fantasy in modo troppo calcato. Lindqvist avrebbe potuto pigiare il piede sull'acceleratore , ed invece riduce il tutto ad un dramma fantastico che non è ne carne e ne pesce. Sul finale il romanziere scandinavo potrebbe anche risollevarsi decisamente , visti i presupposti per una conclusione molto lovecraftiana, ma il nostro pecca per l'ennesima volta in coraggio e il tutto si chiude nel modo più scontato e frettoloso possibile.

    Dunque il mio primo libro di questo scrittore mi ha soddisfatto a metà , tuttavia ho intenzione di recuperare altro di suo perché innegabilmente "Il porto degli spiriti" ,fra luci ed ombre , è un buon volume realizzato da un amante del genere dotato di buone qualità.

    Is this helpful?

    Polarpenter said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Noia, noia e anora noia. Per me Lindqvist è quello de "L'estate dei Morti viventi" e "Lasciami entrare", dove mi ha stupita e rapita. Per il resto, ho trovato i suoi romanzi prolissi e lenti. Va bene indugiare sull'aspetto psicologico dei personaggi, ...(continue)

    Noia, noia e anora noia. Per me Lindqvist è quello de "L'estate dei Morti viventi" e "Lasciami entrare", dove mi ha stupita e rapita. Per il resto, ho trovato i suoi romanzi prolissi e lenti. Va bene indugiare sull'aspetto psicologico dei personaggi, ma un romanzo non si regge solo su questo. Va bene giocare sul "dico, ma non dico" per far viaggiare la fanasia del lettore, ma qui si esagera.

    Is this helpful?

    Contessa said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Alla faccia dei giallisti nordeuropei, che non mi piacevano.

    D'accordo, questo non è esattamente un giallo, nel racconto rientrano elementi noir e anche tratti tipici delle ghost stories, comunque pensavo di aver chiuso il capitolo autori danesi/sve ...(continue)

    Alla faccia dei giallisti nordeuropei, che non mi piacevano.

    D'accordo, questo non è esattamente un giallo, nel racconto rientrano elementi noir e anche tratti tipici delle ghost stories, comunque pensavo di aver chiuso il capitolo autori danesi/svedesi & co. E invece mi sbagliavo.

    Questo bel mattoncino (solo nel numero di pagine!) scorre via che è un piacere. L'autore è John Lindqvist, famoso per il precedente Lasciami entrare, ma io non avevo ancora letto niente di suo, errore al quale rimedierò presto. La trama? Ve la posso anche copiare e incollare, e lo farò subito dopo avervi detto di COSA parla veramente questo libro, in un estremo sunto: parla dell'amore di un padre verso la propria figlia. Incondizionato, nonostante di condizioni ce ne siano parecchie.(leggi la recensione completa http://bookalibre.blogspot.it/2014/06/il-porto-degli-sp…

    Is this helpful?

    Gaia said on Jun 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ero incinta ed ho partorito durante la lettura di questo libro....il vero parto è stato portarne a termine la lettura...
    L'inizio non è male, poi tutto si fa confuso con inutili digressioni che rallentano la trama fino ad un finale insipido...

    Is this helpful?

    R Sartorius said on Feb 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello. Ma quasi anche di più. Gli manca tanto così.
    Non per il finale, che ci sta tutto e sfiora la perfezione, né per i personaggi, che sono raccontati con maestria.
    Qualcosa nella narrazione non funziona al punto da fargli meritare 5 stelle.
    Rimane ...(continue)

    Bello. Ma quasi anche di più. Gli manca tanto così.
    Non per il finale, che ci sta tutto e sfiora la perfezione, né per i personaggi, che sono raccontati con maestria.
    Qualcosa nella narrazione non funziona al punto da fargli meritare 5 stelle.
    Rimane uno splendido horror di atmosfera con dei personaggi che sono persone reali che si comportano come persone reali in circostanze a dir poco insolite.
    Uno dei rari horror che merita una rilettura.

    Is this helpful?

    Xander Lavelle said on Feb 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Protagonista assoluto di questo romanzo di Lindqvist è il mare, elemento ricco di fascino capace di dare nutrimento e ricchezza ma che in cambio pretende il proprio tributo in termini di sottomissione e vite umane; è una madre che con la sua acqua d ...(continue)

    Protagonista assoluto di questo romanzo di Lindqvist è il mare, elemento ricco di fascino capace di dare nutrimento e ricchezza ma che in cambio pretende il proprio tributo in termini di sottomissione e vite umane; è una madre che con la sua acqua da’ la vita ma, proprio come una madre, può diventare mortifera e scagliare sui figli tutta la sua rabbia e delusione.

    I personaggi del romanzo sono solo dei comprimari che cercano di vivere le loro vite difendendosi come meglio possono (ma senza grandi successi) dai capricci del Mare, che li nutre con pesche abbondanti, ma non tollera tradimenti; certamente mal sopporta gli stranieri che invadono le piccole isole, soprattutto in estate, portando scompiglio e appropriandosi dei terreni edificabili ceduti dalla comunità locale nella speranza di affrancarsi dalla dipendenza dal mare. Chi conosce già Lindqvist non si aspetterà alcun luogo comune e chi lo legge per la prima volta potrà apprezzare l’originalità di questo autore.

    Continua su:
    http://www.lastambergadeilettori.com/2014/01/speciale-h…

    Is this helpful?

    La Stamberga dei Lettori said on Jan 15, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection