Il potere del cane

Di

Editore: Einaudi (Stile Libero Big)

4.4
(2440)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 714 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco

Isbn-10: 8806198912 | Isbn-13: 9788806198916 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Costigliola

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il potere del cane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Art Keller è un poliziotto ambizioso, con una mentalità da crociato, deciso a combattere in prima fila la guerra che gli Stati Uniti hanno lanciato contro il traffico internazionale di droga. Miguel Angel Barrera è il boss della Federación, il cartello che riunisce tutti i narcos messicani, e i suoi nipoti, Adàn e Raùl, smaniano all'idea di ereditarne l'impero. Nora Hayden, dopo un'adolescenza complicata, è diventata una prostituta d'alto bordo, sempre in bilico tra il cinismo più spinto e un insolito senso morale. Padre Parada è un sacerdote nato e cresciuto in mezzo al popolo, potente quanto incorruttibile. Sean Callan è un ragazzo irlandese di Hell's Kitchen che si è trasformato quasi per caso in un killer spietato, al soldo della mafia. Sono tutti, in modo diverso, coinvolti nel mondo feroce del narcotraffico messicano: una guerra senza esclusione di colpi, che coinvolge sicari senza scrupoli e politicanti corrotti, i servizi segreti americani e la mafia, tra inganni, tradimenti, vendette spietate. Una guerra dove non esiste innocenza possibile, e dove è sempre in agguato, pronto a esplodere, il male assoluto: quella demoniaca crudeltà di uomini e cose cui una millenaria tradizione ha saputo dare un solo nome, evocativo quanto misterioso. Il potere del cane.
Ordina per
  • 3

    Guerra al Potere?

    Il Potere — di qualunque tipo e con le dovute eccezioni — irretisce, ubriaca, trasforma.
    Se lo lasciate entrare nella vostra vita senza averne consapevolezza ci mette poco a portarvela via, cominciand ...continua

    Il Potere — di qualunque tipo e con le dovute eccezioni — irretisce, ubriaca, trasforma.
    Se lo lasciate entrare nella vostra vita senza averne consapevolezza ci mette poco a portarvela via, cominciando così il suo lavorìo per farvi sentire invincibili.
    Così come invincibili si sentono quasi tutti i protagonisti de Il Potere del cane: narcotrafficanti, cartelli, Chiesa, agenti della DEA, poliziotti, politici, tutti irrimediabilmente legati per il *bene* dell'economia di un paese, Il Messico.
    Una battaglia governarlo.

    Nonostante il romanzo riesca a mantenere la presa durante tutta la lettura, la cui azione si riversa prepotentemente tra le fila dei giochi di Potere, che poi giochi non sono, ma vere e proprie guerre sanguinose cariche di violenza, ha nelle trame e sottotrame che lo compongono quel piglio da bestseller cattura lettore che io mal digerisco.
    Se a questo aspetto aggiungo anche i personaggi, che da un lato risultano ben delineati ma dall'altro così carichi di cliché, tutti, rendendoli solo figure in mano ad uno scrittore, ecco spiegato il mio voto.

    Sono certo piacerà a molti, comunque, perché intrattiene bene con i suoi saliscendi emotivi.

    Voto: 3 ½

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Il potere del cane

    A volte si rimane davvero sorpresi.
    Si prende in mano un romanzo, pensando di avere a che fare con il solito e rassicurante thriller da leggere sotto l’ombrellone, ed invece ci si ritrova immersi di p ...continua

    A volte si rimane davvero sorpresi.
    Si prende in mano un romanzo, pensando di avere a che fare con il solito e rassicurante thriller da leggere sotto l’ombrellone, ed invece ci si ritrova immersi di punto in bianco in una storia che trascende gli stilemi della letteratura di genere, arrivando a toccare concetti di valenza universale quali l’onore, l’ambizione, la vendetta, la passione, il sacrificio.
    È il caso di “Il mistero del cane” di Don Winslow che, nell’arco delle 714 pagine del racconto, arriva a rappresentare in maniera precisa e documentata un conflitto sanguinoso ed epocale come quello della lotta al narcotraffico.
    La vicenda, che abbraccia l’arco di un ventennio (comincia nel 1984 e si chiude nel 2004), è incentrata principalmente sul confronto senza esclusione di colpi tra Art Keller, poliziotto tenace ed ambizioso, e la famiglia Barrera, che regge il traffico degli stupefacenti tra Messico e Stati Uniti. Ma ci sono altri personaggi indimenticabili che si inseriscono a poco a poco nella storia, dando lustro al romanzo: il sicario di origine irlandese Sean Callan, l’inquieta prostituta Nora Hayden, l’incorruttibile sacerdote Padre Parada.
    Da tutto ciò scaturisce un romanzo spietato: crudo, coinvolgente, appassionante. Winslow tratteggia magistralmente i personaggi, riuscendo a tirare fuori il meglio ed il peggio da ognuno di loro. In un frenetico alternarsi di accadimenti e di situazioni, abilmente intersecate fra loro, l’autore riesce miracolosamente a costruire una storia trascinante ed avvincente, senza mai perdere il filo logico. La narrazione è scorrevole: non perde un colpo nell’alternarsi di situazioni e personaggi, facendo affidamento su un ritmo brillante che evita pericolose cadute di tensione.
    Ma non si tratta esclusivamente di un noir epico e magniloquente, carico di adrenalina e sostenuto da dialoghi perfetti e personaggi indimenticabili: il lettore si trova ben presto alle prese con una vicenda cruda quanto dolorosa, che affonda le proprie radici nella strettissima e pertinente attualità. “Il potere del cane” è certamente un thriller grandioso e potente, ma è allo stesso tempo un eccellente resoconto su politica, società, relazioni internazionali e, più di un accurato documentario, arriva a spiegare ai lettori i meccanismi torbidi e perversi che stanno alla base della guerra contro i narcotrafficanti.
    Le vicende di fantasia si innestano armoniosamente su fatti reali quali, ad esempio, le operazioni dei servizi segreti statunitensi, di cui Winslow riesce a far emergere il lato più fosco.
    Dalle strade della Grande Mela fino alla grande metropoli di Città del Messico, dalla “porta” di Tijuana alla giungla del Centro America, si rimane sedotti, quasi incantati da questa sporca guerra al narcotraffico. Nell’assurda commistione degli interessi particolari con quelli generali e nell’inconcepibile orgia tra traffico di droga, potenza del denaro e ambiguità della politica, Winslow ha saputo mostrare ai suoi lettori il vero e proprio “cuore di tenebra” (parafrasando Conrad) di un’America che ha ormai perduto le residue tracce di innocenza.
    “Il potere del cane” diventa così un inebriante romanzo sul narcotraffico, terrificante e allo stesso dolente, dotato di un'intensità che non concede un al lettore un solo attimo di respiro: un ritratto perfetto del male e della follia umana che ne fa da corollario.
    Un cenno particolare merita la descrizione del terremoto di Città del Messico del 19 settembre 1985: la ricostruzione degli eventi, precisa e ricca di pathos, ci trasporta immediatamente al centro della vicenda, tra polvere e sangue, calcinacci e rovine.
    Winslow, con questo romanzo, riesce ad elevarsi prepotentemente sulla massa degli scrittori di genere e merita di essere accreditato dell’appellativo di Scrittore (la S maiuscola non è casuale)

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo thriller, illuminante testimonianza (seppure in finzione) delle nefandezze del traffico di droga tra Messico e Stati Uniti, con puntatine in Colombia. E delle quasi altrettanto atroci nefandezz ...continua

    Ottimo thriller, illuminante testimonianza (seppure in finzione) delle nefandezze del traffico di droga tra Messico e Stati Uniti, con puntatine in Colombia. E delle quasi altrettanto atroci nefandezze della guerra a quel traffico. I personaggi sono realistici e vivi, l'azione non rallenta mai, e nonostante le 700 pagine alla fine viene voglia di iniziare il seguito ("Il cartello"). Il che depone sicuramente a favore. Bel libro.

    ha scritto il 

  • 5

    da brividi

    è un romanzo forte... per stomaci forti... la violenza raccontata è ancora più terribile se si considera che la realtà non si discosta dalla finzione..

    ha scritto il 

  • 4

    Se la realta supera la fantasia non voglio sapere niente dei traffici tra Messico e USA. La cosa che mi ha sconvolto è che vogliono costriure un muro per le persone che entrano illegalmente in America ...continua

    Se la realta supera la fantasia non voglio sapere niente dei traffici tra Messico e USA. La cosa che mi ha sconvolto è che vogliono costriure un muro per le persone che entrano illegalmente in America e intanto passano tonnellate di droga? Armi? Non ci voglio pensare, voglio credere che 700 pagine di narcotraffico siano tutte inventate. Che i buoni trionfano senza macchia e che la situazione in America del sud non è così devastante. È un modo per non sentrmi colpevoli verso i poveri di ogni sud del mondo....io volevo leggere un buon giallo. È un ottimo racconto giallo e i personaggi sono descritti in modo mirabile ma alla fine? Un amaro in bocca e allo stomaco. Il nostro eroe lotta tutta la vita contro il traffico di droga e poi?

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per