Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il prete bello

Di

Editore: Garzanti

3.9
(596)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 300 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Data di pubblicazione:  | Edizione 11

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Teens

Ti piace Il prete bello?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Uno degli esempi più preziosi, forse dimenticato, della letteratura italiana contemporanea.
    La prosa di Parise, raffinata e scorrevole, commuove e diverte con la sublime maestria della grande scrittur ...continua

    Uno degli esempi più preziosi, forse dimenticato, della letteratura italiana contemporanea.
    La prosa di Parise, raffinata e scorrevole, commuove e diverte con la sublime maestria della grande scrittura. L'abilità narrativa dell'autore racconta, con la delicatezza di una piuma, la miseria estrema e la folgorante poesia della quotidianità dei protagonisti.
    Le storie dei personaggi, tra episodi di esilarante ironia e di epiloghi commoventi, si snodano con la scorrevolezza di un filo di perle, fino a perdersi nella memoria di un passato ormai dimenticato ma che andrebbe riscoperto, ripreso e capito.

    ha scritto il 

  • 4

    In una corte dei miracoli, negli anni Trenta di una città veneta, un prete bello e virilmente fascista fa strage di cuori azzitellati. Riuscirà una delle vicine a impalmarselo? Forse sì, ma non quella ...continua

    In una corte dei miracoli, negli anni Trenta di una città veneta, un prete bello e virilmente fascista fa strage di cuori azzitellati. Riuscirà una delle vicine a impalmarselo? Forse sì, ma non quella che tutte vorrebbero.
    Un bel romanzo, in cui il protagonista (un ragazzino misero che vive nella palazzina ove si svolge la commedia) rende vivido il racconto con lo sguardo della fame. Vitalistico, neorealista ma senza tragedia, scompiglia ovvietà e rigori. Ben scritto, scorre e rallegra. Consigliabile a chi ha letto il Romain Gary de "La vita davanti a sé".

    ha scritto il 

  • 5

    Eccezionale, elegante, uno dei più bei Parise lo si ritrova proprio in questo romanzo. Il racconto è vivo, sentimentale: uno spaccato di un tempo ormai andato, una storia di sentimenti. Non ho mai let ...continua

    Eccezionale, elegante, uno dei più bei Parise lo si ritrova proprio in questo romanzo. Il racconto è vivo, sentimentale: uno spaccato di un tempo ormai andato, una storia di sentimenti. Non ho mai letto come in Parise, così qui come ancor meglio in 'Sillabari', un setaccio delle emozioni così preciso.
    Assolutamente da leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Vicenza 1940. In un vecchio caseggiato della città vive Sergio, affidato alle cure della madre e del nonno che, nonostante un cancro lo stia divorando lentamente, continua ostinatamente a dedicarsi al ...continua

    Vicenza 1940. In un vecchio caseggiato della città vive Sergio, affidato alle cure della madre e del nonno che, nonostante un cancro lo stia divorando lentamente, continua ostinatamente a dedicarsi alla sua attività di custodia di biciclette in un vecchio garage un tempo destinato alle carrozze dei padroni del palazzo. Sergio diventa presto oggetto delle attenzioni di Don Gastone, il prete del quartiere: “molto alto, giovane e bello: dicevano che fosse avvocato e che avesse biancheria tutta di lino e calze di organzino di seta”. Grazie all'interessamento di Don Gastone, Sergio ottiene di partecipare ad una festa di beneficenza dove avrà l'onore di recitare alcune poesie... - See more at: http://www.mangialibri.com/libri/il-prete-bello#sthash.koovNOTp.dpuf

    ha scritto il 

  • 2

    Narrativa all'italiana.
    Più decadenza che denuncia.
    Molte nebbie e poco sole, e la troppa decadenza che finisce con lo svilire la denuncia.
    Letto da ragazzo non mi entusiasmò.
    Forse dovrei rileggerlo, ...continua

    Narrativa all'italiana.
    Più decadenza che denuncia.
    Molte nebbie e poco sole, e la troppa decadenza che finisce con lo svilire la denuncia.
    Letto da ragazzo non mi entusiasmò.
    Forse dovrei rileggerlo, ma l'idea non mi entusiasma ancora.
    Non mi entusiasma e mi ripeto... così come è ripetitiva, nella sua decadenza untuosa, assai spesso la narrazione in Italia. Spiace che Parise non vi sfugga. E' come se noi italiani non sapessimo decollare. E infatti... Così è e mi pare.
    Un tempo fu acclamato quale romanzo prodigio. Non così per me.
    Due stelle perché Parise sa scrivere. E molto bene, ma non basta.

    ha scritto il 

  • 5

    Un lungo racconto scritto in modo magistrale, secondo le buone regole della composizione e con un linguaggio agile, piacevole, elegante.

    La figura del prete bello è un pretesto narrativo che resta sul ...continua

    Un lungo racconto scritto in modo magistrale, secondo le buone regole della composizione e con un linguaggio agile, piacevole, elegante.

    La figura del prete bello è un pretesto narrativo che resta sullo sfondo del teatrino di provincia, animato da personaggi molto ben disegnati, con i tratti un pò forti propri dei ricordi di adolescente.

    ha scritto il 

  • 1

    Sarà che non ho capito cosa ci volesse dire. L'ho trovato irritante e inverosimile: tutte queste beghine invaghite di un prete? E due bambini che fanno da "ruffiani" con dovizia di particolari??? I pe ...continua

    Sarà che non ho capito cosa ci volesse dire. L'ho trovato irritante e inverosimile: tutte queste beghine invaghite di un prete? E due bambini che fanno da "ruffiani" con dovizia di particolari??? I personaggi che si incontrano, tutti, mi sono risultati antipatici, sgradevoli, e il "raggio di sole" che irrompe ad un certo punto non è riuscito a rischiarare proprio niente, per me, anzi. La fine, le ultime righe, sono le uniche che salvo. Due o tre righe.

    ha scritto il 

  • 5

    Un affresco di umane meschinità e insieme una grande storia di amicizia. Personaggi memorabili, dal primo all'ultimo. E in più il racconto dell'Italia fascista degli anni '40. Pubblicato nel 1954, dec ...continua

    Un affresco di umane meschinità e insieme una grande storia di amicizia. Personaggi memorabili, dal primo all'ultimo. E in più il racconto dell'Italia fascista degli anni '40. Pubblicato nel 1954, decisamente uno dei capisaldi della nostra letteratura.

    ha scritto il 

Ordina per