Il prete bello

Voto medio di 663
| 105 contributi totali di cui 89 recensioni , 15 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Ha scritto il 05/05/17
Tanti anni fa Goffredo Parise
preti e fascisti parecchio derise,
ma oggi il racconto mi par sì grottesco
che soltanto in parte a goderne riesco.
  • 11 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 10/01/17
Recensire un classico non è mai facile si rischia di dire banalità e cose già dette, io comunque ci provo. La voce narrante di questo breve romanzo è Sergio, un ragazzino di 11 anni che già conosce stenti e privazioni anche se, per fortuna, non ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 27/12/16
Non mi è piaciuto molto, pensavo di meglio, sia leggendo la critica sia partendo dai primi capitoli. Quell'aria di disfattismo finale mi ha lasciato l'amaro in bocca. Proprio la conclusione fa perdere mordente a un'idea che poteva anche essere ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 09/12/16
...diventare ricchi fino a poter mangiare due volte al giorno
Una perla rara questo racconto. Un autore dimenticato che mi ha conquistato. Uno spaccato di vita veneta che avevo solo sentito accennare dai miei genitori. La povertà in campagna è come quella di città. Solo che in campagna esisteva il baratto e ..." Continua...
  • 7 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 27/11/16
Sergio, Cèna, don Gastone e le signorine
Zoccoli anche d'inverno. Fame e vita d'espedienti. Ragazzini di strada selvaggi e dolci, spinti dalla sopravvivenza più all'illecito che al lecito per mettere assieme il pranzo con la cena, la loro idea di mondo e il miglior modo possibile in cui ..." Continua...
  • 4 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Feb 27, 2013, 13:30
Cominciavo a capire che in qualunque parte si andasse, qualunque mestiere si facesse, dovunque c'era il sopruso, la frode, la legge del più forte. E questo non perché il nostro ambiente fosse un ambiente di ladri o di gente affamata, semmai ... Continua...
Pag. 227
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 27, 2013, 13:23
Che bella bicicletta, la Bianchi! sottile ed esile; a noi sembrava di volare, di scivolare sui rami scheletriti degli alberi, sulla nebbia, sui tetti della città.
Pag. 141
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 27, 2013, 13:21
Fu il nonno a scegliere la bicicletta: rossa, poiché la si voleva rossa e della grandezza da uomo, non da bambino. Se ne fece mostrare cinque prima di trovare quella che gli andava bene, ma alla fine, quest'ultima, la esaminò, la palpò come si ... Continua...
Pag. 139
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 27, 2013, 13:17
Don Gastone aveva indossato la veste dopo la laurea, e prima non si sapeva cosa mai avesse fatto, chi avesse frequentato, se era andato a ballare o aveva avuto una fidanzata. Ma dopo dieci anni di spola da una chiesa alla sacrestia di un'altra, un ... Continua...
Pag. 91
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 27, 2013, 13:12
In quei tempi, in cui non si udivano altro che inni - la guerra non c'era perché tutti dovevano aver paura degli italiani -, in cui la bandiera aveva due stemmi e Tito Schipa cantava la più bella canzone del mondo, Vivere senza malinconia, don ... Continua...
Pag. 48
  • 1 commento
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Aug 30, 2016, 11:17
Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi