Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il potere della Kabbalah

Una tecnologia per l'anima

Di

Editore: TEA (TEA Pratica)

3.8
(147)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 298 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850208669 | Isbn-13: 9788850208661 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Daria Restani , Ma Anand Tea Pecunia

Genere: Religion & Spirituality

Ti piace Il potere della Kabbalah?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nessun abracadabra. Le idee in questo libro non hanno nulla a che fare con i dogmi religiosi. Scuotono il mondo intero , eppure son così semplici. (Madonna)
Il potere della Kabbalah mostra come rilevare la bellezza del vostro spirito e partire per un viaggio di trasformazione e di conoscenza di sè.
(Deepak Chopra)
Questo libro offre un messaggio semplice ma potente e profondo ,sia per il principiante,sia per il lettore più esperto (John Gray)
La riscoperta della Kabbalah è il movimento spirituale che ha avuto la maggiore crescita nella storia. ( Entertainment Weekly)
Ordina per
  • 4

    interessante

    un libro per molti aspetti interessante, personalmente ero curioso di apprendere, la lettura ha soddisfatto molto la mia curiosità, portandomi ad inoltrarmi in altri libri in merito!!

    ha scritto il 

  • 2

    che fatica !!!!!
    mi sono imposta di finirlo ma quelle poche cose che pensavo di voler ritenere sono sempre state sovrastate da un continum irritante di autocelebrazione e incensamento. Lasciamo perdere il fatto che in molti punti manca di approfondimento e di sviluppo dei concentti. Si doveva pro ...continua

    che fatica !!!!! mi sono imposta di finirlo ma quelle poche cose che pensavo di voler ritenere sono sempre state sovrastate da un continum irritante di autocelebrazione e incensamento. Lasciamo perdere il fatto che in molti punti manca di approfondimento e di sviluppo dei concentti. Si doveva prorio ogni 5 righe ribadire che la kabbalah è l'orgine di tutte le culture, di tutte le saggezze di tutto il sapere? è necessario? è vero? non mi piace questo modo di esporre le cose, mi sembra un tifo da stadio che non apporta nulla

    ha scritto il 

  • 3

    Spunti motivazionali.

    Se dovessi dire che il libro vale da un punto di vista letterario mentirei. Berg sa dare buoni spunti e una scanzonata, ottima, motivazione. Questo è il punto di forza del libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Bah, mi sembra l'ennesima americanata. Magari il concetto principale é anche profondo, ma sembra una trovata commerciale e così perde il suo valore spirituale. Per me non ha alcun fascino, ma in un un percorso spirituale può essere uno dei tanti imput per cercare poi altro.

    ha scritto il 

  • 0

    Spiritualità holliwoodiana

    Occhio, non fatevi fuorviare dal titolo, perchè questo non è un texto sulla mistica ebraica, ma un potpourri New Age. Un paio di anni fa chiesi ad un eminente professore di religione comparata dell'università ebrea di Gerusalemme che cosa ne pensava di Yehuda Berg, il suo centro e i suoi ...continua

    Occhio, non fatevi fuorviare dal titolo, perchè questo non è un texto sulla mistica ebraica, ma un potpourri New Age. Un paio di anni fa chiesi ad un eminente professore di religione comparata dell'università ebrea di Gerusalemme che cosa ne pensava di Yehuda Berg, il suo centro e i suoi libri, e mi rispose che non lo conosceva, che non l'aveva mai sentito nominare. E se poi Madonna è una dei suoi proseliti, che ci si potrà mai aspettare da questo presunto Rav?

    ha scritto il 

  • 5

    Autocontrollo

    Sono sempre stata una gran frignona! E' qualcosa che ho sempre creduto facesse parte di me, indissolubilmente. In ogni occasione in cui mi veniva da piangere, anche in pubblico, non sono mai riuscita a trattenere una sola lacrima.
    Cosa c'entra con il libro? Semplice: da quando l'ho letto non pian ...continua

    Sono sempre stata una gran frignona! E' qualcosa che ho sempre creduto facesse parte di me, indissolubilmente. In ogni occasione in cui mi veniva da piangere, anche in pubblico, non sono mai riuscita a trattenere una sola lacrima. Cosa c'entra con il libro? Semplice: da quando l'ho letto non piango più. O meglio. Piango raramente, solo se è indispensabile, per le cose importanti. Ha fatto chiarezza nella mia mente. Ha fatto sì che io non fossi più in balia dei miei sentimenti negativi. Semplicemente straordinario. Indispensabile.

    ha scritto il 

  • 4

    quattro stelle perchè la materia è conoscenza dunque merita, resta il fatto che mi pare ci sia sempre sotto quella sorta di 'occidentalizzazione' su un qualcosa di sacro...mah.

    ha scritto il