Ha scritto il 14/11/09
Il prato e il pozzo - recensione da Zero91
di Salvatore Ferlita - critico letterario - www.zero91magazine.it

Proprio perché le parole si inanellano in un circuito poetico questi racconti si devono gustare
ad alta voce. Nella prefazione Francesco Gambaro parla di coincidentia opposi

Proprio perché le parole si inanellano in un circuito poetico questi racconti si devono gustare
ad alta voce. Nella prefazione Francesco Gambaro parla di coincidentia oppositorum, cogliendo in questa dualità una delle cifre di questa raccolta: quando l’autrice parla della vita non trascura mai la sua negazione o presunta tale, che è la morte; se parla dell’amore c’è sempre l’odio minaccioso o che trionfa o che potrebbe trionfare e invece poil’amore fa scattare un meccanismo per cui gli ingranaggi quasi impazziscono e inaspettatamente la storia prende una abbrivio diverso. Quando poi è della guerra in Jugoslavia che si racconta, il lettore rivede quei luoghi attraverso il filtro dello sguardo dell’autrice, riconducendoci così al magma dell’esistenza, elemento fondamentale in letteratura. E per
lo scrittore Alberto Moravia il racconto funziona solo se in esso c’è qualcosa che ci rimanda alla vita
vera, cioè le passioni, i dolori, l’amore. Infine penso che l’autrice abbia colto nel segno nella declinazione di questo mistero d’amore, e questi racconti, una sorta di diario dell’anima, potrebbero essere ben catalogati sotto l’emblema della fenomenologia dell’amore. ...Continua


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi